Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India

| 300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti

+ Miei preferiti
Sei milioni di persone potrebbero essere colpite nelle prossime ore dal ciclone tropicale “Vayu”, che si sta dirigendo verso l’India nord-occidentale e dovrebbe arrivare a destinazione entro le prossime 24 ore. Quasi 300mila le persone che finora sono state evacuate in 700 rifugi, ha riferito un portavoce del Ministero dell’Interno indiano.

Con venti superiori a 120 km/h, Vayu potrebbe diventare il ciclone più forte che colpisce il continente indiano da decenni, e arriva ad un mese di distanza dal potente “Fani” che ha flagellato la costa nord-orientale dell’India.

Entro una manciata di ore, Vayu passerà a circa 200 km ad ovest di Mumbai prima di arrivare nello stato di Gujarat, sulla costa occidentale indiana.

Trentanove squadre della “National Disaster Response Force” - ciascuna composta da circa 45 persone - sono state dispiegate per aiutare le autorità locali nelle operazioni di evacuazione, ricerca, salvataggio e soccorso. L’esercito ha 34 squadre in stand-by.

Vayu si è formato lunedì e il giorno dopo si è rinforzato nel mare arabo: secondo le previsioni del “Joint Typhoon Warning Center” raggiungerà un’intensità pari a 175 km/h che lo renderebbe uguale ad un uragano di categoria 2.

L’anomalia è che i cicloni tropicali di tale potenza raramente colpiscono il Mar Arabico: l’ultimo risale addirittura a vent’anni fa. Ma se le previsioni sono esatte, Vayu potrebbe diventare la tempesta più forte dal 1998, quando un ciclone tropicale con venti di 195 km/h uccise circa 10.000 persone.

I pescatori e gli abitanti dei villaggi sulle coste sono stati allertati di prepararsi a onde che potrebbero creare grossi problemi nel distretto di Kutch. Il Dipartimento Meteorologico indiano ha avvisato anche di precipitazioni molto pesanti accompagnate a raffiche di vento lungo la costa.

Questo è il secondo grande ciclone tropicale dell’anno in India: Fani, lo scorso mese di maggio, ha colpito lo stato di Odisha con venti che hanno raggiunto i 240 km/h, pari a un uragano di categoria 4. La tempesta ha ucciso decine di persone, principalmente a causa della caduta di alberi e muri, ma il bilancio delle vittime è stato mantenuto relativamente basso grazie all’evacuazione di oltre un milione di persone a Odisha.

Mondo
Le ultime ore di Hong Kong
Le ultime ore di Hong Kong
La decisione sembra presa: Pechino pronta a emanare la legge sulla sicurezza nazionale per la città. La reazione degli Stati Uniti, che a Hong Kong hanno sempre applicato tariffe e controlli diversi rispetto al resto della Cina
Hong Kong torna in piazza
Hong Kong torna in piazza
La città di nuovo invasa dalle proteste, ma ad attendere i manifestanti massicci spiegamenti di polizia ed esercito: segno che Pechino non ha intenzione di tollerare ancora per molto
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La strategia sempre più caotica e rabbiosa di Trump sta accelerando il divario con gli alleati. E con un’America sempre più isolata, la Cina ha tutto da guadagnare
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
La proposta della premier Jacinda Ardern per permettere ai cittadini di riprendersi dal duro lockdown e ridare fiato al turismo, un settore fondamentale per l’economia
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
Ampham, con venti ad oltre 40 km/h, è atteso per mercoledì in zone già duramente colpite dalla pandemia. È il secondo per intensità dopo quello di più di 10 anni fa, che fece oltre 10mila vittime
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Il successo dell’isola nella lotta contro il coronavirus ha rafforzato la posizione globale e l’immagine internazionale di Taipei. E questo sta facendo infuriare Pechino
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
In Ucraina, uno dei pochi Paesi in cui la pratica dell’utero in affitto a scopo economico è permesso, decine di bambini restano in attesa delle famiglie adottive, che non possono viaggiare per andare a prenderli
La Francia entra nella Fase 2
La Francia entra nella Fase 2
Con molta cautela e con il Paese diviso in due: zone rosse e verdi. Qualche concessione in più ai cittadini dopo 8 settimane di lockdown
Il virus oltre cortina
Il virus oltre cortina
Ufficialmente la COVID-19 non è entrata in Corea del Nord, anche se non si ha certezza di quanto affermato dal governo con voci di numerosi casi e centinaia di morti. La strategia di lockdown anticipato ed estremo sembra abbia funzionato
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Al di là della retorica trionfalistica di Pechino, la città epicentro del Covid-19 stenta a riprendersi: negozi chiusi, poca gente per strada e la sensazione che tutto si ripeterà presto con una seconda ondata