Un’amante costa il posto al Ceo di McDonald’s

| Steve Easterbrook è stato invitato alle dimissioni dal consiglio di amministrazione per una relazione con una dipendente: per quanto fosse consenziente, rappresenta una violazione delle politiche aziendali

+ Miei preferiti
Steve Easterbrook, nato nel 1967 a Watford, Inghilterra, è uno dei più affermati manager del mondo: dopo l’università si è formato alla “Price Waterhouse”, ma nel 1993 spicca il volo entrando dalla porta principale del colosso “McDonald’s”. Nel 2011 si prende una pausa per avviare verso il successo “PizzaExpress” e “Wamagama”, due grosse catene fast-food britanniche, poi torna alla casa madre, diventando prima chief brand officier per l’Europa del nord, quindi Ceo del colosso, con uno stipendio messo a bilancio, pari a 15,4 milioni di dollari all’anno. È lui a guidare l’impero nella giungla ormai affollatissima dei fast-food, modernizzando la compagnia con l’introduzione dei menù digitali, dei “McDrive” e dell’intelligenza artificiale per migliorare l’esperienza della clientela nei McDonald’s di tutto il mondo.

Ma adesso, Steve Easterbrook ha rassegnato le proprie dimissioni. La decisione è stata presa dal consiglio di amministrazione del colosso mondiale del fast-food, che ha votato compatto per la sua rimozione dall’incarico per violazione delle politiche aziendali sulla condotta personale. Easterbrook non ha potuto negare di aver avuto una relazione con una dipendente, e per quanto si sia trattato di un rapporto perfettamente consenziente, senza denunce e accuse, il board ha preferito non creare un precedente pericoloso, soprattutto in un momento in cui l’azienda è alle prese con una crisi di vendite e di identità in tutto il mondo, culminato nel sorpasso dello scorso anno dalla catena concorrente “Subway”.

“È stato un errore – ha commentato Easterbrook – dati i valori dell’azienda, è opportuno che mi faccia da parte”. Al suo posto arriva Chris Kempczinski, presidente di McDonald’s USA.

Galleria fotografica
Un’amante costa il posto al Ceo di McDonald’s - immagine 1
Mondo
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Nathaniel Julius stava andando a comprare dei biscotti quando si è imbattuto in una pattuglia. Per la famiglia è stata un’esecuzione, perché il ragazzino non rispondeva alle loro domande. E Johannesburg esplode di rabbia
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Piegato da problemi di salute e con la popolarità ai minimi storici per la gestione della pandemia, il premier più longevo della storia nipponica annuncerà a breve la propria rinuncia
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Una modifica al “Judicial Proceedings Reports Act” impedisce a chiunque, vittime comprese, di rendere identificabili le vittime di reati sessuali, a meno di non usare uno pseudonimo
Navalny è stato avvelenato
Navalny è stato avvelenato
Il sospetto è che si tratti di gas nervino, una sorta di firma dei servizi segreti russi. Il dissidente non sarebbe più in pericolo di vita ma per i medici i danni sul sistema nervoso potrebbero essere permanenti
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Al momento è solo un’indiscrezione giornalistica, senza conferme e smentite, ma si rincorrono nuovamente le voci sulla salute del leader nordcoreano
Il mega-party di Wuhan
Il mega-party di Wuhan
Migliaia di persone della città epicentro del virus riunite per un festival musicale in un acqua-park: nessuna mascherina e neanche distanziamento sociale. La condanna dell’OMS
Thailandia, venti di rivolta
Thailandia, venti di rivolta
Per la prima volta nella storia del Paese la gente è scesa in piazza per chiedere più democrazia e una revisione della monarchia, che ha perso molto del suo ascendente