Troppo inglese, ora si cambia

| In Olanda infuria la polemica: troppi i negozi che ormai usano soltanto l’idioma anglosassone rinnegando la propria lingua. Il comune di Amsterdam ha stretto le maglie, e perfino un tribunale non ha sentito ragioni

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Sembrava la solita “butade” di uno pseudoleghista del posto, ed è finita in tribunale. Succede ad Amsterdam, capitale dei Paesi Bassi, una delle città europee più amate dal turismo (con punte annuali di 17 milioni di presenze) e per questo un po’ piegata alle esigenze di chi arriva da altri posti. Forse un po’ troppo, secondo una campagna sciovinista cavalcata a piene mani dai media e improvvisamente montata come una panna ben riuscita. “De Telegraaf”, uno dei principali quotidiani olandesi, qualche giorno fa aperto la prima pagina con un titolo quanto mai chiaro: “Fermate la follia inglese”.

Sotto accusa “l’attapiramento” convulsivo dell’intera Olanda verso la lingua anglosassone, che ormai domina vetrine, alberghi e negozi del centro storico, a discapito dell’olandese, praticamente scomparso. Una levata di scudi che ha costretto il Consiglio Cittadino, l’equivalente del nostro Comune, a limitare a 40 le attività che possono esporre cartelli nella doppia lingua, favorendo al contrario l’apertura di attività che prediligano la complicata lingua olandese. Tutto questo, onore al merito, per evitare che chi è nato da quelle parti non si senta un turista in casa propria.

A rimetterci fra i primi è stato un negozio appena aperto della catena “Amsterdam Cheese Company”, specializzato in formaggi, finito sotto accusa per l’insegna: “Say cheese to life”. Quirijn Kolff, il proprietario, ha deciso di reagire presentando un ricorso in cui affermava che l’inglese è a tutti gli effetti la seconda lingua degli olandesi, ma non è bastato: il tribunale gli ha dato torto, obbligandolo a far sparire il richiamo pubblicitario.

L’impennata nazionalistica, in realtà, ha radici ben più profonde del semplice commercio: è partito da un’indagine in cui emerge chiaramente la crescita di corsi scolastici in lingua inglese, contro una penuria di quelli in olandese. E se questo da una parte favorisce l’arrivo di studenti da ogni parte del mondo, dall’altro finirà per impoverire proprio l’Olanda, visto che i corsi universitari sono a numero chiuso.

Mondo
Le ultime ore di Hong Kong
Le ultime ore di Hong Kong
La decisione sembra presa: Pechino pronta a emanare la legge sulla sicurezza nazionale per la città. La reazione degli Stati Uniti, che a Hong Kong hanno sempre applicato tariffe e controlli diversi rispetto al resto della Cina
Hong Kong torna in piazza
Hong Kong torna in piazza
La città di nuovo invasa dalle proteste, ma ad attendere i manifestanti massicci spiegamenti di polizia ed esercito: segno che Pechino non ha intenzione di tollerare ancora per molto
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La strategia sempre più caotica e rabbiosa di Trump sta accelerando il divario con gli alleati. E con un’America sempre più isolata, la Cina ha tutto da guadagnare
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
La proposta della premier Jacinda Ardern per permettere ai cittadini di riprendersi dal duro lockdown e ridare fiato al turismo, un settore fondamentale per l’economia
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
Ampham, con venti ad oltre 40 km/h, è atteso per mercoledì in zone già duramente colpite dalla pandemia. È il secondo per intensità dopo quello di più di 10 anni fa, che fece oltre 10mila vittime
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Il successo dell’isola nella lotta contro il coronavirus ha rafforzato la posizione globale e l’immagine internazionale di Taipei. E questo sta facendo infuriare Pechino
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
In Ucraina, uno dei pochi Paesi in cui la pratica dell’utero in affitto a scopo economico è permesso, decine di bambini restano in attesa delle famiglie adottive, che non possono viaggiare per andare a prenderli
La Francia entra nella Fase 2
La Francia entra nella Fase 2
Con molta cautela e con il Paese diviso in due: zone rosse e verdi. Qualche concessione in più ai cittadini dopo 8 settimane di lockdown
Il virus oltre cortina
Il virus oltre cortina
Ufficialmente la COVID-19 non è entrata in Corea del Nord, anche se non si ha certezza di quanto affermato dal governo con voci di numerosi casi e centinaia di morti. La strategia di lockdown anticipato ed estremo sembra abbia funzionato
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Al di là della retorica trionfalistica di Pechino, la città epicentro del Covid-19 stenta a riprendersi: negozi chiusi, poca gente per strada e la sensazione che tutto si ripeterà presto con una seconda ondata