Un’amante costa il posto al Ceo di McDonald’s

| Steve Easterbrook è stato invitato alle dimissioni dal consiglio di amministrazione per una relazione con una dipendente: per quanto fosse consenziente, rappresenta una violazione delle politiche aziendali

+ Miei preferiti
Steve Easterbrook, nato nel 1967 a Watford, Inghilterra, è uno dei più affermati manager del mondo: dopo l’università si è formato alla “Price Waterhouse”, ma nel 1993 spicca il volo entrando dalla porta principale del colosso “McDonald’s”. Nel 2011 si prende una pausa per avviare verso il successo “PizzaExpress” e “Wamagama”, due grosse catene fast-food britanniche, poi torna alla casa madre, diventando prima chief brand officier per l’Europa del nord, quindi Ceo del colosso, con uno stipendio messo a bilancio, pari a 15,4 milioni di dollari all’anno. È lui a guidare l’impero nella giungla ormai affollatissima dei fast-food, modernizzando la compagnia con l’introduzione dei menù digitali, dei “McDrive” e dell’intelligenza artificiale per migliorare l’esperienza della clientela nei McDonald’s di tutto il mondo.

Ma adesso, Steve Easterbrook ha rassegnato le proprie dimissioni. La decisione è stata presa dal consiglio di amministrazione del colosso mondiale del fast-food, che ha votato compatto per la sua rimozione dall’incarico per violazione delle politiche aziendali sulla condotta personale. Easterbrook non ha potuto negare di aver avuto una relazione con una dipendente, e per quanto si sia trattato di un rapporto perfettamente consenziente, senza denunce e accuse, il board ha preferito non creare un precedente pericoloso, soprattutto in un momento in cui l’azienda è alle prese con una crisi di vendite e di identità in tutto il mondo, culminato nel sorpasso dello scorso anno dalla catena concorrente “Subway”.

“È stato un errore – ha commentato Easterbrook – dati i valori dell’azienda, è opportuno che mi faccia da parte”. Al suo posto arriva Chris Kempczinski, presidente di McDonald’s USA.

Galleria fotografica
Un’amante costa il posto al Ceo di McDonald’s - immagine 1
Mondo
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Joshua Wong, Ivan Lam e Agnes Chow si sono dichiarati colpevoli nel corso del processo a loro carico per una manifestazione non autorizzata. Rischiano 5 anni di galera ma assicurano: “Non molleremo”
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Un’inchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d’élite dei “SAS” hanno ucciso senza motivo civili afghani. “È la prova che esiste una cultura distorta e violenta”
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
L’amatissima premier Jacinda Ardern ha scelto come ministro degli esteri una donna indigena: quello neozelandese è uno dei governi più aperti e inclusivi del mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale