Tragedia d'Arolla, la verità dai superstiti

| La polizia svizzera del Vallese sta per interrogare i superstiti della tragica escursione Chamonix-Zermatt. Due sono ancora in gravi condizioni, gli altri in ripresa. Passo avanti verso la verità. Tre francesi e una tedesca

+ Miei preferiti

Gli investigatori della polizia del Vallese hanno sentio tutti e sette i superstiti della tragica spedizione  Chamonix-Zermatt in cui hanno perso la vita sette persone: la guida alpina Mario Castiglioni, la moglie Kalina Damyanova, i coniugi di Bolzano Marcello Alberti e la moglie Gabriella Bernardi, l'insegnante sempre di Bolzano Elisabetta Paolucci, il comasco Andrea Grigioni e la parmigiana Francesca Von Felben. Sette i sopravvissuti: Tommaso Piccioli, 50 anni, di Rimini, quattro francesi, uno svizzero e una tedesca. Il superstite svizzero, del Canton Ticino, ha 72 anni ed è ricoverato ancora  in serie condizioni, ha chiarito il portavoce della polizia cantonale del Vallese Markus Rieder. In ripresa anche il gruppo dei francesi, una donna di 56, altri tre (due uomini e una donna di 58, 57 e 55 anni) e una tedesca di 48 anni. Non appena le loro condizioni di salute lo consentiranno, saranno interrogati dagli investigatori che oggi hanno un quadro molto più preciso di quanto potrebbe essere avvenuto la mattina del 30 aprile, quando il gruppo di 10 italiani, svizzeri e tedesci, guidati dalla Mario Castiglioni, e 4 scialpinisti francesi partirano dal rifugio Cabannes Des Dix per compiere la quarta tappa dell'Haute Route Chamonix-Zermatt. Alle 5,30 la visibilità era buona anche se il meteo annunciava un peggioramento per la tarda mattinata. Castiglioni decideva di proseguire il rifugio Nacamuli nella Valpelline, più lontano ma con un percorso a quote più basse, i francesi verso le Cabanne del Vignettes (nella foto d'apertura), assai più vicino in linea d'ara e meta naturale di questo percorso. Alle 9,30 la tempesta, con la visibilità ridotta a zero e l'incubo che ci chiuderà solo 21 ore dopo, con un bilancio tragico. Ecco, ai superstiti del gruppo Castiglioni verranno poste le domande chiave dell'inchiesta, in merito al tipo di attrezzature con cui erano partiti, se c'erano o no i Gps e chi li aveva, poi i dispositivi digitali di allerta e segnalazione, le mappe, le bussole e i satellitari. Perchè Castiglioni, come affermano le guide svizzere, non ha tentato di scendere il più in basso possibile per sottrarsi alla furia rabbiosa del whiteout; se il titolare del rifugio Nacamuli fosse stato avvertito o no del loro arrivo. Particolare non da poco. Il gruppo avrebbe dovuto arrivare sul versante italiano, in condizioni normali, attorno alle 16. In caso di ritardo, avrebbe potuto così dare l'allarme per le ricerche, cosa che non avvenne. L'inchiesta avrà un'importanza fondamentale anche per gli aspetti assicurativi; tutti gli sci-alpinisti risultano infatti assicurati, fatto previsto dalla quota individuale di 1200 euro che avevano pagato, attraverso i contatti di Betti Paolucci, alla Mlg Mountain di Chiasso. C'è poi da valutare la posizione dell'unico superstite italiano, tommaso Piccioli, che ha pesantemente criticato il comportamento della guida scomparsa poi nella notte, per cercare il sentiero per il rifugio, e ritrovata cadavere non distante dal gruppo. 

Mondo
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Ben 95 morti per un insieme di leggerezze, incompetenze e noncuranza: l’inchiesta sul naufragio dello scorso anno in Micronesia si è conclusa con pesanti accuse per il comandante e l’equipaggio
Famiglia indiana muore per un selfie
Famiglia indiana muore per un selfie
Quattro persone, tutte giovanissime, cadono una dopo l’altra nelle acque della diga del fiume Pambar. L’India è il Paese al mondo con più vittime per selfie
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
La disgustosa vicenda di Jennifer, una donna inglese che in un’intervista ha raccontato la terribile esperienza vissuta quando aveva solo 11 anni
Decapitata e gettata dal balcone
Decapitata e gettata dal balcone
Orrore a Chita, in Russia: una 19enne è stata fatta a pezzi da un uomo che ha gettato i resti dall’appartamento in cui viveva insieme alla ragazza
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
È successo in Thailandia, al tribunale di Yala: il giudice Khanakorn Pianchana si è sparato al petto per denunciare le pressioni subite da numerosi colleghi perché mandasse sul patibolo degli innocenti
NBP, il formicaio umano
NBP, il formicaio umano
La media di morti fra i detenuti della New Bilibid Prison delle Filippine è di 5.000 persone ogni anno. Una realtà in cui sopravvive soltanto chi ha i soldi per pagarsi la libertà anticipata o una detenzione a cinque stelle
La seconda isola harem di Epstein
La seconda isola harem di Epstein
Tra i suoi numerosi possedimenti, il miliardario pedofilo morto suicida aveva voluto aggiungere ad ogni costo Great St. James Cay. Una trattativa complicata risolta con l’inganno
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Un milione di dollari ad un uomo che a 9 anni era stato violentato nel confessionale da padre Gerald Ridsdale, un sacerdote reo confesso di violenza sessuale su decine di bambini
Joshua for president
Joshua for president
Il giovane leader del Movimento degli Ombrelli che da settimane mette a ferro e fuoco Hong Kong lancia la propria candidatura alle elezioni locali del prossimo novembre
La morte di una modella mina le notti thailandesi
La morte di una modella mina le notti thailandesi
Mentre prove ed esami sembrano incastrare il principale sospettato, il paese si interroga su un universo parallelo senza regole, fatto di alcol, droga e violenza