Un ciclone devasta l’Africa australe

| Venti fino a 220 km/h, interi villaggi cancellati e centinaia irraggiungibili. Al momento si contano 150 vittime, ma è un calcolo molto parziale

+ Miei preferiti
“Idai”, un devastante ciclone di categoria 3, ha attraversato l’Africa australe per intero, colpendo con una forza inaudita tre paesi confinanti: Mozambico, Zimbabwe e Malawi, un’aera in cui vivono oltre un milione e mezzo di persone. Dalle prime informazioni le vittime sarebbero già oltre 150, ma è un calcolo del tutto parziale e purtroppo destinato a salire, perché mancano all’appello centinaia di dispersi e numerosi villaggi e zone rurali sono tutt’ora isolati a causa delle strade spazzate via e dal black out totale delle comunicazioni.

Il centro più colpito è Beira, seconda città del Mozambico, metropoli portuale con 500mila abitanti, sferzata per ore da venti che hanno raggiunto i 220 km/h. L’aeroporto è stato chiuso, e attualmente raggiungere la città via terra è impossibile.

Il ciclone è arrivato dall’oceano indiano dopo una settimana di piogge di forte intensità che avevano già mietuto oltre 126 vittime a causa di esondazioni e del crollo di numerose abitazioni. Le autorità avevano invitato i cittadini di aspettarsi lo “scenario peggiore”.

Secondo l’agenzia AFP, si contano oltre 200mila sfollati e la distruzione completa di almeno 170mila ettari di terreni coltivati che rappresentavano la sussistenza delle popolazioni. Dai primi calcoli delle Nazioni Unite, sarebbero necessari almeno 16milioni di dollari per far fronte alle prime necessità. Malawi e Mozambico hanno dichiarato lo stato di emergenza, chiedendo l’aiuto internazionale.

Galleria fotografica
Un ciclone devasta l’Africa australe - immagine 1
Mondo
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
L’ammissione della premier neozelandese accolta da un applauso nel Paese dove i cittadini stanno per scegliere con un referendum se legalizzare o meno l'uso di cannabis
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Spina nel fianco e voce controcorrente, Ren Zhiqiang è stato condannato a 18 anni di carcere per reati legati alla corruzione. Non è la prima volta che ha guai con la giustizia per le critiche verso il presidente cinese
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Pradesh, dove un uomo ha usato una falce per verificare il sesso del bambino che sarebbe nato a breve. Il Paese combatte da tempo contro una disuguaglianza sociale che sta scombinando la parità dei sessi