Una richiesta di aiuto su un cartoncino di auguri

| L’ha trovata Florence, una bimba inglese di 6 anni: a scriverla un detenuto di un carcere cinese. Immediata la reazione della Tesco, colosso britannico della grande distribuzione

+ Miei preferiti
Florence Widdicombe ha sei anni: vive a Tooting, un quartiere a sud di Londra, e nell’attesa dell’arrivo di Babbo Natale aveva il compito di compilare dei cartoncini di auguri che papà e mamma avevano comprato per 1,50 sterline in un magazzino della “Tesco”, colosso britannico della grande distribuzione. Quella dei biglietti d’auguri natalizi per beneficenza è una consolidata tradizione britannica: le vendite permettono ogni anno di raccogliere 300mila sterline da devolvere alla “British Heart Foundation”, il “Cancer Research UK” e il “Diabetes UK”.

Ma fra tanti altri da compilare, Florence se ne trova fra le mani uno diverso: il cartoncino la colpisce inizialmente per l’immagine di un buffo gattino con il cappello di Babbo Natale, quando lo apre, nello spazio bianco riservato alle frasi augurali qualcuno aveva scritto a mano un messaggio inquietante: “Siamo prigionieri stranieri nella prigione Qingpu di Shangai, in Cina. Siamo obbligati a lavorare contro la nostra volontà: per favore aiutateci, avvertite le organizzazioni per i diritti umani”.

Florence corre da mamma e papà, che subito pensano ad uno scherzo di cattivo gusto, “Poi però ci siamo resi conto che si trattava di una cosa molto seria. È qualcosa che colpisce: ci sono ingiustizie in tutto il mondo e milioni di persone in situazioni difficili, lo leggiamo ogni giorno. Quel biglietto avrebbe potuto finire ovunque: c’è un’incredibile casualità in tutto questo, ed era nostro dovere non permettere che quel messaggio andasse perduto”.

La notizia è stata diffusa dal “Sunday Times”, accompagnata da un commento del colosso Tesco, che ha immediatamente messo in moto la propria struttura per prendere provvedimenti e contattare l’azienda cinese “Zheijiang Yunguang Printing”, annunciando l’immediata sospensione di ogni rapporto. “Aborriamo l’uso di campi di lavoro e non ne permetteremo mai la presenza nella nostra catena di approvvigionamento. Siamo sotto shock per questa rivelazione, abbiamo sospeso il contratto con l’azienda cinese e avviato un’indagine. I controlli da noi effettuati sino al mese scorso non avevano fatto emergere nulla di illegale, ma se l’indagine confermerà quanto denunciato nel biglietto metteremo fine ad ogni rapporto con i fornitori cinesi”.

Non è la prima volta che prigionieri in Cina riescono ad inviare messaggi nascosti in prodotti che sono costretti a realizzare per i mercati occidentali. Nel 2012, Julie Keith, una ragazza di Portland, nell’Oregon, ha scoperto un racconto di torture e maltrattamenti di un detenuto che ha detto di essere stato costretto a lavorare notte e giorno da mesi sulle decorazioni di Halloween. Due anni fa, l’inglese Jessica Rigby ne ha trovato un altro all’interno di una cartolina di Natale acquistata in un’altra grande catena di supermercati: “Tanti auguri di felicità e fortuna. Terza officina di produzione, carcere di Guangzhou, distretto mumero 6”. In un altro messaggio comparso in Irlanda nel 2014, qualcuno scriveva dal carcere di Xian Nang: “Fabbrichiamo vestiti per l’Occidente. Lavoriamo 15 ore al giorno e il cibo che ci danno non lo mangerebbero neanche i maiali”. Malgrado le numerose denunce di Amnesty International, Pechino ha sempre negato e smentito la presenza di carceri-lager.

Galleria fotografica
Una richiesta di aiuto su un cartoncino di auguri - immagine 1
Una richiesta di aiuto su un cartoncino di auguri - immagine 2
Una richiesta di aiuto su un cartoncino di auguri - immagine 3
Mondo
Giappone, più suicidi che vittime del Covid
Giappone, più suicidi che vittime del Covid
Il mese scorso si sono tolte la vita più persone di quante ne abbia uccise il virus. E le donne sono state le più colpite
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Joshua Wong, Ivan Lam e Agnes Chow si sono dichiarati colpevoli nel corso del processo a loro carico per una manifestazione non autorizzata. Rischiano 5 anni di galera ma assicurano: “Non molleremo”
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Un’inchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d’élite dei “SAS” hanno ucciso senza motivo civili afghani. “È la prova che esiste una cultura distorta e violenta”
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
L’amatissima premier Jacinda Ardern ha scelto come ministro degli esteri una donna indigena: quello neozelandese è uno dei governi più aperti e inclusivi del mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT