Uccisa Ylena Grigorieva, attivista gay russa

| Il suo nome era ai primi posti di un sito che inneggiava alla “caccia verso gli omosessuali”. Attivista della comunità Lgbt, non esitava a scendere in piazza per protestare contro ogni sopruso

+ Miei preferiti
Secondo l’agenzia di stampa “Fontanka”, almeno otto coltellate sono state necessarie per uccidere Ylena Grigorieva, 41 anni, una delle più celebri attiviste dei diritti per gli omosessuali in Russia. È stata trovata senza vita per strada, a poca distanza dall’appartamento in cui viveva: hanno tentato di strangolarla, poi l’hanno finita con un coltello.

Secondo chi le era più vicino, come Dinar Idrisov, un altro attivista, Ylena aveva ricevuto diverse violenze e minacce di morte, e il suo nome compariva ai primi posti di un sito internet omofobo, chiuso di recente, che aveva dichiarato aperta la stagione di caccia agli omosessuali. Aveva sporto denuncia alla polizia, che non ha mai confermato le intimidazioni. Secondo un rapporto del Centro di ricerca sociale Csir, nel 2017 in Russia si sarebbero registrati almeno 267 crimini violenti ai danni della comunità Lgbt, fomentata dalla legge del 2013 che vietava “la propaganda gay fra minori”. Ylena era scomoda, non protestava soltanto per chiedere diritti e protezione per la comunità LGBT, era pronta a scendere in piazza per schierarsi contro qualsiasi ingiustizia, e più volte è finita con le manette ai polsi.

Nelle mani della polizia ci sarebbe un sospetto, ma nulla di più trapela.

Galleria fotografica
Uccisa Ylena Grigorieva, attivista gay russa - immagine 1
Uccisa Ylena Grigorieva, attivista gay russa - immagine 2
Uccisa Ylena Grigorieva, attivista gay russa - immagine 3
Mondo
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
In un insolito bagno di umiltà pubblica, il capo del centro per il controllo e la prevenzione delle malattie ha ammesso la scarsa efficacia della profilassi cinese rispetto agli altri vaccini
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’alto Commissario per i Diritti Umani ha chiesto un incontro con il nuovo ambasciatore di Dubai all’ONU. Chiederanno la prova in vita e di poter parlare con Latifa e Shamsa, di cui si è persa ogni traccia
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
La vincitrice dell’edizione 2019 ha strappato la corona dalla testa della neo eletta accusandola di essere divorziata. Il tutto in diretta televisiva
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Almeno 40 gli arresti, mentre monta l’indignazione degli Emirati Arabi Uniti, dove le leggi sull’oscenità sono assai rigorose. Il servizio fotografico era destinato ad un sito per adulti (foto: Daily Mail)
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Un tribunale li ha ritenuti colpevoli di aver organizzato la grande protesta di piazza del 2019: rischiano fino a cinque anni di reclusione
Myanmar, l’ecatombe
che non interessa a nessuno
Myanmar, l’ecatombe<br>che non interessa a nessuno
L’Occidente si limita a condannare, mentre dall’ex Birmania giungono notizie di massacri quotidiani e di una situazione sanitaria pronta ad esplodere. Iniziano a mancare cibo, acqua e generi di prima necessità
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le autorità del Canale di Suez autorizzano la rimozione di 20.000 metri cubi di sabbia dal fondale per liberare l’enorme portacontainer. Un blocco che può avere conseguenze pesanti
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Giorni di intense precipitazioni hanno causato un’alluvione che ha costretto le autorità a sfollare 18mila persone. La situazione è complicata da un’invasione di topi, attirati dall’eccezionale raccolto di grano
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Dopo 18 mesi di reclusione in una località segreta, iniziano i due processi a carico di Michael Kovrig e Michael Spavor, due canadesi arrestati come ripercussione per l’arresto della top manager Huawei
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
Kathleen Folbigg è stata condannata per l’omicidio dei suoi quattro figli: ma secondo le più recenti scoperte scientifiche, la causa più probabile sarebbe un’anomalia genetica trasmessa ai bimbi, che ha causato la “morte in culla”