Turismo2/"Basta morti, in Egitto mai più"

| Crollano le prenotazioni e record di disdette. La rabbia e il dolore dei turisti italiani dopo l'accoltellamento di due turiste tedesche a Hurghada, paradiso del Mar Rosso

+ Miei preferiti
"E' un albergo bellissimo - rievoca amareggiato un trentenne torinese, appassionato di immersioni subacquee, mentre scorrono in tv le immagini dell'ultimo attentato sulle rotte delle vacanze - ci sono stato e Hurghada è bellissima. Ma adesso basta. E' troppo pericoloso...". C'è un'aria di rassegnazione e di tristezza, contro un destino ineluttabile che in molti avevano provato a dimenticare tra i tour operator italiani che hanno investito nelle strutture, spesso di priom'ordine, del Mar Rosso. L'uomo che ha raggiunto a nuoto l'albergo con due complici armati di coltelli e di carabine ad aria compressa,e che urlando ha fatto allontanre  gli egiziani " voi non c'entrate" accanendosi poi contro i soli turisti uoccidentali, ha provocato un danno forse mortale anche alle residue possibilità di sviluppo di queste aree dove sino a pochi anni fa il flusso di viaggiatori occidentali era altissimo. Uno degli attentori è stato arrestato, gli altri uccisi, forse confesserà agli agenti delle squadre speciali del ministero degli Interni egiziano, che usano metodi extralegem, o meglio li sanno usare assai bene, la rete dei complici e quant'altro potrebbe scatenare un'ondata repressiva nelle file radicali. Ma oggi piangiamo queste ragazze europee che erano a Hurghada per divertirsi, portando i loro soldi all'economia locale. Il governo Merke ha epsresso la "sua infignazione2 per l'attentato attende una piena ricostruzione da parte delle polizia locale. 
Due uomini armati di coltelli
Almeno due uomini armati - tre secondo alcune fonti - avevano assaltato l'hotel Bella Vista a Hurghada. Il ministero dell'Interno ha reso noto che sei turisti, due tedeschi, una coppia austriaca e un trentenne svedese, erano stati feriti con armi da taglio e infine ricoverati in ospedale. Uno degli assalitori Mohamed Hassan Mahfouz, 21 anni, è stato ucciso, l'altro ferito e arrestato. Erano armati di fucili ad aria compressa e coltelli. Triste il tentativo di nascondere la realtà da parte del governo egiziano, riferisce sempre il ministero dell'Interno, nessuna rivendicazione è giunta. Per il ministro del Turismo Hisham Zazou non si è trattato di un attacco terroristico, ma di un tentativo di rapina finito male. Si attende la rivendicazione dai siti web Isis. Il governo tedesco ha confermato questa mattina la nazionalità tedesca delle due donne. "Abbiamo la triste certezza che due turiste tedesche hanno perso la vita" nell'attentato, ha reso noto in un comunicato una portavoce del ministero degli Esteri di Berlino. Nell'attacco al resort Sunny Days Palacio,sono rimaste ferite anche altre quattro turiste di nazionalità ceca ed armena.
"Ho avuto l'ordine di uccidere da Isis"
L'attentatore, il 27enne Abdel-Rahman Shaaban, è uno studente originario della provincia di Kafr-al-Sheikh. A riferirlo, il giornale al-Masry al-Youm citando una fonte della sicurezza, secondo cui il giovane "non ha precedenti penali o dossier politici a suo carico e nel suo villaggio gode di buona reputazione". Le autorità continuano a indagare sulle motivazioni del gesto, ma stando a quanto riferisce una fonte di sicurezza, citata dall'agenzia di stampa Dpa, l'uomo avrebbe legami con il sedicente Stato islamico (Is). L'attentatore "comunicava con l'organizzazione Isis via internet e aveva ricevuto l'incarico di attaccare turisti stranieri sulle spiagge di Hurghada", ha dichiarato la fonte, vicina ad ambienti investigativi, senza aggiungere altri dettagli. Finora l'attacco non è stato rivendicato dall'Is. 

Mondo
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il principe ereditario saudita avrebbe violato il cellulare privato del proprietario di “Amazon”. Resta il dubbio sull’uso che è stato fatto delle informazioni carpite
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Le condizioni climatiche sono perfette per il proliferare del “funnelweb spider”, uno dei ragni più velenosi e letali al mondo. Intere colonie si stanno muovendo, ed è scattato l’allarme
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
L’allarme è scattato ovunque con controlli serrati negli aeroporti. Si teme una diffusione incontrollata con l’esodo per il capodanno cinese: riunioni di emergenza convocate dall’OMS e dalla UE
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Secondo uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, il numero di casi del coronavirus potrebbero essere sottovalutati: i 50 confermati in Cina sarebbero molti di più. Nuove procedure di controllo in diversi aeroporti americani
Cina, al via la più grande
migrazione umana di sempre
Cina, al via la più grande<br>migrazione umana di sempre
Tre miliardi di viaggi in occasione del Capodanno cinese: è la stima degli spostamenti che i cinesi faranno per la più importante e sentita delle festività. Un esodo che non spaventa il Paese, pronto ad affrontare la marea umana
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
È l’ipotesi a cui sono giunti diversi Paesi, anche attraverso notizie delle intelligence. L’Iran nega con forza: nessun missile partito per sbaglio
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Il calcolo per valutare l’impatto delle violente proteste degli ultimi mesi, ma la stima è per difetto, visto che non include i minori di 18 anni, che in realtà rappresentano la parte più cospicua
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Un mese dopo la terribile eruzione del vulcano che ha ucciso 17 persone, negli ospedali neozelandesi sono ancora ricoverati 13 feriti gravi. A fine gennaio l’inizio dei trasferimenti verso le proprie abitazioni
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
La fretta nel fornire spiegazioni, il silenzio sui nomi di due misteriosi passeggeri e l’intenzione di non consegnare le scatole nere a nessuno, aumentano i sospetti degli esperti