Violentata sotto anestesia

| Una giovane donna russa si è risvegliata dopo l’intervento mentre il medico la stava violentando. L’ha denunciato e trascinato in tribunale, rinunciando anche al diritto di anonimato

+ Miei preferiti
Erika Bykova, 33 anni, stilista ben nota in Russia è la donna del momento: ha rinunciato al diritto di anonimato, riconosciuto dalla legge, per gettare tutto il fango possibile su Yury Chernikov, un anestetista che l’avrebbe violentata al termine di un intervento di chirurgia plastica a cui si era sottoposta. La sua battaglia, ha raccontato in televisione nel corso di un’intervista in cui più volte è scoppiata in lacrime, “È un incoraggiamento verso tutte le donne che subiscono violenza e provano così tanta vergogna da lasciare impuniti i loro aguzzini”.

Anche a Erika, ha rivelato, in tanti avevano consigliato di lasciar perdere: ha un nome e una carriera di difendere, e la denuncia pubblica le avrebbe facilmente procurato dei danni. Ma lei non ha sentito ragioni: “Le donne vittime di stupro non devono più tacere, dobbiamo raccontare tutto e pretendere leggi e pene più severe per i colpevoli. Quando una donna tace, è come se difendesse il suo stupratore: il silenzio non fa che moltiplicare il rischio di nuove violenze. Io stessa, se non avessi sporto denuncia, avrei lasciato al mio violentatore, una persona evidentemente malata, l’opportunità di restare a piede libero, totalmente impunito. Lui ha anche tentato di mettermi sotto pressione, e i miei stessi avvocati erano riluttanti a difendermi, ma da questa storia ho imparato molto sulle persone intorno a me, amici e nemici, ma sono orgogliosa di aver trovato in me stessa l’aspetto di una guerriera che pretende giustizia”.

Sposata, mamma di un bimbo, Erika Bykova si era sottoposta ad un intervento per aumentare il volume del seno, malgrado sia una donna parecchio avvenente e con un fisico molto curato. Al termine dell’operazione, ancora intorpidita dall’anestesia, si è risvegliata vedendo l’anestetista sopra di lei. Ha tentato di spostarlo, ma non ha ancora pieno possesso delle proprie forze, è stata costretta a subire, incapace di reagire. Il giorno successivo, preoccupato per essere stato colto sul fatto, il medico si è presentato da lei con una “pillola del giorno dopo”, accompagnata dalla richiesta di dimenticare l’accaduto e alla possibilità di offrirle del denaro pur di non essere denunciato. Non è andata così: quando è stata dimessa, Erika è corsa alla stazione di polizia per sporgere denuncia e rinunciare all’anonimato. Di fronte al giudice, per l’interrogatorio di conferma dell’arresto, l’anestetista ha prima tentato la carta del rapporto consenziente, ma poco dopo è crollato: “Mi sono stati sufficienti pochi minuti per capire cosa avevo fatto: ero terrorizzato per mia moglie, i miei figli e i miei nipoti, che non mi avrebbero mai perdonato”. La moglie Tatiana, intervistata, ha ammesso: “Non credo che mio marito sia uno stupratore. Ma certamente ha fallito come uomo”.

Yury Chernikov, 60 anni, è stato condannato a tre anni e due mesi di carcere, sui cinque richiesti dal pm, oltre al risarcimento di 15mila euro.

Galleria fotografica
Violentata sotto anestesia - immagine 1
Violentata sotto anestesia - immagine 2
Violentata sotto anestesia - immagine 3
Violentata sotto anestesia - immagine 4
Violentata sotto anestesia - immagine 5
Violentata sotto anestesia - immagine 6
Mondo
Le promesse ambientali del G7
Le promesse ambientali del G7
I leader mondiali hanno concordato sull’urgenza di agire per salvare il pianeta. Ma senza fatti concreti: a quattro mesi dal COP 26 mancano ancora date e strategie
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
Un’inchiesta top secret svelata dai media avrebbe individuato 150 dipendenti della compagnia aerea australiana appartenenti a gang di bikers attive nel traffico di stupefacenti
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Si tratta per lo più di aborigeni, e alcuni avevano pochi anni. La macabra scoperta è arrivata dopo anni di indagini e segnalazioni. Per il premier Trudeau è “una pagina sconcertante nella storia del nostro Paese”
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Saki Sudo, 22 anni, ha ucciso il miliardario 77enne Kosuke Nozaki somministrandogli massicce dosi di droghe stimolanti. La polizia l’ha arrestata dopo anni di indagini
Riappare la principessa Latifa
Riappare la principessa Latifa
La figlia dello sceicco di Dubai, per cui si sono mosse anche le Nazioni Uniti, è comparsa all’improvviso in un paio di foto postate su Instagram. E' la prova che sia ancora in vita, ma non dice nulla sulle sue condizioni
La moglie manesca dell’ambasciatore
La moglie manesca dell’ambasciatore
Xiang Xueqiu, consorte dell’ambasciatore del Belgio in Corea del Sud, ha chiesto l’immunità diplomatica prima di essere accusata di aggressione dalla commessa di un negozio di abbigliamento
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Colpevole di estremismo, Olga Misik dovrà scontare 2 anni 9 mesi di arresti domiciliari. Insieme a lei condannati altri due giovani per vandalismo
Strage in una scuola in Russia
Strage in una scuola in Russia
Scene simili a quelle americane a Kazan, una città a 1000 km da Mosca: un 19enne ha ucciso 9 persone prima di essere fermato. Putin invoca una maggior stretta sulle armi
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Questa la versione dell’agenzia spaziale di Pechino, accusata di aver realizzato un booster destinato a tornare sulla Terra senza controllo
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
I detriti del Long March 5B dovrebbero rientrare nel giro delle prossime ore, ma nessuno sa con precisione dove e quando. I cinesi minimizzano, tutti gli altri sono preoccupati