Uccisa e fatta a pezzi a Cuba

| Il corpo di una donna canadese di 52 anni è stato ritrovato in una valigia gettata in una discarica. La polizia ha arrestato il fidanzato, un musicista cubano molto più giovane di lei

+ Miei preferiti
A 52 anni, Nathalie Fraser voleva cambiare vita: aveva cresciuto due figlie e assistito senza poter cambiare nulla alla fine del suo matrimonio. Viveva a Montreal, in Canada, e anche di quel freddo ne aveva abbastanza: sognava il caldo sulla pelle tutto l’anno, e non solo nei 15 giorni di vacanza.

Ha messo in vendita la sua casa, riempito le valigie e alla sorella e le due figlie ha detto "vado a Cuba, venitemi a trovare quando volete". Pensava anche di aver incontrato l’amore, dopo aver passato tanto tempo senza ricordare che il cuore batte a qualsiasi età: Leonel Leon Nuviola, 39 anni, ufficialmente un musicista, ufficiosamente un tizio che viveva di espedienti e turiste in cerca di avventure.

Il 18 gennaio, dopo giorni di silenzio e l’allarme lanciato dai familiari, Nathalie Fraser viene dichiarata ufficialmente scomparsa. La polizia l’ha ritrovata poche ore fa, fatta a pezzi e chiusa in una valigia buttata in una discarica, nella zona periferica di Matanzas, località di villeggiatura a meno di 100 km da l’Avana e ad una trentina da Varadero.

Ai media locali, la sorella della vittima ha raccontato: “Ci ha avvisato l'Interpol, aggiungendo che si tratta di un omicidio decisamente violento. La povera Nathalie deve aver sofferto molto. Siamo distrutti”.

Melanie e Marie-Eve, le due figlie della vittima, sono state le ultime a vederla: “Eravamo volate a Cuba per sincerarci come si fosse sistemata nostra madre: ci ha confidato che era innamorata, e con Leonel parlavano di matrimonio. Lui ci era sembrato un tipo strano: possessivo, impulsivo e dispotico. Mamma l’aveva difeso, dicendo che era solo nervoso di conoscere le sue figlie temendo di essere giudicato”.

Leonel Leon Nuviola è stato arrestato: era tornato tranquillamente a Matanzas, a caccia di turiste.

Galleria fotografica
Uccisa e fatta a pezzi a Cuba - immagine 1
Uccisa e fatta a pezzi a Cuba - immagine 2
Mondo
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità