Tutti in coda per il curriculum

| È successo a Madrid, dove per rispondere all’annuncio di un albergo bisogna portare il curriculum di persona. Proteste e insulti da tutta la Spagna

+ Miei preferiti
Chiamasi economisti di Bruxelles quella categoria di professionisti che fra numeri e proiezioni, stabiliscono se un paese è in ripresa oppure no. La Spagna, a sentir loro, è uno dei paesi della zona Euro ad aver reagito meglio alla crisi: una crescita del 3% annuo dell’economia e 500 mila nuovi posti di lavoro in un anno ne sarebbero la dimostrazione.

Sicuramente non erano così d’accordo le 10.000 persone che l’altra mattina si sono messe in paziente attesa per consegnare il proprio curriculum ad un prestigioso hotel della centralissima Plaza de Espana, a Madrid. Diecimila anime in cerca di lavoro che appena letta la campagna di “casting” della struttura, in cui annunciava la ricerca di 100 persone da inserire nel proprio personale, hanno messo sotto il braccio il foglio delle proprie esperienze sperando di essere fra i pochi ad averlo letto. Un’illusione durata poco: in brevissimo tempo, si è formato un cordone di persone lungo oltre un km e mezzo.

L’intera Spagna, grazie al passaparola dei social, si è mobilitata, coprendo di insulti l’albergo, accusato di abusare senza ritegno del bisogno della gente di trovare lavoro. I sospetti si concentrano sull’annuncio, in cui si specificava che non sarebbero stati presi in considerazione curriculum inviato via email, ma soltanto quelli consegnati di persona.

Malgrado pochi abbiano scelto di abbandonare la coda chilometrica, il malumore e la protesta serpeggiavano: “Ci sfruttano per farsi pubblicità”.

Mondo
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il principe ereditario saudita avrebbe violato il cellulare privato del proprietario di “Amazon”. Resta il dubbio sull’uso che è stato fatto delle informazioni carpite
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Le condizioni climatiche sono perfette per il proliferare del “funnelweb spider”, uno dei ragni più velenosi e letali al mondo. Intere colonie si stanno muovendo, ed è scattato l’allarme
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
L’allarme è scattato ovunque con controlli serrati negli aeroporti. Si teme una diffusione incontrollata con l’esodo per il capodanno cinese: riunioni di emergenza convocate dall’OMS e dalla UE
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Secondo uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, il numero di casi del coronavirus potrebbero essere sottovalutati: i 50 confermati in Cina sarebbero molti di più. Nuove procedure di controllo in diversi aeroporti americani
Cina, al via la più grande
migrazione umana di sempre
Cina, al via la più grande<br>migrazione umana di sempre
Tre miliardi di viaggi in occasione del Capodanno cinese: è la stima degli spostamenti che i cinesi faranno per la più importante e sentita delle festività. Un esodo che non spaventa il Paese, pronto ad affrontare la marea umana
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
È l’ipotesi a cui sono giunti diversi Paesi, anche attraverso notizie delle intelligence. L’Iran nega con forza: nessun missile partito per sbaglio
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Il calcolo per valutare l’impatto delle violente proteste degli ultimi mesi, ma la stima è per difetto, visto che non include i minori di 18 anni, che in realtà rappresentano la parte più cospicua
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Un mese dopo la terribile eruzione del vulcano che ha ucciso 17 persone, negli ospedali neozelandesi sono ancora ricoverati 13 feriti gravi. A fine gennaio l’inizio dei trasferimenti verso le proprie abitazioni
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
La fretta nel fornire spiegazioni, il silenzio sui nomi di due misteriosi passeggeri e l’intenzione di non consegnare le scatole nere a nessuno, aumentano i sospetti degli esperti