Uccisa Ylena Grigorieva, attivista gay russa

| Il suo nome era ai primi posti di un sito che inneggiava alla “caccia verso gli omosessuali”. Attivista della comunità Lgbt, non esitava a scendere in piazza per protestare contro ogni sopruso

+ Miei preferiti
Secondo l’agenzia di stampa “Fontanka”, almeno otto coltellate sono state necessarie per uccidere Ylena Grigorieva, 41 anni, una delle più celebri attiviste dei diritti per gli omosessuali in Russia. È stata trovata senza vita per strada, a poca distanza dall’appartamento in cui viveva: hanno tentato di strangolarla, poi l’hanno finita con un coltello.

Secondo chi le era più vicino, come Dinar Idrisov, un altro attivista, Ylena aveva ricevuto diverse violenze e minacce di morte, e il suo nome compariva ai primi posti di un sito internet omofobo, chiuso di recente, che aveva dichiarato aperta la stagione di caccia agli omosessuali. Aveva sporto denuncia alla polizia, che non ha mai confermato le intimidazioni. Secondo un rapporto del Centro di ricerca sociale Csir, nel 2017 in Russia si sarebbero registrati almeno 267 crimini violenti ai danni della comunità Lgbt, fomentata dalla legge del 2013 che vietava “la propaganda gay fra minori”. Ylena era scomoda, non protestava soltanto per chiedere diritti e protezione per la comunità LGBT, era pronta a scendere in piazza per schierarsi contro qualsiasi ingiustizia, e più volte è finita con le manette ai polsi.

Nelle mani della polizia ci sarebbe un sospetto, ma nulla di più trapela.

Galleria fotografica
Uccisa Ylena Grigorieva, attivista gay russa - immagine 1
Uccisa Ylena Grigorieva, attivista gay russa - immagine 2
Uccisa Ylena Grigorieva, attivista gay russa - immagine 3
Mondo
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Spina nel fianco e voce controcorrente, Ren Zhiqiang è stato condannato a 18 anni di carcere per reati legati alla corruzione. Non è la prima volta che ha guai con la giustizia per le critiche verso il presidente cinese
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Pradesh, dove un uomo ha usato una falce per verificare il sesso del bambino che sarebbe nato a breve. Il Paese combatte da tempo contro una disuguaglianza sociale che sta scombinando la parità dei sessi
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
Secondo i servizi segreti della Nato, Putin ha solo rimandato l’intenzione di eliminare il suo principale antagonista, scampato al tentativo di avvelenamento da Novichock
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
La tragica fine di Chan Yin-lam è diventata una calamita per le cospirazioni, ma ha messo a nudo i profondi problemi del funzionamento della metropoli cinese teatro di scontri violenti, in cui i giovani pagano il prezzo più alto
La Thailandia è stanca di re Rama X
La Thailandia è stanca di re Rama X
Capriccioso, accentratore, ricchissimo, il sovrano vive stabilmente in Germania ma ha ampliato i possedimenti diventando uno degli uomini più ricchi del mondo. Ma a Bangkok la gente sta per scendere in piazza per dire basta
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso