Venezuela: "In fumo trent'anni di lavoro"

| Paure e speranze di un imprenditore piemontese emigrato in Venezuela negli Anni '80

+ Miei preferiti
Come va?  "Male. Ventisette anni di lavoro vanno in fumo". Arriva chiara, dal Venezuela, Santa Ana del Coro, la voce di Mario Z., 66 anni, moglie e due figli, piemontese, titolare di una Pmi, settore metalmeccanico. Inflazione al 500 per cento, ordini in caduta libera, tensione e paura nelle strade, con gli oppositori e i sostenitori del governo Maduro a un passo dalla guerra civile. "I ministeri non rispondono più, sono stato tre giorni a Caracas per definire i termini di una commessa statale da tempo acquisita ma non sappiamo se procedere, fermarci, andarcene via. Nessuno ci risponde". 
"Produzione ferma" 


La situazione sociale è esplosiva, racconta questo industriale emigrato negli anni '80, con un buon risultato ormai alle spalle. "Avevamo circa 300 dipendenti e un indotto di rilievo. Mio figlio si occupa di logistica, trasporti su camion. Da mesi è fermo. Molti se ne sono andati, tante aziende hanno smesso di produrre. E la tensione dei lavoratori, gente perbene, molto seri, è alta perché c'è la sensazione che presto anche alimentarsi sarà un problema. Chiudono i negozi, la crisi è arrivata anche qui, lontano dalla metropoli". Lei ha paura? "Certo. Ho paura, perchè i collectivos imperversano in tutto il Paese, colpiscono chi non collabora con il governo, la polizia politica scheda chiunque osa manifestare dissenso". Però Maduro si fa passare come un Allende sotto assedio dalle destre. "Azzardare analisi è pericoloso e fuorviante. Il problema è un altro, mancano i fondamenti dell'economia, siamo su un piano inclinato, la produzione è ferma, i consumi anche, anche la classe media rischia di estinguersi. E' vero, anche Allende aveva creato con nazionalizzazioni e altri errori macroscopici un disagio per il popolo,  qui è peggio. La Cia non serve".
Nuove elezioni e governo di coalizione
I partiti di centro destra all'opposizione, ma anche schieramenti di centro sinistra, chiedono nuove elezioni e un governo che si smarchi una volta per tutte dalla "rivoluzione permanente". Maduro paga colpe non sue, come il crollo del prezzo del greggio, ma dovrebbe - secondo gli oppositori - ammettere la sconfitta e accettare un governo di salute pubblica, una grande coalizione che rimetta le mani in una riorganizzazione economica che non si discosti dai principi elementari di una buona gestione. Saranno lacrime e sangue per i lavoratori e per la gente, per tutti, ma almeno si creerebbe - sostengono - una speranza per il futuro, in una terra ricca di risorse e con un popolo attivo e con una classe dirigente in teoria di livello.


"Contiamo i morti per le strade, la polizia e l'esercito hanno l'ordine di picchiare, se non di uccidere. Uno dei miei dipendenti è in stato di fermo da 20 giorni, fermato a Caracas in uno scontro, gli avvocati non sanno neppure di cosa è accusato".

Ma lei che farà ora, rientrerà in Italia? "La mia vita è qui, questa è la mia seconda patria. Ho fiducia che la situazione possa tornare lentamente alla normalità, qui ho investito tutti i miei capitali, i miei figli sono sposati con ragazze venezuelane. Andarmene? No, sarebbe una fuga. Qui c'è un detto che dice ‘ieri non esiste, domani non ancora, lotta per oggi'. Resteremo".

 

Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino