Tragedia d'Arolla, la verità dai superstiti

| La polizia svizzera del Vallese sta per interrogare i superstiti della tragica escursione Chamonix-Zermatt. Due sono ancora in gravi condizioni, gli altri in ripresa. Passo avanti verso la verità. Tre francesi e una tedesca

+ Miei preferiti

Gli investigatori della polizia del Vallese hanno sentio tutti e sette i superstiti della tragica spedizione  Chamonix-Zermatt in cui hanno perso la vita sette persone: la guida alpina Mario Castiglioni, la moglie Kalina Damyanova, i coniugi di Bolzano Marcello Alberti e la moglie Gabriella Bernardi, l'insegnante sempre di Bolzano Elisabetta Paolucci, il comasco Andrea Grigioni e la parmigiana Francesca Von Felben. Sette i sopravvissuti: Tommaso Piccioli, 50 anni, di Rimini, quattro francesi, uno svizzero e una tedesca. Il superstite svizzero, del Canton Ticino, ha 72 anni ed è ricoverato ancora  in serie condizioni, ha chiarito il portavoce della polizia cantonale del Vallese Markus Rieder. In ripresa anche il gruppo dei francesi, una donna di 56, altri tre (due uomini e una donna di 58, 57 e 55 anni) e una tedesca di 48 anni. Non appena le loro condizioni di salute lo consentiranno, saranno interrogati dagli investigatori che oggi hanno un quadro molto più preciso di quanto potrebbe essere avvenuto la mattina del 30 aprile, quando il gruppo di 10 italiani, svizzeri e tedesci, guidati dalla Mario Castiglioni, e 4 scialpinisti francesi partirano dal rifugio Cabannes Des Dix per compiere la quarta tappa dell'Haute Route Chamonix-Zermatt. Alle 5,30 la visibilità era buona anche se il meteo annunciava un peggioramento per la tarda mattinata. Castiglioni decideva di proseguire il rifugio Nacamuli nella Valpelline, più lontano ma con un percorso a quote più basse, i francesi verso le Cabanne del Vignettes (nella foto d'apertura), assai più vicino in linea d'ara e meta naturale di questo percorso. Alle 9,30 la tempesta, con la visibilità ridotta a zero e l'incubo che ci chiuderà solo 21 ore dopo, con un bilancio tragico. Ecco, ai superstiti del gruppo Castiglioni verranno poste le domande chiave dell'inchiesta, in merito al tipo di attrezzature con cui erano partiti, se c'erano o no i Gps e chi li aveva, poi i dispositivi digitali di allerta e segnalazione, le mappe, le bussole e i satellitari. Perchè Castiglioni, come affermano le guide svizzere, non ha tentato di scendere il più in basso possibile per sottrarsi alla furia rabbiosa del whiteout; se il titolare del rifugio Nacamuli fosse stato avvertito o no del loro arrivo. Particolare non da poco. Il gruppo avrebbe dovuto arrivare sul versante italiano, in condizioni normali, attorno alle 16. In caso di ritardo, avrebbe potuto così dare l'allarme per le ricerche, cosa che non avvenne. L'inchiesta avrà un'importanza fondamentale anche per gli aspetti assicurativi; tutti gli sci-alpinisti risultano infatti assicurati, fatto previsto dalla quota individuale di 1200 euro che avevano pagato, attraverso i contatti di Betti Paolucci, alla Mlg Mountain di Chiasso. C'è poi da valutare la posizione dell'unico superstite italiano, tommaso Piccioli, che ha pesantemente criticato il comportamento della guida scomparsa poi nella notte, per cercare il sentiero per il rifugio, e ritrovata cadavere non distante dal gruppo. 

Mondo
Le promesse ambientali del G7
Le promesse ambientali del G7
I leader mondiali hanno concordato sull’urgenza di agire per salvare il pianeta. Ma senza fatti concreti: a quattro mesi dal COP 26 mancano ancora date e strategie
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
Un’inchiesta top secret svelata dai media avrebbe individuato 150 dipendenti della compagnia aerea australiana appartenenti a gang di bikers attive nel traffico di stupefacenti
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Si tratta per lo più di aborigeni, e alcuni avevano pochi anni. La macabra scoperta è arrivata dopo anni di indagini e segnalazioni. Per il premier Trudeau è “una pagina sconcertante nella storia del nostro Paese”
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Saki Sudo, 22 anni, ha ucciso il miliardario 77enne Kosuke Nozaki somministrandogli massicce dosi di droghe stimolanti. La polizia l’ha arrestata dopo anni di indagini
Riappare la principessa Latifa
Riappare la principessa Latifa
La figlia dello sceicco di Dubai, per cui si sono mosse anche le Nazioni Uniti, è comparsa all’improvviso in un paio di foto postate su Instagram. E' la prova che sia ancora in vita, ma non dice nulla sulle sue condizioni
La moglie manesca dell’ambasciatore
La moglie manesca dell’ambasciatore
Xiang Xueqiu, consorte dell’ambasciatore del Belgio in Corea del Sud, ha chiesto l’immunità diplomatica prima di essere accusata di aggressione dalla commessa di un negozio di abbigliamento
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Colpevole di estremismo, Olga Misik dovrà scontare 2 anni 9 mesi di arresti domiciliari. Insieme a lei condannati altri due giovani per vandalismo
Strage in una scuola in Russia
Strage in una scuola in Russia
Scene simili a quelle americane a Kazan, una città a 1000 km da Mosca: un 19enne ha ucciso 9 persone prima di essere fermato. Putin invoca una maggior stretta sulle armi
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Questa la versione dell’agenzia spaziale di Pechino, accusata di aver realizzato un booster destinato a tornare sulla Terra senza controllo
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
I detriti del Long March 5B dovrebbero rientrare nel giro delle prossime ore, ma nessuno sa con precisione dove e quando. I cinesi minimizzano, tutti gli altri sono preoccupati