Tutte le polveriere del mondo

| Le proteste dilagano ovunque, costringendo i governi a fare marcia indietro su decisioni prese sulla pelle di gente che non ne può più. Letteralmente

+ Miei preferiti
Difficile capire dalle immagini in quale angolo di mondo sta andando in scena quell’inferno: ovunque sono cassonetti dei rifiuti dati alle fiamme, polizia in assetto antisommossa, gente incappucciata che lancia molotov, pietre, cartelli stradali. Poi il bilancio: feriti, contusi, arresti a centinaia.

È un mondo che va a fuoco, e da est a ovest scende in piazza per protestare contro qualcosa. Ognuno ha i propri motivi, quasi mai sbagliati, e quasi sempre arrivano dopo anni di politiche sorde, che non riescono più ad avere il polso del loro popolo, distanti anni luce da chi la realtà la vive ogni giorno sulla pelle, per strada.

Sintomi preoccupanti di un malcontento che serpeggia e fa il nido ovunque, di un’epoca che un giorno forse ricorderemo come un secondo ’68.

CILE

Sebastián Piñera, il presidente cileno, è stato costretto a dichiarare lo stato di emergenza e “sospendere le libertà”: non accadeva dai tempi di Pinochet. Le proteste hanno messo a ferro e fuoco a Santiago, ufficialmente per l’aumento del 4% del biglietto dei mezzi pubblici, ma tanto è bastato perché centinaia di persone abbiano demolito 41 stazioni della metropolitana e dato fuoco a mezzi pubblici, saccheggiando banche e negozi al loro passaggio. I dati ufficiali parlano di 6000 agenti in campo di cui 160 feriti, 300 arresti, 3 morti e 200 milioni di dollari di danni. Per la cronaca, Piñera ha sospeso l’aumento del biglietto, ma ormai era troppo tardi.

ECUADOR

Le proteste sono esplode lo scorso 3 ottobre, come reazione alla decisione del presidente Lenín Moreno di revocare i sussidi per il carburante, in vigore dagli anni Sessanta. Dopo giorni di scontri e proteste è scattato lo stato di emergenza per due mesi, con coprifuoco per alcune zone di Quito, la capitale, e una ridda di accuse del presidente verso il suo predecessore, che il governo sospetta stia architettando un colpo di stato. Oltre 500 persone sono finite in manette, e si calcolano almeno due morti. Martedì scorso, il governo ha ufficializzato la revoca del Decreto 883.

CATALOGNA

Barcellona è sotto assedio da giorni: la dura condanna dei nove leader indipendentisti catalani è dapprima sfociata in uno sciopero generale, culminato poi in una manifestazione cittadina che si è trasformata in guerriglia urbana. A rendere incandescente quella che doveva essere una manifestazione ferma ma pacifica ci hanno pensato centinaia di giovani incappucciati, che hanno provocato gli scontri lanciando di tutto all’indirizzo della polizia, che ha risposto con fumogeni e proiettili di gomma. Una situazione che ha costretto le autorità a chiudere siti turistici come la Sagrada Famiglia, cancellare voli e annullare l’attesissima partita fra Barcellona e Real Madrid. Diverse ambasciate e ministeri, compresa la Farnesina, invitano i turisti a evitare la città “fin quando la situazione non sarà riportata alla normalità”. Una vana speranza: gli scontri si stanno espandendo anche in altre città della regione Catalana.

LIBANO

Sono scesi in migliaia in piazza a Beirut, per protestare contro una crisi economica che sta strangolando l’economia, situazione gestita malissimo da un sistema politico accusato di corruzione, attento agli interessi delle potenze straniere ma per nulla alle ristrettezze del popolo. Un’esasperazione che ha raggiunto livelli di guardia quando il ministro delle comunicazioni, in un pacchetto di nuove tasse, aveva incluso quella sul “Whatsapp”, che in Libano va per la maggiore: è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, dopo anni di servizi pubblici sempre più precari e una svalutazione della lira che lascia poco spazio alla fantasia. Da una parte c’è una minoranza, rappresentata da 5% della popolazione, che vive da nababbo, circondato da tutto il superfluo possibile, dall’altra il restante 95, che soffre di una crisi economica senza fine.

BURKINA FASO

La situazione è incandescente: il nord del paese è in mano a gruppi jihadisti e bande armate che dettano legge a forza di bombe e sangue. Ma il resto del paese africano non se la passa meglio: le proteste sociali crescono di intensità verso il governo, che insensibile ai problemi ha di recente deciso un aumento del 12% del prezzo del carburante, scatenando le proteste delle “camicie rosse”, come sono stati ribattezzati i manifestanti, sulla scia dei “Gilet Gialli” francesi. La gente è scesa in piazza accusando il governo di abbandono: lamentano mancanza di lavoro e prospettive, miseria ed emergenze sanitarie.

TUNISIA

Fra il 2010 e l’anno successivo, la “Rivoluzione dei Gelsomini” ha portato alla caduta del regime e alla nascita di un governo di coalizione frutto delle elezioni. Ma il paese nord africano è attraversato da una profonda crisi economica e dalla presenza di gruppi estremisti.

Mondo
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Joshua Wong, Ivan Lam e Agnes Chow si sono dichiarati colpevoli nel corso del processo a loro carico per una manifestazione non autorizzata. Rischiano 5 anni di galera ma assicurano: “Non molleremo”
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Un’inchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d’élite dei “SAS” hanno ucciso senza motivo civili afghani. “È la prova che esiste una cultura distorta e violenta”
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
L’amatissima premier Jacinda Ardern ha scelto come ministro degli esteri una donna indigena: quello neozelandese è uno dei governi più aperti e inclusivi del mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale