Uccisa Daphne Galizia, svelò i "Malta files"

| Aveva svelato la rete di interessi che portava sull'isola del Mediterraneo i conti off shore dei potenti di tutta l'Europa

+ Miei preferiti

Meno di due settimane fa aveva sporto denuncia per le minacce ricevute: ma non è bastato a salvarle la vita. Oggi, intorno alle 15, Daphne Caruana Galizia, 53 anni, giornalista e blogger, è saltata in aria a sulla sua Peugeot 108 mentre si trovava a due passi da casa, a Bidnija, piccolo borgo rurale nella parte nord di Malta.

Secondo quanto si apprende dalla polizia, l'ordigno non sarebbe stato piazzato all'interno dell'auto, ma probabilmente comandato a distanza.

È la fine atroce e ingiusta della potente penna di "DCG", così firmava i suoi pezzi quella che tutti consideravano una cronista d'assalto scomoda, feroce e tagliente che per prima era riuscita a tirare i fili di un'inchiesta scottante come i "Malta Files", quei documenti che inizialmente riguardavano personalità maltesi coinvolte nei "Panama Papers", ma che aveva finito per svelare i nomi del mezzo milione fra industriali, manager, artisti, politici e finanzieri di mezzo mondo, italiani compresi, che hanno scelto di creare o trasferire sull'isola le sedi delle loro attività. Ad attirarli un'aliquota sui profitti ufficialmente fissata al 35% ma pronta a scendere fino al 5, a cui aggiungere interessi e royalties totalmente detassati, così come gli innumerevoli yacht che sempre di più attraversano il Mediterraneo battendo bandiera maltese.

Tanti gli interessi in ballo e di enorme peso anche politico il fitto elenco di nomi che avevano aperto gli occhi al vecchio continente, spostando il baricentro delle fughe di capitali da Lussemburgo, la Svizzera e le più sperdute isole caraibiche al cuore del Mediterraneo, l'arcipelago di Malta, 316 km quadrati trasformati "Nel lembo di terra che fa da base pirata all'evasione fiscale dell'Unione Europea".

Inserita nel ristretto elenco delle 28 personalità che stanno agitando l'Europa e da qualcuno ribattezzata "Miss Wikileaks", DCG aveva iniziato la carriera nel 1987 come opinionista del "Sunday Times of Malta", diventando poi capo redattore del "The Malta Indipendent". Ma è con il suo blog, "Running Commentary", che DCG era riuscita a diventare popolare per la capacità di svelare malefatte e intrallazzi. Da allora, non aveva mai smesso di indagare: le sue attenzioni, di recente, si erano spostate verso alcuni episodi di corruzione con implicazioni nei "Panama Papers" che coinvolgerebbero anche Michelle, la moglie di Joseph Muscat, primo ministro e leader del Partito Laburista, in carica dal marzo del 2013.

Il suo ultimo post alle 14:35 di oggi, a meno di mezzora dall'appuntamento con il destino: un resoconto sulla deposizione di Simon Busutiil, leader dell'opposizione e testimone nel processo ai danni di Keith Schembri, capo di gabinetto di Muscat, uno dei primi politici maltesi travolti dagli intrallazzi dei Panama Papers.

Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino