Tragedia d'Arolla, la verità dai superstiti

| La polizia svizzera del Vallese sta per interrogare i superstiti della tragica escursione Chamonix-Zermatt. Due sono ancora in gravi condizioni, gli altri in ripresa. Passo avanti verso la verità. Tre francesi e una tedesca

+ Miei preferiti

Gli investigatori della polizia del Vallese hanno sentio tutti e sette i superstiti della tragica spedizione  Chamonix-Zermatt in cui hanno perso la vita sette persone: la guida alpina Mario Castiglioni, la moglie Kalina Damyanova, i coniugi di Bolzano Marcello Alberti e la moglie Gabriella Bernardi, l'insegnante sempre di Bolzano Elisabetta Paolucci, il comasco Andrea Grigioni e la parmigiana Francesca Von Felben. Sette i sopravvissuti: Tommaso Piccioli, 50 anni, di Rimini, quattro francesi, uno svizzero e una tedesca. Il superstite svizzero, del Canton Ticino, ha 72 anni ed è ricoverato ancora  in serie condizioni, ha chiarito il portavoce della polizia cantonale del Vallese Markus Rieder. In ripresa anche il gruppo dei francesi, una donna di 56, altri tre (due uomini e una donna di 58, 57 e 55 anni) e una tedesca di 48 anni. Non appena le loro condizioni di salute lo consentiranno, saranno interrogati dagli investigatori che oggi hanno un quadro molto più preciso di quanto potrebbe essere avvenuto la mattina del 30 aprile, quando il gruppo di 10 italiani, svizzeri e tedesci, guidati dalla Mario Castiglioni, e 4 scialpinisti francesi partirano dal rifugio Cabannes Des Dix per compiere la quarta tappa dell'Haute Route Chamonix-Zermatt. Alle 5,30 la visibilità era buona anche se il meteo annunciava un peggioramento per la tarda mattinata. Castiglioni decideva di proseguire il rifugio Nacamuli nella Valpelline, più lontano ma con un percorso a quote più basse, i francesi verso le Cabanne del Vignettes (nella foto d'apertura), assai più vicino in linea d'ara e meta naturale di questo percorso. Alle 9,30 la tempesta, con la visibilità ridotta a zero e l'incubo che ci chiuderà solo 21 ore dopo, con un bilancio tragico. Ecco, ai superstiti del gruppo Castiglioni verranno poste le domande chiave dell'inchiesta, in merito al tipo di attrezzature con cui erano partiti, se c'erano o no i Gps e chi li aveva, poi i dispositivi digitali di allerta e segnalazione, le mappe, le bussole e i satellitari. Perchè Castiglioni, come affermano le guide svizzere, non ha tentato di scendere il più in basso possibile per sottrarsi alla furia rabbiosa del whiteout; se il titolare del rifugio Nacamuli fosse stato avvertito o no del loro arrivo. Particolare non da poco. Il gruppo avrebbe dovuto arrivare sul versante italiano, in condizioni normali, attorno alle 16. In caso di ritardo, avrebbe potuto così dare l'allarme per le ricerche, cosa che non avvenne. L'inchiesta avrà un'importanza fondamentale anche per gli aspetti assicurativi; tutti gli sci-alpinisti risultano infatti assicurati, fatto previsto dalla quota individuale di 1200 euro che avevano pagato, attraverso i contatti di Betti Paolucci, alla Mlg Mountain di Chiasso. C'è poi da valutare la posizione dell'unico superstite italiano, tommaso Piccioli, che ha pesantemente criticato il comportamento della guida scomparsa poi nella notte, per cercare il sentiero per il rifugio, e ritrovata cadavere non distante dal gruppo. 

Mondo
Lacrimogeni a Hong Kong
contro una manifestazione
Lacrimogeni a Hong Kong<br>contro una manifestazione
La polizia antisommossa ha lanciato numerosi gas per disperdere i manifestanti che per il settimo fine settimana consecutivo protestano contro il governo e la Cina
Star della TV russa si massacra un occhio
Star della TV russa si massacra un occhio
Valeria Khusnutdinova, giovanissima star di un reality di grande successo, è tornata a casa ubriaca e ha tentato di togliersi la lente a contatto, provocandosi dei danni seri
Dove si muore di più
Dove si muore di più
Un rapporto di un’agenzia dell’Onu ha esaminato i dati globali delle morti violente nel mondo intero. Si muore di più in Sudamerica, anche se per diverse zone del pianeta è ancora difficile avere stime precise
Massacro in Papua Nuova Guinea
Massacro in Papua Nuova Guinea
Almeno 24 persone barbaramente uccise in scontri tribali che infiammano una delle regioni più remote del paese. Il premier promette giustizia
Canada: assolto per due stupri
Canada: assolto per due stupri
L’incredibile vicenda processuale del tribunale di Ottawa: la versione di un uomo accusato di stupro e violenza da due donne, è stata ritenuta dal giudice la più attendibile
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Il gruppo pentastellato ancora alla ricerca di un partner in Europa per contare qualcosa, anche se poco. Dopo il No di mezzo Parlamente, Farage, teorico della Brexit sembrerebbe orientato ad accoglierli. Ma è un guaio lo stesso
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato