Turismo1/Nizza, un anno dopo resta il sangue di 80 innocenti

| Ad un anno esatto dalla strage terroristica, la capitale della Costa Azzurra ha faticato a riprendersi. Oggi, la Promenade des Anglais è forse il lungomare più blindato del mondo, anche se non sembra

+ Miei preferiti
GERMANO LONGO
Reportage
Il sangue macchia, non va via. Un anno fa, la mattina del 15 luglio, l'asfalto della Promenade des Anglais, a Nizza, ne era pieno. Era appena passata la notte più devastante nella storia recente di Francia, quella impressa nella memoria di tutti e nei fotogrammi dei turisti che avevano appena ripreso i fuochi d'artificio del 14 luglio, finendo per testimoniare la folle corsa del tir lanciato sulla gente da Mohamed Lahouaiej Bouhel, 31 anni, il terrorista di origini tunisine freddato dalla polizia dopo aver travolto tutto quello che incontrava.


Avevano cercato per tutta la notte di cancellarlo - quel sangue - di pulire, ma ormai era sceso in profondità, aveva intriso l'asfalto. È stato così per giorni, quegli stessi giorni in cui la capitale della Costa Azzurra contava uno dopo l'altro i propri morti, 86, scoprendo la triste consapevolezza di un'equazione ancora tutta da smontare: Nizza sta alla Francia come Molembech sta al Belgio.

Da allora è passato un anno esatto, e per traghettare nei ricordi più indelebili quella notte, a Nizza è arrivato anche Macron, il presidente ragazzino, che dall'enorme palco su Place Massena ha sentenziato quello che tutti i politici ripetono: "Non ci faremo intimidire". Ma un conto sono le parole, un altro svegliarsi una mattina e scoprire di dover dividere la Promenade des Anglais con pattuglie di soldati in mimetica, armati fino ai denti. Un po' intimiditi ci si sente, perché da questa parte del mondo certe cose non sono normali. O meglio, non lo erano.

Nizza in quest'anno è cambiata, il prezzo pagato la notte del 14 luglio 2016 si sente ancora nell'aria, e provare dimenticare non è facile: se bastasse un anno per ogni vittima servirebbe quasi un secolo.

Da mesi è sparito il mausoleo spontaneo di place Albert Premiere, un mare di messaggi, peluche, bandiere, sassi e pensieri diventato la penosa meta di chi lo scorso anno passava da Nizza. E anche la "Prom", la spettacolare passeggiata dove un tempo sfrecciavano le decapottabili dei divi di Hollywood, ha cambiato faccia, ma in modo discreto, perché questa città vive di turismo e ai turisti non piace sentirsi in zona di guerra: stonano fino a urlare, le infradito e gli anfibi militari.

Ma qualcosa bisognava fare, era necessario, perché le falle nell'apparato di sicurezza di quella notte e la facilità con cui il tir ha zigzagato fra la gente dovevano servire da lezione. Provare a ripetere qualcosa di simile, oggi, sarebbe impossibile: un lungo cavo di acciaio intrecciato corre lungo la Prom, e ogni due metri un palo entra nel terreno per diversi metri. Tutto è dipinto di bianco, non dà nell'occhio e sta perfino bene, a pochi passi all'azzurro del mare. Ma l'imperativo era fare in modo che a nessuno venisse più in mente di imitare la folle corsa di Mohamed Lahouaiej Bouhel.

Oggi, dopo Macron, dopo le bandiere, le parate e le parole, Nizza è di nuovo sola, come ogni anno piena di turisti che scendono in spiaggia a pochi metri da dove dei fiori ricordano che lì è morto qualcuno. Nell'aria ci sono polemiche, per le foto raccapriccianti pubblicate da "Paris Match" e per le parole dei familiari delle vittime, un po' abbandondati al loro destino da una città costretta a dimenticare nel nome del solito spettacolo che deve continuare.

Certezze, da queste parti, nessuna, a parte forse una, l'unica: Mohamed Lahouaiej Bouhel, un anno fa, è riuscito a sverniciare per sempre il 14 luglio, la festa più amata dai francesi. Quel giorno, a Nizza, non sarà mai più una festa.

Mondo
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Come nel film con Leonardo DiCaprio, un indiano di 48 anni indossava una divisa da pilota per sfruttare le agevolazioni aeroportuali riservate ai piloti e viaggiare gratis
Dallo striptease alla metanfetamina
Dallo striptease alla metanfetamina
Un’ex spogliarellista australiana , che non passava inosservata, nascondeva dosi di droga nella sua biancheria intima: è accusata di aver fatto almeno 13 viaggi, intascando ogni volta 100mila dollari
Hong Kong, l’ultimo scontro
Hong Kong, l’ultimo scontro
Da due giorni, centinaia di manifestanti sono asserragliati all’interno di un’università: l’edificio è circondato dalla polizia, che impedisce a chiunque di entrare e uscire. Gli scontri si fanno sempre più violenti
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
Infuria la polemica: sull’iPad di John Connell, un anziano pedofilo schedato, la polizia ha trovato 8.000 immagini pedopornografiche. Ma il giudice ha mitigato la condanna perché l’uomo è gravemente malato di cuore
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Ketellen Umbelino de Oliveira Gomes, 5 anni, è stata colpita sulla bici della mamma, mentre andava a scuola. La polizia ha arrestato un narcotrafficante che era ricercato per altri due omicidi
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Secondo l’organizzazione umanitaria che ha denunciato il caso, il traffico potrebbe essere responsabile di abusi si più di 500 ragazzi. Ma per evitare il disonore le vittime tacciono, e i responsabili non vengono nemmeno accusati
Io ero Mia
Io ero Mia
La vicenda di una giovane americana di origini libanesi che per due anni è stata una stella del porno. Una scena hard girata con il hijab le è valsa la condanna a morte dei gruppi terroristici
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Un uomo si è arrampicato sul tetto della scuola e spruzzato soda caustica su bambini e insegnanti. Fermato poco dopo, ha raccontato di averlo fatto in segno di protesta
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Senza una terra e privi di ogni diritto, vivono in Birmania, al confine con il Bangladesh, e secondo le Nazioni Uniti sono vittime di una vera pulizia etnica. Ora, il paese asiatico è stato citato a giudizio da 57 Stati diversi
Lo storico napoleonico diventato assassino
Lo storico napoleonico diventato assassino
Oleg Sokolov, 63 anni, celebre in tutto il mondo per i suoi studi napoleonici, ripescato nelle acque del fiume di San Pietroburgo mentre tentava di disfarsi del corpo smembrato della fidanzata 22enne