Venezuela: "In fumo trent'anni di lavoro"

| Paure e speranze di un imprenditore piemontese emigrato in Venezuela negli Anni '80

+ Miei preferiti
Come va?  "Male. Ventisette anni di lavoro vanno in fumo". Arriva chiara, dal Venezuela, Santa Ana del Coro, la voce di Mario Z., 66 anni, moglie e due figli, piemontese, titolare di una Pmi, settore metalmeccanico. Inflazione al 500 per cento, ordini in caduta libera, tensione e paura nelle strade, con gli oppositori e i sostenitori del governo Maduro a un passo dalla guerra civile. "I ministeri non rispondono più, sono stato tre giorni a Caracas per definire i termini di una commessa statale da tempo acquisita ma non sappiamo se procedere, fermarci, andarcene via. Nessuno ci risponde". 
"Produzione ferma" 


La situazione sociale è esplosiva, racconta questo industriale emigrato negli anni '80, con un buon risultato ormai alle spalle. "Avevamo circa 300 dipendenti e un indotto di rilievo. Mio figlio si occupa di logistica, trasporti su camion. Da mesi è fermo. Molti se ne sono andati, tante aziende hanno smesso di produrre. E la tensione dei lavoratori, gente perbene, molto seri, è alta perché c'è la sensazione che presto anche alimentarsi sarà un problema. Chiudono i negozi, la crisi è arrivata anche qui, lontano dalla metropoli". Lei ha paura? "Certo. Ho paura, perchè i collectivos imperversano in tutto il Paese, colpiscono chi non collabora con il governo, la polizia politica scheda chiunque osa manifestare dissenso". Però Maduro si fa passare come un Allende sotto assedio dalle destre. "Azzardare analisi è pericoloso e fuorviante. Il problema è un altro, mancano i fondamenti dell'economia, siamo su un piano inclinato, la produzione è ferma, i consumi anche, anche la classe media rischia di estinguersi. E' vero, anche Allende aveva creato con nazionalizzazioni e altri errori macroscopici un disagio per il popolo,  qui è peggio. La Cia non serve".
Nuove elezioni e governo di coalizione
I partiti di centro destra all'opposizione, ma anche schieramenti di centro sinistra, chiedono nuove elezioni e un governo che si smarchi una volta per tutte dalla "rivoluzione permanente". Maduro paga colpe non sue, come il crollo del prezzo del greggio, ma dovrebbe - secondo gli oppositori - ammettere la sconfitta e accettare un governo di salute pubblica, una grande coalizione che rimetta le mani in una riorganizzazione economica che non si discosti dai principi elementari di una buona gestione. Saranno lacrime e sangue per i lavoratori e per la gente, per tutti, ma almeno si creerebbe - sostengono - una speranza per il futuro, in una terra ricca di risorse e con un popolo attivo e con una classe dirigente in teoria di livello.


"Contiamo i morti per le strade, la polizia e l'esercito hanno l'ordine di picchiare, se non di uccidere. Uno dei miei dipendenti è in stato di fermo da 20 giorni, fermato a Caracas in uno scontro, gli avvocati non sanno neppure di cosa è accusato".

Ma lei che farà ora, rientrerà in Italia? "La mia vita è qui, questa è la mia seconda patria. Ho fiducia che la situazione possa tornare lentamente alla normalità, qui ho investito tutti i miei capitali, i miei figli sono sposati con ragazze venezuelane. Andarmene? No, sarebbe una fuga. Qui c'è un detto che dice ‘ieri non esiste, domani non ancora, lotta per oggi'. Resteremo".

 

Mondo
Il massacro che ha sconvolto le Fiji
Il massacro che ha sconvolto le Fiji
Un uomo neozelandese è accusato di stregoneria: insieme alla moglie, durante un rituale esoterico avrebbe ucciso la famiglia della figlia
Carrie Lam, la solitudine della numero uno
Carrie Lam, la solitudine della numero uno
Le lamentele e la tensione della chief executive di Hong Kong registrate in un audio diffuso dai media. Mentre cresce il malumore di Pechino
Australia: due fantine morte in due giorni
Australia: due fantine morte in due giorni
Melanie Tyndall travolta in gara dal cavallo di un avversario: due giorni prima Mikaela Claridge è stata disarcionata e non si è più rialzata
La battaglia di Saba Kord Afshari
La battaglia di Saba Kord Afshari
La giovane attivista iraniana condannata a 25 anni di carcere per essersi tolta il velo durante le manifestazioni di protesta del “Mercoledì bianco”. Al suo fianco intellettuali e organizzazioni umanitare
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
È crollata per un attacco cardiaco mentre faceva jogging: secondo i media era sotto pressione da tempo
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
L’attentatore di Christchurch lasciato libero di pubblicare un nuovo documento suprematista su un sito web: sotto accusa i dirigenti del carcere
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
La quindicenne londinese ritrovata senza vita nella giungla della Malaysia sarebbe morta di stenti. Al momento non c’è alcuna traccia di violenza
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Una giovane australiana non ha retto alla depressione in cui era piombata dopo anni di soprusi e prese in giro
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Secondo la compagnia low-cost della Lufthansa, le 150 persone vittime nello schianto voluto dal copilota Andreas Lubitz non avrebbero avuto la sensazione di morire. Ma le scatole nere raccontano il contrario
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Si tratta di oltre 20 panetti, e secondo la polizia facevano parte di un carico disperso dai trafficanti un anno fa. In crescita nella zona del Pacifico il consumo di cocaina