Titanic II: a volte rinavigano

| Il vecchio sogno di un miliardario australiano sta per diventare realtà: la copia perfetta del transatlantico naufragato nel 1912. Ma con scialuppe per tutti, tranquilli

+ Miei preferiti
Sarà quest’anno: è deciso. Clive Palmer, magnate e politico australiano insegue da anni un’idea un po’ folle, in cui per la verità ha già profuso intere valigiate di denaro: ricostruire la fedele riproduzione del “Titanic”, il leggendario transatlantico naufragato nel 1912, al suo viaggio inaugurale. Una delle più grandi tragedie del mare, costata la vita a 1.518 persone ed entrata nell’immaginario collettivo grazie anche all’omonimo kolossal del 1997, vincitore di 9 statuette dell’Oscar.

Tutto inizia nel 1998, ad un anno di distanza dal successo planetario del film, con un progetto di fattibilità ingegneristica pubblicato sulle pagine di “Popular Mechanics”, mensile americano dedicato alla tecnologia. Il progetto di “rebuilding”, studiato con l’apporto del “Webb Institute”, ateneo universitario newyorkese specializzato in ingegneria navale, dava come altamente possibile la realizzazione di una copia conforme dell’enorme transatlantico, a patto di apportare alcune variazioni sostanziali che comunque non avrebbero mutato l’aspetto esterno. Per cominciare, uno scafo saldato e non rivettato, un bulbo di prua per offrire meno resistenza all’acqua, stabilizzatori orizzontali e un sistema di propulsione diesel al posto delle 159 fornaci a carbone e le 29 caldaie che riempivano le stive del Titanic. Viste le moderne tecnologie, del tutto inutili dal punto di vista energetico, ma fondamentali per il “look”, risultavano i quattro fumaioli che impreziosivano la silhouette del transatlantico originale, di cui solo tre funzionanti ed il quarto adibito a presa d’aria. Ma nulla vieta di realizzarli, perché all’occhio, in questa operazione, spetta un ruolo fondamentale.

Il rapporto si chiudeva però con una nota dolente: i costi. A conti fatti, rifare il Titanic costerebbe più del doppio di una moderna nave da crociera. Cifre che non spaventano Sarel Gous, magnate sudafricano, che dopo essere entrato in possesso dei progetti originali del Titanic tenta di coinvolgere nell’operazione rinascita il consiglio della città di Belfast e i cantieri “Harland and Wolff”, gli stessi in cui fu realizzato il colosso dei mari. Ma non se ne fa nulla: 500 milioni di sterline sono uno sforzo eccessivo, per quanto il progetto sia allettante.

Mister Gous non si perde d’animo e vola nel Principato di Monaco, firma un accordo preliminare e sull’onda dell’entusiasmo sceglie addirittura di far rinascere la “White Star Line”, la compagnia proprietaria dello sfortunato transatlantico. Ma di mezzo si mette il parere contrario della “Solas” (Safety of Life at Sea), convenzione internazionale per la salvaguardia della vita umana in mare, accordo per ironia della sorte nato all’indomani della tragedia del Titanic.

Nel 2006, malgrado i tentativi e gli aggiustamenti in corso d’opera, il progetto finisce in archivio, con grande soddisfazione di Milvina Dean, l’ultima sopravvissuta del naufragio ai tempi ancora in vita, da sempre contraria.

Passano sei anni di silenzio, e sul progetto del “Titanic II” piombano le fantasie del corpulento Clive Palmer, magnate minerario attratto dal turismo, proprietario di diversi resort di lusso e interessato a realizzare una luxury line di transatlantici da sogno sotto il nome della neonata “Blue Star Line”. Rispetto al suo predecessore, Palmer sceglie però di andare sul velluto: stringe un accordo con il “CSC Jinling”, un cantiere navale di Nanchino, in Cina, e conferma l’inizio dei lavori per il 2013, con la cerimonia solenne del varo già fissata nel 2016.

“Il ‘Titanic II’ sarà uguale in tutto e per tutto all’originale, lusso compreso: 270 metri di lunghezza e 65mila tonnellate di stazza, con tre classi per i passeggeri arredate in perfetto stile “Belle époque”, ma naturalmente dotata di tutte le più avanzate tecnologie del XXI secolo e dei più recenti sistemi di navigazione e sicurezza”, dichiara Clive Palmer nella conferenza stampa del 2012, a pochi giorni dal centenario dello storico naufragio. Silenzio sui costi, anche se si parla con insistenza di 390 milioni di euro.

Ma curiosamente, pochi giorni dopo, i responsabili dei cantieri cinesi dichiarano di non saperne nulla di contratti, oltre ad ammettere candidamente di non avere le competenze necessarie nella costruzione di navi passeggeri. Insomma, per restare in tema si torna in mare aperto.

L’anno successivo, nel 2013, il “Titanic II” torna a far notizia con l’ingresso nel progetto della “Deltamarin”, sempre cinese, società a cui sarebbe stato affidato lo sviluppo ingegneristico e il coordinamento di ogni dettaglio, dall’interior design al cantiere. La firma sul contratto, finalmente, arriva nel marzo del 2014, con grande soddisfazione di Clive Palmer.

Adesso, malgrado un ritardo di due anni sulla tabella di marcia, per il “Titanic II” sembra arrivato il momento di tornare a solcare i mari. Il viaggio inaugurale, quasi inutile aggiungerlo, seguirà la stessa rotta dello sfortunato transatlantico del 1912, con partenza da Southampton e arrivo a New York. Anzi, no: l’ultimo contrordine arriva qualche settimana dopo: si partirà da Jangsu, in Cina, per arrivare a Dubai. Che non c’entrano nulla, ma bisogna farseli bastare.

Per finire con un’aggiunta necessaria, più volte sottolineate da Palmer in persona: le scialuppe di salvataggio a bordo saranno in numero sufficiente per ospitare tutti i 2.700 passeggeri. Non si sa mai.

Galleria fotografica
Titanic II: a volte rinavigano - immagine 1
Mondo
“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”
“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”
La folle teoria di un giovane regista indiano, autore di un post su Facebook in cui giustifica le violenze invitando le donne ad accettarle e ad attrezzarsi di conseguenza. Ha rimediato una valanga di insulti e minacce da tutto il mondo
Le famiglie vietano il matrimonio, coppia di giovani si uccide
Le famiglie vietano il matrimonio, coppia di giovani si uccide
È successo in India, dove Abhijit e Srilakshmi volevano sposarsi ma la differenza di casta ha fatto scattare il divieto delle famiglie. Dopo essere scomparsi per settimane, i corpi dei due giovani sono stati ritrovati in un bosco
Un badge per i giorni del ciclo
Un badge per i giorni del ciclo
È bufera su una catena di grandi magazzini giapponesi, che ha chiesto alle proprie commesse di indossare un badge nei giorni del ciclo mestruale. Un’idea che voleva avere finalità sociali, ma che si è trasformata in un caso internazionale
Si uccide a 13 anni dopo lo stupro
Si uccide a 13 anni dopo lo stupro
Pinkie, una giovane thailandese, si è gettata dal balcone di casa dopo l’ennesimo litigio con la madre. Era reduce da una devastante violenza sessuale di gruppo
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Dopo lunghi mesi di studi, è arrivata la conferma: impossibile recuperare i corpi di Daniele Nardi e Tom Ballard, morti sull’8000 himalayano 8 mesi fa
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Come nel film con Leonardo DiCaprio, un indiano di 48 anni indossava una divisa da pilota per sfruttare le agevolazioni aeroportuali riservate ai piloti e viaggiare gratis
Dallo striptease alla metanfetamina
Dallo striptease alla metanfetamina
Un’ex spogliarellista australiana , che non passava inosservata, nascondeva dosi di droga nella sua biancheria intima: è accusata di aver fatto almeno 13 viaggi, intascando ogni volta 100mila dollari
Hong Kong, l’ultimo scontro
Hong Kong, l’ultimo scontro
Da due giorni, centinaia di manifestanti sono asserragliati all’interno di un’università: l’edificio è circondato dalla polizia, che impedisce a chiunque di entrare e uscire. Gli scontri si fanno sempre più violenti
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
Infuria la polemica: sull’iPad di John Connell, un anziano pedofilo schedato, la polizia ha trovato 8.000 immagini pedopornografiche. Ma il giudice ha mitigato la condanna perché l’uomo è gravemente malato di cuore
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Ketellen Umbelino de Oliveira Gomes, 5 anni, è stata colpita sulla bici della mamma, mentre andava a scuola. La polizia ha arrestato un narcotrafficante che era ricercato per altri due omicidi