Uccisa e fatta a pezzi a Cuba

| Il corpo di una donna canadese di 52 anni è stato ritrovato in una valigia gettata in una discarica. La polizia ha arrestato il fidanzato, un musicista cubano molto più giovane di lei

+ Miei preferiti
A 52 anni, Nathalie Fraser voleva cambiare vita: aveva cresciuto due figlie e assistito senza poter cambiare nulla alla fine del suo matrimonio. Viveva a Montreal, in Canada, e anche di quel freddo ne aveva abbastanza: sognava il caldo sulla pelle tutto l’anno, e non solo nei 15 giorni di vacanza.

Ha messo in vendita la sua casa, riempito le valigie e alla sorella e le due figlie ha detto "vado a Cuba, venitemi a trovare quando volete". Pensava anche di aver incontrato l’amore, dopo aver passato tanto tempo senza ricordare che il cuore batte a qualsiasi età: Leonel Leon Nuviola, 39 anni, ufficialmente un musicista, ufficiosamente un tizio che viveva di espedienti e turiste in cerca di avventure.

Il 18 gennaio, dopo giorni di silenzio e l’allarme lanciato dai familiari, Nathalie Fraser viene dichiarata ufficialmente scomparsa. La polizia l’ha ritrovata poche ore fa, fatta a pezzi e chiusa in una valigia buttata in una discarica, nella zona periferica di Matanzas, località di villeggiatura a meno di 100 km da l’Avana e ad una trentina da Varadero.

Ai media locali, la sorella della vittima ha raccontato: “Ci ha avvisato l'Interpol, aggiungendo che si tratta di un omicidio decisamente violento. La povera Nathalie deve aver sofferto molto. Siamo distrutti”.

Melanie e Marie-Eve, le due figlie della vittima, sono state le ultime a vederla: “Eravamo volate a Cuba per sincerarci come si fosse sistemata nostra madre: ci ha confidato che era innamorata, e con Leonel parlavano di matrimonio. Lui ci era sembrato un tipo strano: possessivo, impulsivo e dispotico. Mamma l’aveva difeso, dicendo che era solo nervoso di conoscere le sue figlie temendo di essere giudicato”.

Leonel Leon Nuviola è stato arrestato: era tornato tranquillamente a Matanzas, a caccia di turiste.

Galleria fotografica
Uccisa e fatta a pezzi a Cuba - immagine 1
Uccisa e fatta a pezzi a Cuba - immagine 2
Mondo
Hong Kong, teorie e poche verità
sulla morte di un’adolescente
Hong Kong, teorie e poche verità<br>sulla morte di un’adolescente
La tragica fine di Chan Yin-lam è diventata una calamita per le cospirazioni, ma ha messo a nudo i profondi problemi del funzionamento della metropoli cinese teatro di scontri violenti, in cui i giovani pagano il prezzo più alto
La Thailandia è stanca di re Rama X
La Thailandia è stanca di re Rama X
Capriccioso, accentratore, ricchissimo, il sovrano vive stabilmente in Germania ma ha ampliato i possedimenti diventando uno degli uomini più ricchi del mondo. Ma a Bangkok la gente sta per scendere in piazza per dire basta
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Nathaniel Julius stava andando a comprare dei biscotti quando si è imbattuto in una pattuglia. Per la famiglia è stata un’esecuzione, perché il ragazzino non rispondeva alle loro domande. E Johannesburg esplode di rabbia
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Piegato da problemi di salute e con la popolarità ai minimi storici per la gestione della pandemia, il premier più longevo della storia nipponica annuncerà a breve la propria rinuncia
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Una modifica al “Judicial Proceedings Reports Act” impedisce a chiunque, vittime comprese, di rendere identificabili le vittime di reati sessuali, a meno di non usare uno pseudonimo
Navalny è stato avvelenato
Navalny è stato avvelenato
Il sospetto è che si tratti di gas nervino, una sorta di firma dei servizi segreti russi. Il dissidente non sarebbe più in pericolo di vita ma per i medici i danni sul sistema nervoso potrebbero essere permanenti
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Al momento è solo un’indiscrezione giornalistica, senza conferme e smentite, ma si rincorrono nuovamente le voci sulla salute del leader nordcoreano