Turismo1/Nizza, un anno dopo resta il sangue di 80 innocenti

| Ad un anno esatto dalla strage terroristica, la capitale della Costa Azzurra ha faticato a riprendersi. Oggi, la Promenade des Anglais è forse il lungomare più blindato del mondo, anche se non sembra

+ Miei preferiti
GERMANO LONGO
Reportage
Il sangue macchia, non va via. Un anno fa, la mattina del 15 luglio, l'asfalto della Promenade des Anglais, a Nizza, ne era pieno. Era appena passata la notte più devastante nella storia recente di Francia, quella impressa nella memoria di tutti e nei fotogrammi dei turisti che avevano appena ripreso i fuochi d'artificio del 14 luglio, finendo per testimoniare la folle corsa del tir lanciato sulla gente da Mohamed Lahouaiej Bouhel, 31 anni, il terrorista di origini tunisine freddato dalla polizia dopo aver travolto tutto quello che incontrava.


Avevano cercato per tutta la notte di cancellarlo - quel sangue - di pulire, ma ormai era sceso in profondità, aveva intriso l'asfalto. È stato così per giorni, quegli stessi giorni in cui la capitale della Costa Azzurra contava uno dopo l'altro i propri morti, 86, scoprendo la triste consapevolezza di un'equazione ancora tutta da smontare: Nizza sta alla Francia come Molembech sta al Belgio.

Da allora è passato un anno esatto, e per traghettare nei ricordi più indelebili quella notte, a Nizza è arrivato anche Macron, il presidente ragazzino, che dall'enorme palco su Place Massena ha sentenziato quello che tutti i politici ripetono: "Non ci faremo intimidire". Ma un conto sono le parole, un altro svegliarsi una mattina e scoprire di dover dividere la Promenade des Anglais con pattuglie di soldati in mimetica, armati fino ai denti. Un po' intimiditi ci si sente, perché da questa parte del mondo certe cose non sono normali. O meglio, non lo erano.

Nizza in quest'anno è cambiata, il prezzo pagato la notte del 14 luglio 2016 si sente ancora nell'aria, e provare dimenticare non è facile: se bastasse un anno per ogni vittima servirebbe quasi un secolo.

Da mesi è sparito il mausoleo spontaneo di place Albert Premiere, un mare di messaggi, peluche, bandiere, sassi e pensieri diventato la penosa meta di chi lo scorso anno passava da Nizza. E anche la "Prom", la spettacolare passeggiata dove un tempo sfrecciavano le decapottabili dei divi di Hollywood, ha cambiato faccia, ma in modo discreto, perché questa città vive di turismo e ai turisti non piace sentirsi in zona di guerra: stonano fino a urlare, le infradito e gli anfibi militari.

Ma qualcosa bisognava fare, era necessario, perché le falle nell'apparato di sicurezza di quella notte e la facilità con cui il tir ha zigzagato fra la gente dovevano servire da lezione. Provare a ripetere qualcosa di simile, oggi, sarebbe impossibile: un lungo cavo di acciaio intrecciato corre lungo la Prom, e ogni due metri un palo entra nel terreno per diversi metri. Tutto è dipinto di bianco, non dà nell'occhio e sta perfino bene, a pochi passi all'azzurro del mare. Ma l'imperativo era fare in modo che a nessuno venisse più in mente di imitare la folle corsa di Mohamed Lahouaiej Bouhel.

Oggi, dopo Macron, dopo le bandiere, le parate e le parole, Nizza è di nuovo sola, come ogni anno piena di turisti che scendono in spiaggia a pochi metri da dove dei fiori ricordano che lì è morto qualcuno. Nell'aria ci sono polemiche, per le foto raccapriccianti pubblicate da "Paris Match" e per le parole dei familiari delle vittime, un po' abbandondati al loro destino da una città costretta a dimenticare nel nome del solito spettacolo che deve continuare.

Certezze, da queste parti, nessuna, a parte forse una, l'unica: Mohamed Lahouaiej Bouhel, un anno fa, è riuscito a sverniciare per sempre il 14 luglio, la festa più amata dai francesi. Quel giorno, a Nizza, non sarà mai più una festa.

Mondo
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Uno studio ha evidenziato quanto gli uomini imbarcati sulla flotta sottomarina cinese, costretti per lunghi mesi ad ambienti ristretti e rumorosi, sviluppano pericolose ossessioni