Un badge per i giorni del ciclo

| È bufera su una catena di grandi magazzini giapponesi, che ha chiesto alle proprie commesse di indossare un badge nei giorni del ciclo mestruale. Un’idea che voleva avere finalità sociali, ma che si è trasformata in un caso internazionale

+ Miei preferiti
Sulla carta, l’idea non voleva essere divisiva, anzi: ma si è trasformata in un putiferio internazionale. Tutto inizia quando la direzione della filiale di Osaka di “Daimaru”, catena di centri commerciali diffusa in tutto il Giappone, convinta di aver avuto un’idea geniale propone alle sue commesse di indossare un badge nei giorni del ciclo mestruale che riproduce una caricatura di “Seiri-chan” (Miss Period), un personaggio manga creato per sensibilizzare l’opinione pubblica e vincere la tendenza tutta giapponese di considerare un tabù i periodi mestruali. In mezzo, a pensare male, anche la prossima apertura di un reparto interamente dedicato all’igiene femminile.

Ma come accennato, l’intenzione non era di ghettizzare le incolpevoli donne, ma avvisare colleghi e clienti, che consapevoli del stato fastidioso periodo sarebbero diventati più collaborativi e ben disposti verso le colleghe.

Ma non è andata così: la notizia ha fatto il giro del mondo, facendo piovere su Daimaru una pioggia di critiche, insulti e accuse di sessismo di tale portata da costringere la catena a rivedere il programma: “Non cancelleremo il programma, anche perché è ad uso strettamente interno, ma lo rivedremo utilizzando qualcosa di diverso rispetto al badge. Un tempo parlare di queste era un tabù, ma ora possiamo farlo”.

Mondo
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Una donna di 71 anni costretta ad assistere alla violenza di un uomo sulle tre nipoti, è morta per attacco cardiaco. Le violenze contro donne e bambini in Sudafrica hanno raggiunto livelli di guardia
Hong Kong, la libertà perduta
Hong Kong, la libertà perduta
Varata a tarda sera la legge sulla sicurezza nazionale: le proteste saranno considerate sovversione e terrorismo interno punibile con l’ergastolo. Immediate le reazioni da tutto il mondo: “È la fine della metropoli che il mondo conosceva”
Le Fiji, paradiso post-covid offresi
Le Fiji, paradiso post-covid offresi
L’arcipelago ha lanciato un appello per il ritorno del turismo d’élite: oltre al paesaggio paradisiaco, dalla metà di aprile non si registra un nuovo caso di coronavirus
Star della danza del ventre arrestata in Egitto
Star della danza del ventre arrestata in Egitto
Accusata di atti osceni e incitamento alla prostituzione, Sama el Masry è stata condannata a tre anni di reclusione e al pagamento di una pesante multa
USA, approvato il progetto di riforma della polizia
USA, approvato il progetto di riforma della polizia
Dedicato alla memoria di George Floyd, il pacchetto di riforma della polizia rischia di arenarsi al Senato dopo l’approvazione della Camera. Trump contrario
L’irresistibile ascesa di Kim Yo Jong, la donna forte della Corea del Nord
L’irresistibile ascesa di Kim Yo Jong, la donna forte della Corea del Nord
Per anni nell’ombra, capace di sparire per lunghi periodi, la sua immagine è sempre più presente, mentre quella del fratello si offusca, avvolta dal mistero
Sudafrica: la violenza sulle donne peggio della pandemia
Sudafrica: la violenza sulle donne peggio della pandemia
Il Paese ha uno dei tassi alti di casi di Covid-19 dell’intero continente. E lotta con una recrudescenza delle violenze subito dopo l’isolamento del lockdown
Venti di guerra sull’Himalaya
Venti di guerra sull’Himalaya
Si alza la tensione fra India e Cina per il controllo di una zona di confine mai del tutto chiarita e accettata. La scorsa notte un’escalation avrebbe portato a 17 morti, ma si teme l’inizio di una grave crisi internazionale