Violentata sotto anestesia

| Una giovane donna russa si è risvegliata dopo l’intervento mentre il medico la stava violentando. L’ha denunciato e trascinato in tribunale, rinunciando anche al diritto di anonimato

+ Miei preferiti
Erika Bykova, 33 anni, stilista ben nota in Russia è la donna del momento: ha rinunciato al diritto di anonimato, riconosciuto dalla legge, per gettare tutto il fango possibile su Yury Chernikov, un anestetista che l’avrebbe violentata al termine di un intervento di chirurgia plastica a cui si era sottoposta. La sua battaglia, ha raccontato in televisione nel corso di un’intervista in cui più volte è scoppiata in lacrime, “È un incoraggiamento verso tutte le donne che subiscono violenza e provano così tanta vergogna da lasciare impuniti i loro aguzzini”.

Anche a Erika, ha rivelato, in tanti avevano consigliato di lasciar perdere: ha un nome e una carriera di difendere, e la denuncia pubblica le avrebbe facilmente procurato dei danni. Ma lei non ha sentito ragioni: “Le donne vittime di stupro non devono più tacere, dobbiamo raccontare tutto e pretendere leggi e pene più severe per i colpevoli. Quando una donna tace, è come se difendesse il suo stupratore: il silenzio non fa che moltiplicare il rischio di nuove violenze. Io stessa, se non avessi sporto denuncia, avrei lasciato al mio violentatore, una persona evidentemente malata, l’opportunità di restare a piede libero, totalmente impunito. Lui ha anche tentato di mettermi sotto pressione, e i miei stessi avvocati erano riluttanti a difendermi, ma da questa storia ho imparato molto sulle persone intorno a me, amici e nemici, ma sono orgogliosa di aver trovato in me stessa l’aspetto di una guerriera che pretende giustizia”.

Sposata, mamma di un bimbo, Erika Bykova si era sottoposta ad un intervento per aumentare il volume del seno, malgrado sia una donna parecchio avvenente e con un fisico molto curato. Al termine dell’operazione, ancora intorpidita dall’anestesia, si è risvegliata vedendo l’anestetista sopra di lei. Ha tentato di spostarlo, ma non ha ancora pieno possesso delle proprie forze, è stata costretta a subire, incapace di reagire. Il giorno successivo, preoccupato per essere stato colto sul fatto, il medico si è presentato da lei con una “pillola del giorno dopo”, accompagnata dalla richiesta di dimenticare l’accaduto e alla possibilità di offrirle del denaro pur di non essere denunciato. Non è andata così: quando è stata dimessa, Erika è corsa alla stazione di polizia per sporgere denuncia e rinunciare all’anonimato. Di fronte al giudice, per l’interrogatorio di conferma dell’arresto, l’anestetista ha prima tentato la carta del rapporto consenziente, ma poco dopo è crollato: “Mi sono stati sufficienti pochi minuti per capire cosa avevo fatto: ero terrorizzato per mia moglie, i miei figli e i miei nipoti, che non mi avrebbero mai perdonato”. La moglie Tatiana, intervistata, ha ammesso: “Non credo che mio marito sia uno stupratore. Ma certamente ha fallito come uomo”.

Yury Chernikov, 60 anni, è stato condannato a tre anni e due mesi di carcere, sui cinque richiesti dal pm, oltre al risarcimento di 15mila euro.

Galleria fotografica
Violentata sotto anestesia - immagine 1
Violentata sotto anestesia - immagine 2
Violentata sotto anestesia - immagine 3
Violentata sotto anestesia - immagine 4
Violentata sotto anestesia - immagine 5
Violentata sotto anestesia - immagine 6
Mondo
Coppia aggredita da un cervo
Coppia aggredita da un cervo
È successo in Australia: lui è morto per le lesioni, lei è in gravi condizioni in ospedale. L’animale viveva libero nella loro tenuta
Colpo di Stato in Sudan
Colpo di Stato in Sudan
I militari hanno circondato il palazzo presidenziale: il presidente Omar al-Bashir si sarebbe dimesso: teme di finire sotto processo per genocidio. A guidare la protesta una donna misteriosa
L'Ecuador sfratta Assange
L
Via dall'ambasciata di Londra che lo ospita dal 2012 per evitare l'estradizione negli Usa. Il fondatore di WikiLeaks avrebbe pubblicato "false notizie" contro il presidente Moreno che "ora ha perso la pazienza"
Un speranza anche per Manuel
Un speranza anche per Manuel
Un clinico svizzero ha elaborato una tecnica per tentare si superare le lesioni midollari con la tecnica "Stimo". Alcuni pazienti hanno ripreso a camminare. Il caso del nuotatore azzurro sarà esaminato
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
La nonna e lo zio, che vivono a Grafton, in Australia, non si danno pace: “Era cambiato dopo un lungo viaggio in Europa”. L’ultima volta l’avevano visto un anno per un compleanno, “era normale, come sempre”
Strage moschee, sale il numero dei morti
Strage moschee, sale il numero dei morti
Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden
L’eroe di Christchurch
L’eroe di Christchurch
Si è lanciato contro l’attentatore, impedendogli di ripetere la strage che aveva appena compiuto nella prima moschea. Rifugiato afghano, racconta di aver agito d’impulso, sperando di salvare più persone possibili
Kalashnikov è diventato un drone
Kalashnikov è diventato un drone
L’azienda che porta il nome dell’inventore dell’AK-47 ha appena presentato un drone militare: può portare 3 kg di esplosivo a 130 km/h. Per gli esperti sono le prime avvisaglie della guerra tecnologica 3.0
Rom, apolidi e incontrollabili
Rom, apolidi e incontrollabili
Secondo il Cir, il nuovo decreto sicurezza allunga i tempi per ottenere la cittadinanza italiana sino a 4 anni. I Rom bloccati in un limbo
Manager Huawei fa causa al Canada
Manager Huawei fa causa al Canada
Gli Usa pronti a chiederne l'estradizione. La rabbia dei cinesi: "Grave incidente diplomatico". Meng Whanzou accusata di avere violato le sanzioni all'Iran