Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina

| Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità

+ Miei preferiti
La psicosi da Coronavirus dilaga, semina terrore e scatena reazioni incontrollate. In Ucraina, a Novi Sanzhary, nella regione di Poltava, decine di manifestanti hanno attaccato alcuni autobus che trasportavano 45 cittadini ucraini e 27 stranieri giunti in aereo da Wuhan, la città epicentro dell’epidemia, e diretti a Kharkiv, nell’Ucraina orientale. Sei autobus hanno poi tentato di condurli all’ospedale di Novi Sanzhary, dove sono stati accolti da dimostranti che hanno acceso falò, creato barricate e lanciato pietre.

Dopo una situazione di stallo, la polizia e la guardia nazionale sono riuscite a sbloccare la strada per l’edificio, dove gli sfollati trascorreranno 14 giorni di quarantena.

A fomentare la rivolta diverse fake news che per giorni si sono rincorse diventando virali, in cui si parlava di persone infette e altamente pericolose per la salute pubblica, malgrado il ministero della salute del paese abbia più volte ripetuto in ogni modo che tutti i passeggeri sono risultati negativi al test, e il ricovero è soltanto una precauzione.

Ma il timore che l’epidemia possa colpire anche l’Ucraina, paese che al momento non registra alcun caso, ha fatto il resto. A nulla sono servite le parole del presidente Volodymyr Zelensky, che ha invitato i cittadini a dare esempio di solidarietà, e neanche il gesto del ministro della Salute Zoryana Skaletska, che per dimostrare l’assoluta mancanza di pericoli ha annunciato che si unirà a loro nel periodo della quarantena, gestendo il ministero attraverso Skype: “Spero che la mia presenza tranquillizzi gli abitanti di Novi Sanzhary e il resto del Paese”, ha scritto su Facebook. “Si tratta per la maggior parte di persone sotto i 30 anni. Ma c’è un altro pericolo ben peggiore che vorrei ricordare – ha aggiunto il presidente Zelensky - di dimenticare che siamo tutti esseri umani, tutti noi, compresi coloro che hanno avuto la sfortuna di passare da Wuhan durante l'epidemia”.

Il primo ministro Oleksiy Honcharuk, il ministro della Salute Zoryana Skaletska e il ministro degli Interni Arsen Avakov si sono recati tutti in città per tentare di calmare le tensioni. In un video pubblicato dai media locali, si vede Avakov rassicurare i manifestanti: “Non stiamo parlando di persone infette, ma perfettamente sane”. Un manifestante gli ha risposto: “Finora”, dando il via ad una selva di fischi e insulti.

Galleria fotografica
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina - immagine 1
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina - immagine 2
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina - immagine 3
Mondo
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Uno studio ha evidenziato quanto gli uomini imbarcati sulla flotta sottomarina cinese, costretti per lunghi mesi ad ambienti ristretti e rumorosi, sviluppano pericolose ossessioni