Troppo inglese, ora si cambia

| In Olanda infuria la polemica: troppi i negozi che ormai usano soltanto l’idioma anglosassone rinnegando la propria lingua. Il comune di Amsterdam ha stretto le maglie, e perfino un tribunale non ha sentito ragioni

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Sembrava la solita “butade” di uno pseudoleghista del posto, ed è finita in tribunale. Succede ad Amsterdam, capitale dei Paesi Bassi, una delle città europee più amate dal turismo (con punte annuali di 17 milioni di presenze) e per questo un po’ piegata alle esigenze di chi arriva da altri posti. Forse un po’ troppo, secondo una campagna sciovinista cavalcata a piene mani dai media e improvvisamente montata come una panna ben riuscita. “De Telegraaf”, uno dei principali quotidiani olandesi, qualche giorno fa aperto la prima pagina con un titolo quanto mai chiaro: “Fermate la follia inglese”.

Sotto accusa “l’attapiramento” convulsivo dell’intera Olanda verso la lingua anglosassone, che ormai domina vetrine, alberghi e negozi del centro storico, a discapito dell’olandese, praticamente scomparso. Una levata di scudi che ha costretto il Consiglio Cittadino, l’equivalente del nostro Comune, a limitare a 40 le attività che possono esporre cartelli nella doppia lingua, favorendo al contrario l’apertura di attività che prediligano la complicata lingua olandese. Tutto questo, onore al merito, per evitare che chi è nato da quelle parti non si senta un turista in casa propria.

A rimetterci fra i primi è stato un negozio appena aperto della catena “Amsterdam Cheese Company”, specializzato in formaggi, finito sotto accusa per l’insegna: “Say cheese to life”. Quirijn Kolff, il proprietario, ha deciso di reagire presentando un ricorso in cui affermava che l’inglese è a tutti gli effetti la seconda lingua degli olandesi, ma non è bastato: il tribunale gli ha dato torto, obbligandolo a far sparire il richiamo pubblicitario.

L’impennata nazionalistica, in realtà, ha radici ben più profonde del semplice commercio: è partito da un’indagine in cui emerge chiaramente la crescita di corsi scolastici in lingua inglese, contro una penuria di quelli in olandese. E se questo da una parte favorisce l’arrivo di studenti da ogni parte del mondo, dall’altro finirà per impoverire proprio l’Olanda, visto che i corsi universitari sono a numero chiuso.

Mondo
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità