Uccisa Daphne Galizia, svelò i "Malta files"

| Aveva svelato la rete di interessi che portava sull'isola del Mediterraneo i conti off shore dei potenti di tutta l'Europa

+ Miei preferiti

Meno di due settimane fa aveva sporto denuncia per le minacce ricevute: ma non è bastato a salvarle la vita. Oggi, intorno alle 15, Daphne Caruana Galizia, 53 anni, giornalista e blogger, è saltata in aria a sulla sua Peugeot 108 mentre si trovava a due passi da casa, a Bidnija, piccolo borgo rurale nella parte nord di Malta.

Secondo quanto si apprende dalla polizia, l'ordigno non sarebbe stato piazzato all'interno dell'auto, ma probabilmente comandato a distanza.

È la fine atroce e ingiusta della potente penna di "DCG", così firmava i suoi pezzi quella che tutti consideravano una cronista d'assalto scomoda, feroce e tagliente che per prima era riuscita a tirare i fili di un'inchiesta scottante come i "Malta Files", quei documenti che inizialmente riguardavano personalità maltesi coinvolte nei "Panama Papers", ma che aveva finito per svelare i nomi del mezzo milione fra industriali, manager, artisti, politici e finanzieri di mezzo mondo, italiani compresi, che hanno scelto di creare o trasferire sull'isola le sedi delle loro attività. Ad attirarli un'aliquota sui profitti ufficialmente fissata al 35% ma pronta a scendere fino al 5, a cui aggiungere interessi e royalties totalmente detassati, così come gli innumerevoli yacht che sempre di più attraversano il Mediterraneo battendo bandiera maltese.

Tanti gli interessi in ballo e di enorme peso anche politico il fitto elenco di nomi che avevano aperto gli occhi al vecchio continente, spostando il baricentro delle fughe di capitali da Lussemburgo, la Svizzera e le più sperdute isole caraibiche al cuore del Mediterraneo, l'arcipelago di Malta, 316 km quadrati trasformati "Nel lembo di terra che fa da base pirata all'evasione fiscale dell'Unione Europea".

Inserita nel ristretto elenco delle 28 personalità che stanno agitando l'Europa e da qualcuno ribattezzata "Miss Wikileaks", DCG aveva iniziato la carriera nel 1987 come opinionista del "Sunday Times of Malta", diventando poi capo redattore del "The Malta Indipendent". Ma è con il suo blog, "Running Commentary", che DCG era riuscita a diventare popolare per la capacità di svelare malefatte e intrallazzi. Da allora, non aveva mai smesso di indagare: le sue attenzioni, di recente, si erano spostate verso alcuni episodi di corruzione con implicazioni nei "Panama Papers" che coinvolgerebbero anche Michelle, la moglie di Joseph Muscat, primo ministro e leader del Partito Laburista, in carica dal marzo del 2013.

Il suo ultimo post alle 14:35 di oggi, a meno di mezzora dall'appuntamento con il destino: un resoconto sulla deposizione di Simon Busutiil, leader dell'opposizione e testimone nel processo ai danni di Keith Schembri, capo di gabinetto di Muscat, uno dei primi politici maltesi travolti dagli intrallazzi dei Panama Papers.

Mondo
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
Infuria la polemica: sull’iPad di John Connell, un anziano pedofilo schedato, la polizia ha trovato 8.000 immagini pedopornografiche. Ma il giudice ha mitigato la condanna perché l’uomo è gravemente malato di cuore
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Ketellen Umbelino de Oliveira Gomes, 5 anni, è stata colpita sulla bici della mamma, mentre andava a scuola. La polizia ha arrestato un narcotrafficante che era ricercato per altri due omicidi
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Secondo l’organizzazione umanitaria che ha denunciato il caso, il traffico potrebbe essere responsabile di abusi si più di 500 ragazzi. Ma per evitare il disonore le vittime tacciono, e i responsabili non vengono nemmeno accusati
Io ero Mia
Io ero Mia
La vicenda di una giovane americana di origini libanesi che per due anni è stata una stella del porno. Una scena hard girata con il hijab le è valsa la condanna a morte dei gruppi terroristici
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Un uomo si è arrampicato sul tetto della scuola e spruzzato soda caustica su bambini e insegnanti. Fermato poco dopo, ha raccontato di averlo fatto in segno di protesta
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Senza una terra e privi di ogni diritto, vivono in Birmania, al confine con il Bangladesh, e secondo le Nazioni Uniti sono vittime di una vera pulizia etnica. Ora, il paese asiatico è stato citato a giudizio da 57 Stati diversi
Lo storico napoleonico diventato assassino
Lo storico napoleonico diventato assassino
Oleg Sokolov, 63 anni, celebre in tutto il mondo per i suoi studi napoleonici, ripescato nelle acque del fiume di San Pietroburgo mentre tentava di disfarsi del corpo smembrato della fidanzata 22enne
Jolly Joseph, la donna che ha sterminato la sua famiglia
Jolly Joseph, la donna che ha sterminato la sua famiglia
Madre, moglie, assidua frequentatrice della parrocchia e professoressa universitaria. Nella realtà una spietata assassina che ha decimato senza pietà la sua famiglia
Condannato un ristoratore schiavista
Condannato un ristoratore schiavista
Dieci anni di galera per il manager di un ristorante in South Carolina che aveva preso di mira un giovane afro-americano con problemi mentali: per anni l’ha picchiato e sopraffatto in ogni modo
Australia, le strane perquisizioni corporali della polizia
Australia, le strane perquisizioni corporali della polizia
Più di 100 fra bambine e ragazze obbligate a spogliarsi totalmente davanti agli agenti. Il rapporto di un’organizzazione getta ombre scure sull’operato degli agenti del Nuovo Galles