Uccisa Ylena Grigorieva, attivista gay russa

| Il suo nome era ai primi posti di un sito che inneggiava alla “caccia verso gli omosessuali”. Attivista della comunità Lgbt, non esitava a scendere in piazza per protestare contro ogni sopruso

+ Miei preferiti
Secondo l’agenzia di stampa “Fontanka”, almeno otto coltellate sono state necessarie per uccidere Ylena Grigorieva, 41 anni, una delle più celebri attiviste dei diritti per gli omosessuali in Russia. È stata trovata senza vita per strada, a poca distanza dall’appartamento in cui viveva: hanno tentato di strangolarla, poi l’hanno finita con un coltello.

Secondo chi le era più vicino, come Dinar Idrisov, un altro attivista, Ylena aveva ricevuto diverse violenze e minacce di morte, e il suo nome compariva ai primi posti di un sito internet omofobo, chiuso di recente, che aveva dichiarato aperta la stagione di caccia agli omosessuali. Aveva sporto denuncia alla polizia, che non ha mai confermato le intimidazioni. Secondo un rapporto del Centro di ricerca sociale Csir, nel 2017 in Russia si sarebbero registrati almeno 267 crimini violenti ai danni della comunità Lgbt, fomentata dalla legge del 2013 che vietava “la propaganda gay fra minori”. Ylena era scomoda, non protestava soltanto per chiedere diritti e protezione per la comunità LGBT, era pronta a scendere in piazza per schierarsi contro qualsiasi ingiustizia, e più volte è finita con le manette ai polsi.

Nelle mani della polizia ci sarebbe un sospetto, ma nulla di più trapela.

Galleria fotografica
Uccisa Ylena Grigorieva, attivista gay russa - immagine 1
Uccisa Ylena Grigorieva, attivista gay russa - immagine 2
Uccisa Ylena Grigorieva, attivista gay russa - immagine 3
Mondo
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Una donna di 71 anni costretta ad assistere alla violenza di un uomo sulle tre nipoti, è morta per attacco cardiaco. Le violenze contro donne e bambini in Sudafrica hanno raggiunto livelli di guardia
Hong Kong, la libertà perduta
Hong Kong, la libertà perduta
Varata a tarda sera la legge sulla sicurezza nazionale: le proteste saranno considerate sovversione e terrorismo interno punibile con l’ergastolo. Immediate le reazioni da tutto il mondo: “È la fine della metropoli che il mondo conosceva”
Le Fiji, paradiso post-covid offresi
Le Fiji, paradiso post-covid offresi
L’arcipelago ha lanciato un appello per il ritorno del turismo d’élite: oltre al paesaggio paradisiaco, dalla metà di aprile non si registra un nuovo caso di coronavirus
Star della danza del ventre arrestata in Egitto
Star della danza del ventre arrestata in Egitto
Accusata di atti osceni e incitamento alla prostituzione, Sama el Masry è stata condannata a tre anni di reclusione e al pagamento di una pesante multa
USA, approvato il progetto di riforma della polizia
USA, approvato il progetto di riforma della polizia
Dedicato alla memoria di George Floyd, il pacchetto di riforma della polizia rischia di arenarsi al Senato dopo l’approvazione della Camera. Trump contrario
L’irresistibile ascesa di Kim Yo Jong, la donna forte della Corea del Nord
L’irresistibile ascesa di Kim Yo Jong, la donna forte della Corea del Nord
Per anni nell’ombra, capace di sparire per lunghi periodi, la sua immagine è sempre più presente, mentre quella del fratello si offusca, avvolta dal mistero
Sudafrica: la violenza sulle donne peggio della pandemia
Sudafrica: la violenza sulle donne peggio della pandemia
Il Paese ha uno dei tassi alti di casi di Covid-19 dell’intero continente. E lotta con una recrudescenza delle violenze subito dopo l’isolamento del lockdown
Venti di guerra sull’Himalaya
Venti di guerra sull’Himalaya
Si alza la tensione fra India e Cina per il controllo di una zona di confine mai del tutto chiarita e accettata. La scorsa notte un’escalation avrebbe portato a 17 morti, ma si teme l’inizio di una grave crisi internazionale
L’avventura di Randy, per 73 giorni in aeroporto
L’avventura di Randy, per 73 giorni in aeroporto
Un giovane calciatore ghanese è rimasto bloccato nello scalo aeroportuale di Mumbai, in India, dove era andato per un contratto con una squadra di calcio