Un’amante costa il posto al Ceo di McDonald’s

| Steve Easterbrook è stato invitato alle dimissioni dal consiglio di amministrazione per una relazione con una dipendente: per quanto fosse consenziente, rappresenta una violazione delle politiche aziendali

+ Miei preferiti
Steve Easterbrook, nato nel 1967 a Watford, Inghilterra, è uno dei più affermati manager del mondo: dopo l’università si è formato alla “Price Waterhouse”, ma nel 1993 spicca il volo entrando dalla porta principale del colosso “McDonald’s”. Nel 2011 si prende una pausa per avviare verso il successo “PizzaExpress” e “Wamagama”, due grosse catene fast-food britanniche, poi torna alla casa madre, diventando prima chief brand officier per l’Europa del nord, quindi Ceo del colosso, con uno stipendio messo a bilancio, pari a 15,4 milioni di dollari all’anno. È lui a guidare l’impero nella giungla ormai affollatissima dei fast-food, modernizzando la compagnia con l’introduzione dei menù digitali, dei “McDrive” e dell’intelligenza artificiale per migliorare l’esperienza della clientela nei McDonald’s di tutto il mondo.

Ma adesso, Steve Easterbrook ha rassegnato le proprie dimissioni. La decisione è stata presa dal consiglio di amministrazione del colosso mondiale del fast-food, che ha votato compatto per la sua rimozione dall’incarico per violazione delle politiche aziendali sulla condotta personale. Easterbrook non ha potuto negare di aver avuto una relazione con una dipendente, e per quanto si sia trattato di un rapporto perfettamente consenziente, senza denunce e accuse, il board ha preferito non creare un precedente pericoloso, soprattutto in un momento in cui l’azienda è alle prese con una crisi di vendite e di identità in tutto il mondo, culminato nel sorpasso dello scorso anno dalla catena concorrente “Subway”.

“È stato un errore – ha commentato Easterbrook – dati i valori dell’azienda, è opportuno che mi faccia da parte”. Al suo posto arriva Chris Kempczinski, presidente di McDonald’s USA.

Galleria fotografica
Un’amante costa il posto al Ceo di McDonald’s - immagine 1
Mondo
Hong Kong, l’ultimo scontro
Hong Kong, l’ultimo scontro
Da due giorni, centinaia di manifestanti sono asserragliati all’interno di un’università: l’edificio è circondato dalla polizia, che impedisce a chiunque di entrare e uscire. Gli scontri si fanno sempre più violenti
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
Infuria la polemica: sull’iPad di John Connell, un anziano pedofilo schedato, la polizia ha trovato 8.000 immagini pedopornografiche. Ma il giudice ha mitigato la condanna perché l’uomo è gravemente malato di cuore
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Ketellen Umbelino de Oliveira Gomes, 5 anni, è stata colpita sulla bici della mamma, mentre andava a scuola. La polizia ha arrestato un narcotrafficante che era ricercato per altri due omicidi
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Secondo l’organizzazione umanitaria che ha denunciato il caso, il traffico potrebbe essere responsabile di abusi si più di 500 ragazzi. Ma per evitare il disonore le vittime tacciono, e i responsabili non vengono nemmeno accusati
Io ero Mia
Io ero Mia
La vicenda di una giovane americana di origini libanesi che per due anni è stata una stella del porno. Una scena hard girata con il hijab le è valsa la condanna a morte dei gruppi terroristici
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Un uomo si è arrampicato sul tetto della scuola e spruzzato soda caustica su bambini e insegnanti. Fermato poco dopo, ha raccontato di averlo fatto in segno di protesta
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Senza una terra e privi di ogni diritto, vivono in Birmania, al confine con il Bangladesh, e secondo le Nazioni Uniti sono vittime di una vera pulizia etnica. Ora, il paese asiatico è stato citato a giudizio da 57 Stati diversi
Lo storico napoleonico diventato assassino
Lo storico napoleonico diventato assassino
Oleg Sokolov, 63 anni, celebre in tutto il mondo per i suoi studi napoleonici, ripescato nelle acque del fiume di San Pietroburgo mentre tentava di disfarsi del corpo smembrato della fidanzata 22enne
Jolly Joseph, la donna che ha sterminato la sua famiglia
Jolly Joseph, la donna che ha sterminato la sua famiglia
Madre, moglie, assidua frequentatrice della parrocchia e professoressa universitaria. Nella realtà una spietata assassina che ha decimato senza pietà la sua famiglia
Condannato un ristoratore schiavista
Condannato un ristoratore schiavista
Dieci anni di galera per il manager di un ristorante in South Carolina che aveva preso di mira un giovane afro-americano con problemi mentali: per anni l’ha picchiato e sopraffatto in ogni modo