Un badge per i giorni del ciclo

| È bufera su una catena di grandi magazzini giapponesi, che ha chiesto alle proprie commesse di indossare un badge nei giorni del ciclo mestruale. Un’idea che voleva avere finalità sociali, ma che si è trasformata in un caso internazionale

+ Miei preferiti
Sulla carta, l’idea non voleva essere divisiva, anzi: ma si è trasformata in un putiferio internazionale. Tutto inizia quando la direzione della filiale di Osaka di “Daimaru”, catena di centri commerciali diffusa in tutto il Giappone, convinta di aver avuto un’idea geniale propone alle sue commesse di indossare un badge nei giorni del ciclo mestruale che riproduce una caricatura di “Seiri-chan” (Miss Period), un personaggio manga creato per sensibilizzare l’opinione pubblica e vincere la tendenza tutta giapponese di considerare un tabù i periodi mestruali. In mezzo, a pensare male, anche la prossima apertura di un reparto interamente dedicato all’igiene femminile.

Ma come accennato, l’intenzione non era di ghettizzare le incolpevoli donne, ma avvisare colleghi e clienti, che consapevoli del stato fastidioso periodo sarebbero diventati più collaborativi e ben disposti verso le colleghe.

Ma non è andata così: la notizia ha fatto il giro del mondo, facendo piovere su Daimaru una pioggia di critiche, insulti e accuse di sessismo di tale portata da costringere la catena a rivedere il programma: “Non cancelleremo il programma, anche perché è ad uso strettamente interno, ma lo rivedremo utilizzando qualcosa di diverso rispetto al badge. Un tempo parlare di queste era un tabù, ma ora possiamo farlo”.

Mondo
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Nathaniel Julius stava andando a comprare dei biscotti quando si è imbattuto in una pattuglia. Per la famiglia è stata un’esecuzione, perché il ragazzino non rispondeva alle loro domande. E Johannesburg esplode di rabbia
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Piegato da problemi di salute e con la popolarità ai minimi storici per la gestione della pandemia, il premier più longevo della storia nipponica annuncerà a breve la propria rinuncia
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Una modifica al “Judicial Proceedings Reports Act” impedisce a chiunque, vittime comprese, di rendere identificabili le vittime di reati sessuali, a meno di non usare uno pseudonimo
Navalny è stato avvelenato
Navalny è stato avvelenato
Il sospetto è che si tratti di gas nervino, una sorta di firma dei servizi segreti russi. Il dissidente non sarebbe più in pericolo di vita ma per i medici i danni sul sistema nervoso potrebbero essere permanenti
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Al momento è solo un’indiscrezione giornalistica, senza conferme e smentite, ma si rincorrono nuovamente le voci sulla salute del leader nordcoreano
Il mega-party di Wuhan
Il mega-party di Wuhan
Migliaia di persone della città epicentro del virus riunite per un festival musicale in un acqua-park: nessuna mascherina e neanche distanziamento sociale. La condanna dell’OMS
Thailandia, venti di rivolta
Thailandia, venti di rivolta
Per la prima volta nella storia del Paese la gente è scesa in piazza per chiedere più democrazia e una revisione della monarchia, che ha perso molto del suo ascendente