Turismo2/"Basta morti, in Egitto mai più"

| Crollano le prenotazioni e record di disdette. La rabbia e il dolore dei turisti italiani dopo l'accoltellamento di due turiste tedesche a Hurghada, paradiso del Mar Rosso

+ Miei preferiti
"E' un albergo bellissimo - rievoca amareggiato un trentenne torinese, appassionato di immersioni subacquee, mentre scorrono in tv le immagini dell'ultimo attentato sulle rotte delle vacanze - ci sono stato e Hurghada è bellissima. Ma adesso basta. E' troppo pericoloso...". C'è un'aria di rassegnazione e di tristezza, contro un destino ineluttabile che in molti avevano provato a dimenticare tra i tour operator italiani che hanno investito nelle strutture, spesso di priom'ordine, del Mar Rosso. L'uomo che ha raggiunto a nuoto l'albergo con due complici armati di coltelli e di carabine ad aria compressa,e che urlando ha fatto allontanre  gli egiziani " voi non c'entrate" accanendosi poi contro i soli turisti uoccidentali, ha provocato un danno forse mortale anche alle residue possibilità di sviluppo di queste aree dove sino a pochi anni fa il flusso di viaggiatori occidentali era altissimo. Uno degli attentori è stato arrestato, gli altri uccisi, forse confesserà agli agenti delle squadre speciali del ministero degli Interni egiziano, che usano metodi extralegem, o meglio li sanno usare assai bene, la rete dei complici e quant'altro potrebbe scatenare un'ondata repressiva nelle file radicali. Ma oggi piangiamo queste ragazze europee che erano a Hurghada per divertirsi, portando i loro soldi all'economia locale. Il governo Merke ha epsresso la "sua infignazione2 per l'attentato attende una piena ricostruzione da parte delle polizia locale. 
Due uomini armati di coltelli
Almeno due uomini armati - tre secondo alcune fonti - avevano assaltato l'hotel Bella Vista a Hurghada. Il ministero dell'Interno ha reso noto che sei turisti, due tedeschi, una coppia austriaca e un trentenne svedese, erano stati feriti con armi da taglio e infine ricoverati in ospedale. Uno degli assalitori Mohamed Hassan Mahfouz, 21 anni, è stato ucciso, l'altro ferito e arrestato. Erano armati di fucili ad aria compressa e coltelli. Triste il tentativo di nascondere la realtà da parte del governo egiziano, riferisce sempre il ministero dell'Interno, nessuna rivendicazione è giunta. Per il ministro del Turismo Hisham Zazou non si è trattato di un attacco terroristico, ma di un tentativo di rapina finito male. Si attende la rivendicazione dai siti web Isis. Il governo tedesco ha confermato questa mattina la nazionalità tedesca delle due donne. "Abbiamo la triste certezza che due turiste tedesche hanno perso la vita" nell'attentato, ha reso noto in un comunicato una portavoce del ministero degli Esteri di Berlino. Nell'attacco al resort Sunny Days Palacio,sono rimaste ferite anche altre quattro turiste di nazionalità ceca ed armena.
"Ho avuto l'ordine di uccidere da Isis"
L'attentatore, il 27enne Abdel-Rahman Shaaban, è uno studente originario della provincia di Kafr-al-Sheikh. A riferirlo, il giornale al-Masry al-Youm citando una fonte della sicurezza, secondo cui il giovane "non ha precedenti penali o dossier politici a suo carico e nel suo villaggio gode di buona reputazione". Le autorità continuano a indagare sulle motivazioni del gesto, ma stando a quanto riferisce una fonte di sicurezza, citata dall'agenzia di stampa Dpa, l'uomo avrebbe legami con il sedicente Stato islamico (Is). L'attentatore "comunicava con l'organizzazione Isis via internet e aveva ricevuto l'incarico di attaccare turisti stranieri sulle spiagge di Hurghada", ha dichiarato la fonte, vicina ad ambienti investigativi, senza aggiungere altri dettagli. Finora l'attacco non è stato rivendicato dall'Is. 

Mondo
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità