USA, ARMI VENDITE BOOM 316 MILA MORTI IN 9 ANNI

| Mitra e pistole nei supermarket, ogni anno 30 mila morti. Tra le vittime decine di bambini ma gli americani non rinunciano agli arsenali privati

+ Miei preferiti
ATLANTA
Reportage
di Germano Longo
Circa 357 milioni di armi su 320 milioni di abitanti. Sono i dati diffusi dal "Congressional Research Service", utilizzati dall'ex presidente Obama nel suo "Executive Action", il decreto che conteneva misure restrittive sul possesso di armi da fuoco. Una battaglia persa ancora prima di iniziare, minata come sempre dalla potentissima lobby del "National Rifle Association", pronta a rimandare al mittente ogni tentativo di limitare i grilletti in circolazione appellandosi al secondo emendamento, che nero su bianco ammette il possesso di armi per garantire la sicurezza in uno stato libero. E a nulla serve ricordare che quand'è stato scritto, nel dicembre del 1791, le cose erano leggermente diverse, e difendere casa e famiglia era una necessità. Ma per 40 stati su 50, nulla è cambiato: grazie a loro, gli Stati Uniti restano saldamente al comando nella classifica sull'uso delle armi, seguiti dallo Yemen. Non male, se si pensa che nel paese arabo è in atto da anni una sanguinosa guerra civile.

 

Inutile, o superfluo, ricordare anche le stragi improvvisa che ogni tanto spuntano nelle cronache, che nulla sono rispetto agli incidenti causati da armi da fuoco: 316 mila morti fra il 2004 ed il 2013, contro 36 vittime accertate per terrorismo sul suolo americano. Più o meno 30.000 persone ogni anno, 30 al giorno: grosso modo come il Congo. Per andare ancora di più nello specifico, nel solo 2015, 756 minori ci hanno lasciato la pelle: di questi, 19 erano bambini che si sono uccisi in modo involontario. Su tutti, resta emblematico il caso di Jamie Gilt, fervida attivista in favore del possesso di armi, che nel marzo del 2016 ha provato di persona gli effetti delle sue battaglie: suo figlio, un bimbetto di quattro anni appena, non solo ha trovato facilmente in casa una pistola, ma ha premuto il grilletto contro sua madre prima che questa riuscisse a levargliela.

Effetti collaterali inevitabili che fanno parte di una vera e propria cultura delle armi fortemente radicata, accompagnata dalla salda convinzione che Dio protegge, ma una Colt fa ancora di meglio. Nel 2012, alla domanda sul motivo principale per l'acquisto di un'arma, il 67% degli intervistati rispondeva per la criminalità crescente, i restanti si dividevano fra poligoni di tiro e battute di caccia. Nel 2013, il sito Atlantic Online si è spinto oltre, paragonando il numero di morti di ogni grande metropoli americana a posti ritenuti pericolosi: Atlanta non ha nulla da invidiare all'intero Sud Africa, Detroit è come El Salvador, Phoenix è uguale al Messico, Baltimora al Guatemala, Miami all'intera Colombia.

Va detto: anche i supermercati per famiglie, dove il 3x2 non manca e la fiera del bianco neanche, hanno il loro bravo angolino dedicato alle armi. Si trova di tutto, dai fucili alle pistole, dai coltelloni alla Rambo alle balestre, comprese frecce, cartucce, mirini e kit per la pulizia. E per chi non sa esattamente come muoversi niente paura: decine e decine di pubblicazioni sono pronte a spiegare ogni cosa nel dettaglio. Le nuove armi sono testate e consigliate, esattamente come si fa per un'auto. Per fare un esempio, sulla copertina dell'ultimo numero di "Personal & Home Defense", una coppia imbraccia i fucili mentre un bimbo, in mezzo a loro, si tappa le orecchie. Il titolo è quanto mai chiaro: "Don't be a victim. Get trained and armed". Al cambio attuale "Non essere la prossima vittima, allenati e armati".


Mondo
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Nathaniel Julius stava andando a comprare dei biscotti quando si è imbattuto in una pattuglia. Per la famiglia è stata un’esecuzione, perché il ragazzino non rispondeva alle loro domande. E Johannesburg esplode di rabbia
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Piegato da problemi di salute e con la popolarità ai minimi storici per la gestione della pandemia, il premier più longevo della storia nipponica annuncerà a breve la propria rinuncia
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Una modifica al “Judicial Proceedings Reports Act” impedisce a chiunque, vittime comprese, di rendere identificabili le vittime di reati sessuali, a meno di non usare uno pseudonimo
Navalny è stato avvelenato
Navalny è stato avvelenato
Il sospetto è che si tratti di gas nervino, una sorta di firma dei servizi segreti russi. Il dissidente non sarebbe più in pericolo di vita ma per i medici i danni sul sistema nervoso potrebbero essere permanenti
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Al momento è solo un’indiscrezione giornalistica, senza conferme e smentite, ma si rincorrono nuovamente le voci sulla salute del leader nordcoreano
Il mega-party di Wuhan
Il mega-party di Wuhan
Migliaia di persone della città epicentro del virus riunite per un festival musicale in un acqua-park: nessuna mascherina e neanche distanziamento sociale. La condanna dell’OMS
Thailandia, venti di rivolta
Thailandia, venti di rivolta
Per la prima volta nella storia del Paese la gente è scesa in piazza per chiedere più democrazia e una revisione della monarchia, che ha perso molto del suo ascendente