Venezuela: "In fumo trent'anni di lavoro"

| Paure e speranze di un imprenditore piemontese emigrato in Venezuela negli Anni '80

+ Miei preferiti
Come va?  "Male. Ventisette anni di lavoro vanno in fumo". Arriva chiara, dal Venezuela, Santa Ana del Coro, la voce di Mario Z., 66 anni, moglie e due figli, piemontese, titolare di una Pmi, settore metalmeccanico. Inflazione al 500 per cento, ordini in caduta libera, tensione e paura nelle strade, con gli oppositori e i sostenitori del governo Maduro a un passo dalla guerra civile. "I ministeri non rispondono più, sono stato tre giorni a Caracas per definire i termini di una commessa statale da tempo acquisita ma non sappiamo se procedere, fermarci, andarcene via. Nessuno ci risponde". 
"Produzione ferma" 


La situazione sociale è esplosiva, racconta questo industriale emigrato negli anni '80, con un buon risultato ormai alle spalle. "Avevamo circa 300 dipendenti e un indotto di rilievo. Mio figlio si occupa di logistica, trasporti su camion. Da mesi è fermo. Molti se ne sono andati, tante aziende hanno smesso di produrre. E la tensione dei lavoratori, gente perbene, molto seri, è alta perché c'è la sensazione che presto anche alimentarsi sarà un problema. Chiudono i negozi, la crisi è arrivata anche qui, lontano dalla metropoli". Lei ha paura? "Certo. Ho paura, perchè i collectivos imperversano in tutto il Paese, colpiscono chi non collabora con il governo, la polizia politica scheda chiunque osa manifestare dissenso". Però Maduro si fa passare come un Allende sotto assedio dalle destre. "Azzardare analisi è pericoloso e fuorviante. Il problema è un altro, mancano i fondamenti dell'economia, siamo su un piano inclinato, la produzione è ferma, i consumi anche, anche la classe media rischia di estinguersi. E' vero, anche Allende aveva creato con nazionalizzazioni e altri errori macroscopici un disagio per il popolo,  qui è peggio. La Cia non serve".
Nuove elezioni e governo di coalizione
I partiti di centro destra all'opposizione, ma anche schieramenti di centro sinistra, chiedono nuove elezioni e un governo che si smarchi una volta per tutte dalla "rivoluzione permanente". Maduro paga colpe non sue, come il crollo del prezzo del greggio, ma dovrebbe - secondo gli oppositori - ammettere la sconfitta e accettare un governo di salute pubblica, una grande coalizione che rimetta le mani in una riorganizzazione economica che non si discosti dai principi elementari di una buona gestione. Saranno lacrime e sangue per i lavoratori e per la gente, per tutti, ma almeno si creerebbe - sostengono - una speranza per il futuro, in una terra ricca di risorse e con un popolo attivo e con una classe dirigente in teoria di livello.


"Contiamo i morti per le strade, la polizia e l'esercito hanno l'ordine di picchiare, se non di uccidere. Uno dei miei dipendenti è in stato di fermo da 20 giorni, fermato a Caracas in uno scontro, gli avvocati non sanno neppure di cosa è accusato".

Ma lei che farà ora, rientrerà in Italia? "La mia vita è qui, questa è la mia seconda patria. Ho fiducia che la situazione possa tornare lentamente alla normalità, qui ho investito tutti i miei capitali, i miei figli sono sposati con ragazze venezuelane. Andarmene? No, sarebbe una fuga. Qui c'è un detto che dice ‘ieri non esiste, domani non ancora, lotta per oggi'. Resteremo".

 

Mondo
Lacrimogeni a Hong Kong
contro una manifestazione
Lacrimogeni a Hong Kong<br>contro una manifestazione
La polizia antisommossa ha lanciato numerosi gas per disperdere i manifestanti che per il settimo fine settimana consecutivo protestano contro il governo e la Cina
Star della TV russa si massacra un occhio
Star della TV russa si massacra un occhio
Valeria Khusnutdinova, giovanissima star di un reality di grande successo, è tornata a casa ubriaca e ha tentato di togliersi la lente a contatto, provocandosi dei danni seri
Dove si muore di più
Dove si muore di più
Un rapporto di un’agenzia dell’Onu ha esaminato i dati globali delle morti violente nel mondo intero. Si muore di più in Sudamerica, anche se per diverse zone del pianeta è ancora difficile avere stime precise
Massacro in Papua Nuova Guinea
Massacro in Papua Nuova Guinea
Almeno 24 persone barbaramente uccise in scontri tribali che infiammano una delle regioni più remote del paese. Il premier promette giustizia
Canada: assolto per due stupri
Canada: assolto per due stupri
L’incredibile vicenda processuale del tribunale di Ottawa: la versione di un uomo accusato di stupro e violenza da due donne, è stata ritenuta dal giudice la più attendibile
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Il gruppo pentastellato ancora alla ricerca di un partner in Europa per contare qualcosa, anche se poco. Dopo il No di mezzo Parlamente, Farage, teorico della Brexit sembrerebbe orientato ad accoglierli. Ma è un guaio lo stesso
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato