Tatuato sul volto, non trova lavoro

| Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato

+ Miei preferiti
Puk Kireka, 31 anni, un paio di condanne sulla schiena che l’hanno portato a visitare le patrie galere, ha un grosso cruccio: non riesce a trovare lavoro. Secondo lui, il problema non è neanche la fedina penale, non proprio immacolata, ma il vistoso tatuaggio che gli copre la metà esatta del volto. Se l’era fatto nel 2008, quando si era unito alla “Mongrel Mob” una delle bande di motociclisti più temute della Nuova Zelanda.

Ma ora, diventato padre di tre bambini e dopo aver messo da parte bande, manette e metanfetamine, è diventato un giocatore fondamentale del “Tamatea Rugby Club” una squadra di rugby amatoriale di Hastings, ma soprattutto aspira a trovare un lavoro che gli permetta di mantenere la famiglia. Ma nessuno ha il coraggio di ricordargli che quella roba sulla faccia non è esattamente un bel biglietto da visita per presentarsi ad un colloquio in banca.

Perfino tifosi e sostenitori della squadra, categorie che generalmente di fronte ai risultati sono disposte ad accettare le peggiori stravaganze, storcono il naso. Un reporter, inviato per commentare un incontro casalingo del Tamatea, ha raccolto più di una voce perplessa sugli spalti: “Cosa ci fa quel gangster sul campo? Non è un bell’esempio”.

Puk Kireka, che ha ammesso di non aver mai fatto molto sport in giovane età, ha iniziato l'attività come coadiuvante di una terapia per liberarsi dalla dipendenza di metanfetamina, da cui è ormai fuori da quattro anni. Ora, con l’obiettivo di sentirsi “sano e in forma”, si rende conto è complicato trovare un lavoro, visto che la parte inferiore del suo viso è decorata con la parola “Notorious”, dipinta nei colori rosso e nero della banda.

Il suo sogno sarebbe trovare un impiego nel settore sportivo, magari dopo aver preso una laurea, ma anche questo traguardo, con quel vistoso tatuaggio, non sarà semplice da raggiungere: “Sarò sempre considerato un mafioso, ma è importante dimostrare che tutti possono essere migliori di come appaiono. Mi piacerebbe anche riuscire a coinvolgere alcuni membri della gang in questo stile di vita, decisamente migliore”.

La Mongrel Mob ha fatto notizia a livello internazionale lo scorso marzo, all’indomani del massacro delle moschee neozelandesi, quando i membri hanno promesso di unirsi alle bande rivali per supportare la comunità di Christchurch organizzando ronde di guardia durante le preghiere del venerdì. Le attività criminali del gruppo, descritto come una delle bande criminali più feroci del mondo, comprendono gravi atti di violenza tra cui estorsione, rapine a mano armata e omicidi, spaccio di droga e possesso di armi. 

Galleria fotografica
Tatuato sul volto, non trova lavoro - immagine 1
Tatuato sul volto, non trova lavoro - immagine 2
Mondo
Le ultime ore di Hong Kong
Le ultime ore di Hong Kong
La decisione sembra presa: Pechino pronta a emanare la legge sulla sicurezza nazionale per la città. La reazione degli Stati Uniti, che a Hong Kong hanno sempre applicato tariffe e controlli diversi rispetto al resto della Cina
Hong Kong torna in piazza
Hong Kong torna in piazza
La città di nuovo invasa dalle proteste, ma ad attendere i manifestanti massicci spiegamenti di polizia ed esercito: segno che Pechino non ha intenzione di tollerare ancora per molto
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La strategia sempre più caotica e rabbiosa di Trump sta accelerando il divario con gli alleati. E con un’America sempre più isolata, la Cina ha tutto da guadagnare
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
La proposta della premier Jacinda Ardern per permettere ai cittadini di riprendersi dal duro lockdown e ridare fiato al turismo, un settore fondamentale per l’economia
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
Ampham, con venti ad oltre 40 km/h, è atteso per mercoledì in zone già duramente colpite dalla pandemia. È il secondo per intensità dopo quello di più di 10 anni fa, che fece oltre 10mila vittime
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Il successo dell’isola nella lotta contro il coronavirus ha rafforzato la posizione globale e l’immagine internazionale di Taipei. E questo sta facendo infuriare Pechino
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
In Ucraina, uno dei pochi Paesi in cui la pratica dell’utero in affitto a scopo economico è permesso, decine di bambini restano in attesa delle famiglie adottive, che non possono viaggiare per andare a prenderli
La Francia entra nella Fase 2
La Francia entra nella Fase 2
Con molta cautela e con il Paese diviso in due: zone rosse e verdi. Qualche concessione in più ai cittadini dopo 8 settimane di lockdown
Il virus oltre cortina
Il virus oltre cortina
Ufficialmente la COVID-19 non è entrata in Corea del Nord, anche se non si ha certezza di quanto affermato dal governo con voci di numerosi casi e centinaia di morti. La strategia di lockdown anticipato ed estremo sembra abbia funzionato
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Al di là della retorica trionfalistica di Pechino, la città epicentro del Covid-19 stenta a riprendersi: negozi chiusi, poca gente per strada e la sensazione che tutto si ripeterà presto con una seconda ondata