Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi

| È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos

+ Miei preferiti
Il primo ministro thailandese Prayut Chan-o-cha ha annunciato di essere pronto a revocare le misure di emergenza imposte a Bangkok come reazione all’ondata di proteste antigovernative che negli ultimi mesi hanno infiammato la capitale e altre città per chiedere una nuova costituzione, la riforma della monarchia e le sue dimissioni.

“I manifestanti hanno fatto sentire la loro voce e le loro opinioni. Come leader della nazione e responsabile del benessere di tutti i thailandesi - siano essi manifestanti o la maggioranza silenziosa con qualsiasi convinzione politica - farò la prima mossa per disinnescare questa situazione”.

La revoca dello stato di emergenza nella capitale – ha aggiunto – avverrà ha una condizione: “che non ci siano altri incidenti e violenze. Chiedo ai manifestanti di ricambiare e di abbassare i toni che fomentano odio e divisione, e di lasciare che l’impegno comune disperda la nube oscura che grava sul nostro Paese”.

Nel frattempo, una sessione parlamentare straordinaria ha ricevuto il consenso di re Maha Vajiralongkorn nel nome “dell’interesse nazionale” e sarà convocata a partire da lunedì: il Parlamento tailandese è in pausa, ma sarà richiamato d’urgenza per discutere della crisi.

Nel frattempo, i manifestanti guidati da giovani e studenti hanno continuato a sfidare lo stato di emergenza che ha vieta gli assembramenti per più di cinque persone, punisce la divulgazione di informazioni “false” e concesso ampi poteri alle forze di polizia.

Decine di migliaia di manifestanti a favore della democrazia si sono radunati a Bangkok e in altre città durante il fine settimana, galvanizzati dagli scontri sempre più aspri tra polizia e manifestanti. In molti, comprese diverse celebrità, hanno pubblicamente condannato l’uso di cannoni ad acqua e gas lacrimogeni da parte della polizia per disperdere la folla dei manifestanti.

Il movimento di protesta iniziato dai giovani ha attratto il sostegno di uno spaccato più ampio della società: marce e raduni in stile flash-mob sono organizzati online su piattaforme di messaggistica come Telegram, e i luoghi di ritrovo annunciati all’ultimo minuto sui social media. Ieri, i manifestanti hanno annunciato di concedere al premier Prayut tre giorni per dimettersi, durante i quali sospenderanno le proteste per dare al governo il tempo di rispondere, ma il generale ha già replicato di non avere alcuna intenzione di fare un passo indietro.

Il gruppo chiede anche il rilascio dei manifestanti arrestati, compresi diversi leader della protesta: secondo la polizia thailandese 77 persone sono state trattenute a Bangkok a seguito delle proteste, mentre gli avvocati thailandesi per i diritti civili stimano in 87 il numero di persone tratte in arresto a livello nazionale. Le accuse vanno da reati minori ad altri più gravi come la sedizione, che comporta pene fino a sette anni di carcere.

Ma la minaccia del carcere, l’arresto dei leader e il decreto d’emergenza non scoraggiano i manifestanti, che chiedono la riforma della monarchia thailandese per limitare i poteri del sovrano e renderlo responsabile di fronte alla costituzione. La vera democrazia in Thailandia non sarà possibile, dicono i manifestanti, fino a quando l’establishment al potere composto da monarchia, militari e ricche élite politiche non sarà totalmente riformato.

Mondo
Giappone, più suicidi che vittime del Covid
Giappone, più suicidi che vittime del Covid
Il mese scorso si sono tolte la vita più persone di quante ne abbia uccise il virus. E le donne sono state le più colpite
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Joshua Wong, Ivan Lam e Agnes Chow si sono dichiarati colpevoli nel corso del processo a loro carico per una manifestazione non autorizzata. Rischiano 5 anni di galera ma assicurano: “Non molleremo”
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Un’inchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d’élite dei “SAS” hanno ucciso senza motivo civili afghani. “È la prova che esiste una cultura distorta e violenta”
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
L’amatissima premier Jacinda Ardern ha scelto come ministro degli esteri una donna indigena: quello neozelandese è uno dei governi più aperti e inclusivi del mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale