Un speranza anche per Manuel

| Un clinico svizzero ha elaborato una tecnica per tentare si superare le lesioni midollari con la tecnica "Stimo". Alcuni pazienti hanno ripreso a camminare. Il caso del nuotatore azzurro sarà esaminato

+ Miei preferiti

Grégoire Courtine, professore del Politecnico Federale di Losanna, il cui gruppo di ricerca ha ideato la tecnica wireless per "guarire" le lesioni midollari, insieme a Jocelyne Bloch del Policlinico Universitario di Losanna, è ottimista. Forse potrà aiutare Manuel Bortuzzo a tornare a camminare: "E' prematuro parlarne - ha detto Courtine, che domani presenterà i risultati aggiornati della metodologia innovativa in un convegno alla Fondazione Santa Lucia IRCCS - ma potenzialmente Manuel potrebbe rispondere al trattamento". Il prossimo anno verrà infatti avviata la sperimentazione della tecnica su pazienti con lesioni spinali recenti e si potrebbe ipotizzare di valutare, se le verifiche del caso ne confermeranno l'opportunità, l'eventuale inserimento di Manuel in questa sperimentazione. Courtine ha tenuto a precisare che si tratta solo di un'"ipotesi" e di non aver conosciuto personalmente Manuel. Ha inoltre sottolineato che il caso di Manuel è "complesso", poichè la lesione spinale è stata determinata da un proiettile. "Sulla base dei dati ad oggi noti, Manuel potrebbe rientrare nella tipologia di casi potenzialmente rispondenti al trattamento". I risultati finora ottenuti con la tecnica definita Stimo (STImulation Movement Overground), che veicola impulsi di stimolazione elettrica midollare attraverso un impianto senza fili, lasciano infatti ben sperare: altri tre pazienti paraplegici hanno ricominciato a camminare in modo autonomo grazie all'utilizzo della stimolazione wireless. Nel 2018 il gruppo di ricerca svizzero, in uno studio su Nature, aveva annunciato per la prima volta i risultati della sperimentazione che aveva permesso alle prime tre persone paraplegiche di tornare a camminare. Ad oggi sono quindi 6 i pazienti che hanno recuperato la funzionalità delle gambe paralizzate. "Abbiamo dimostrato - spiega Courtine - un miglioramento della funzione neurologica in questi pazienti e ciò è sorprendente. Per 2 dei 6 pazienti, inoltre, si è registrato un miglioramento del controllo della funzionalità degli arti anche quando la stimolazione elettrica veniva spenta". Il prossimo passo, annuncia, "sarà migliorare i dispositivi, rendendo la tecnica più fruibile. Attualmente la stimolazione è fatta posizionando un pace-maker a livello lombare nel paziente, ed un'antenna posizionata sull'addome invia il comando di stimolazione midollare. L'operazione è controllata da un piccolo tablet. L'obiettivo è arrivare ad inviare il comando di stimolazione attraverso Iphone o Iwatch".

 

Mondo
Star della TV russa si massacra un occhio
Star della TV russa si massacra un occhio
Valeria Khusnutdinova, giovanissima star di un reality di grande successo, è tornata a casa ubriaca e ha tentato di togliersi la lente a contatto, provocandosi dei danni seri
Dove si muore di più
Dove si muore di più
Un rapporto di un’agenzia dell’Onu ha esaminato i dati globali delle morti violente nel mondo intero. Si muore di più in Sudamerica, anche se per diverse zone del pianeta è ancora difficile avere stime precise
Massacro in Papua Nuova Guinea
Massacro in Papua Nuova Guinea
Almeno 24 persone barbaramente uccise in scontri tribali che infiammano una delle regioni più remote del paese. Il premier promette giustizia
Canada: assolto per due stupri
Canada: assolto per due stupri
L’incredibile vicenda processuale del tribunale di Ottawa: la versione di un uomo accusato di stupro e violenza da due donne, è stata ritenuta dal giudice la più attendibile
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Il gruppo pentastellato ancora alla ricerca di un partner in Europa per contare qualcosa, anche se poco. Dopo il No di mezzo Parlamente, Farage, teorico della Brexit sembrerebbe orientato ad accoglierli. Ma è un guaio lo stesso
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale