Un badge per i giorni del ciclo

| È bufera su una catena di grandi magazzini giapponesi, che ha chiesto alle proprie commesse di indossare un badge nei giorni del ciclo mestruale. Un’idea che voleva avere finalità sociali, ma che si è trasformata in un caso internazionale

+ Miei preferiti
Sulla carta, l’idea non voleva essere divisiva, anzi: ma si è trasformata in un putiferio internazionale. Tutto inizia quando la direzione della filiale di Osaka di “Daimaru”, catena di centri commerciali diffusa in tutto il Giappone, convinta di aver avuto un’idea geniale propone alle sue commesse di indossare un badge nei giorni del ciclo mestruale che riproduce una caricatura di “Seiri-chan” (Miss Period), un personaggio manga creato per sensibilizzare l’opinione pubblica e vincere la tendenza tutta giapponese di considerare un tabù i periodi mestruali. In mezzo, a pensare male, anche la prossima apertura di un reparto interamente dedicato all’igiene femminile.

Ma come accennato, l’intenzione non era di ghettizzare le incolpevoli donne, ma avvisare colleghi e clienti, che consapevoli del stato fastidioso periodo sarebbero diventati più collaborativi e ben disposti verso le colleghe.

Ma non è andata così: la notizia ha fatto il giro del mondo, facendo piovere su Daimaru una pioggia di critiche, insulti e accuse di sessismo di tale portata da costringere la catena a rivedere il programma: “Non cancelleremo il programma, anche perché è ad uso strettamente interno, ma lo rivedremo utilizzando qualcosa di diverso rispetto al badge. Un tempo parlare di queste era un tabù, ma ora possiamo farlo”.

Mondo
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Questa la versione dell’agenzia spaziale di Pechino, accusata di aver realizzato un booster destinato a tornare sulla Terra senza controllo
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
I detriti del Long March 5B dovrebbero rientrare nel giro delle prossime ore, ma nessuno sa con precisione dove e quando. I cinesi minimizzano, tutti gli altri sono preoccupati
Indonesia, lo scandalo dei tamponi utilizzati più volte
Indonesia, lo scandalo dei tamponi utilizzati più volte
Cinque dipendenti di un colosso farmaceutico che vendevano test in aeroporto, per mesi avrebbero pulito e riconfezionato tamponi nasali e antigenici
Sgominata la più grande piattaforma di pedofilia del mondo
Sgominata la più grande piattaforma di pedofilia del mondo
Agiva sul Darkweb e poteva contare su oltre 400mila iscritti in tutto il mondo. Da 3 anni era tenuta sotto controllo dalla polizia tedesca
Il megaconcerto di Wuhan
Il megaconcerto di Wuhan
La città da cui si è diffuso il virus ha ospitato una due giorni di musica che ha attirato 11mila persone, tutte senza mascherine distanziamento
Maradona: il rapporto della commissione medica
Maradona: il rapporto della commissione medica
Gravi carenze nell’assistenza, leggerezza di fronte ai sintomi dell’aggravamento. Le analisi hanno accertato che il grande campione è morto dopo 12 ore di agonia
Russia: Navalnj appare in video
Russia: Navalnj appare in video
Un breve collegamento video in cui è apparso scheletrico, ma ancora combattivo: dopo aver salutato la moglie ha attaccato ancora una volta Putin
India, si bruciano cadaveri giorno e notte
India, si bruciano cadaveri giorno e notte
I forni crematori traboccano, e non c’è neanche il tempo di costruire nuove pire. Mentre arrivano i primi aiuti internazionali, il paese è ginocchio, travolto dal virus che sta colpendo le fasce più giovani della popolazione
L’India travolta dai contagi
L’India travolta dai contagi
Il Paese è allo stremo: mancano posti letto, ossigeno e medicinali, in arrivo da diversi continenti. In Brasile, al contrario, Bolsonaro pronto a mandare l’esercito dove sono state imposte limitazioni che definisce “assurde”
Il Nanggala si è diviso in tre pezzi
Il Nanggala si è diviso in tre pezzi
Il sommergibile indonesiano scomparso mercoledì scorso individuato sul fondale al largo dell’isola di Bali: nessuna speranza per i 53 uomini di equipaggio