Troppo inglese, ora si cambia

| In Olanda infuria la polemica: troppi i negozi che ormai usano soltanto l’idioma anglosassone rinnegando la propria lingua. Il comune di Amsterdam ha stretto le maglie, e perfino un tribunale non ha sentito ragioni

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Sembrava la solita “butade” di uno pseudoleghista del posto, ed è finita in tribunale. Succede ad Amsterdam, capitale dei Paesi Bassi, una delle città europee più amate dal turismo (con punte annuali di 17 milioni di presenze) e per questo un po’ piegata alle esigenze di chi arriva da altri posti. Forse un po’ troppo, secondo una campagna sciovinista cavalcata a piene mani dai media e improvvisamente montata come una panna ben riuscita. “De Telegraaf”, uno dei principali quotidiani olandesi, qualche giorno fa aperto la prima pagina con un titolo quanto mai chiaro: “Fermate la follia inglese”.

Sotto accusa “l’attapiramento” convulsivo dell’intera Olanda verso la lingua anglosassone, che ormai domina vetrine, alberghi e negozi del centro storico, a discapito dell’olandese, praticamente scomparso. Una levata di scudi che ha costretto il Consiglio Cittadino, l’equivalente del nostro Comune, a limitare a 40 le attività che possono esporre cartelli nella doppia lingua, favorendo al contrario l’apertura di attività che prediligano la complicata lingua olandese. Tutto questo, onore al merito, per evitare che chi è nato da quelle parti non si senta un turista in casa propria.

A rimetterci fra i primi è stato un negozio appena aperto della catena “Amsterdam Cheese Company”, specializzato in formaggi, finito sotto accusa per l’insegna: “Say cheese to life”. Quirijn Kolff, il proprietario, ha deciso di reagire presentando un ricorso in cui affermava che l’inglese è a tutti gli effetti la seconda lingua degli olandesi, ma non è bastato: il tribunale gli ha dato torto, obbligandolo a far sparire il richiamo pubblicitario.

L’impennata nazionalistica, in realtà, ha radici ben più profonde del semplice commercio: è partito da un’indagine in cui emerge chiaramente la crescita di corsi scolastici in lingua inglese, contro una penuria di quelli in olandese. E se questo da una parte favorisce l’arrivo di studenti da ogni parte del mondo, dall’altro finirà per impoverire proprio l’Olanda, visto che i corsi universitari sono a numero chiuso.

Mondo
Star della TV russa si massacra un occhio
Star della TV russa si massacra un occhio
Valeria Khusnutdinova, giovanissima star di un reality di grande successo, è tornata a casa ubriaca e ha tentato di togliersi la lente a contatto, provocandosi dei danni seri
Dove si muore di più
Dove si muore di più
Un rapporto di un’agenzia dell’Onu ha esaminato i dati globali delle morti violente nel mondo intero. Si muore di più in Sudamerica, anche se per diverse zone del pianeta è ancora difficile avere stime precise
Massacro in Papua Nuova Guinea
Massacro in Papua Nuova Guinea
Almeno 24 persone barbaramente uccise in scontri tribali che infiammano una delle regioni più remote del paese. Il premier promette giustizia
Canada: assolto per due stupri
Canada: assolto per due stupri
L’incredibile vicenda processuale del tribunale di Ottawa: la versione di un uomo accusato di stupro e violenza da due donne, è stata ritenuta dal giudice la più attendibile
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Il gruppo pentastellato ancora alla ricerca di un partner in Europa per contare qualcosa, anche se poco. Dopo il No di mezzo Parlamente, Farage, teorico della Brexit sembrerebbe orientato ad accoglierli. Ma è un guaio lo stesso
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale