Violentata sotto anestesia

| Una giovane donna russa si è risvegliata dopo l’intervento mentre il medico la stava violentando. L’ha denunciato e trascinato in tribunale, rinunciando anche al diritto di anonimato

+ Miei preferiti
Erika Bykova, 33 anni, stilista ben nota in Russia è la donna del momento: ha rinunciato al diritto di anonimato, riconosciuto dalla legge, per gettare tutto il fango possibile su Yury Chernikov, un anestetista che l’avrebbe violentata al termine di un intervento di chirurgia plastica a cui si era sottoposta. La sua battaglia, ha raccontato in televisione nel corso di un’intervista in cui più volte è scoppiata in lacrime, “È un incoraggiamento verso tutte le donne che subiscono violenza e provano così tanta vergogna da lasciare impuniti i loro aguzzini”.

Anche a Erika, ha rivelato, in tanti avevano consigliato di lasciar perdere: ha un nome e una carriera di difendere, e la denuncia pubblica le avrebbe facilmente procurato dei danni. Ma lei non ha sentito ragioni: “Le donne vittime di stupro non devono più tacere, dobbiamo raccontare tutto e pretendere leggi e pene più severe per i colpevoli. Quando una donna tace, è come se difendesse il suo stupratore: il silenzio non fa che moltiplicare il rischio di nuove violenze. Io stessa, se non avessi sporto denuncia, avrei lasciato al mio violentatore, una persona evidentemente malata, l’opportunità di restare a piede libero, totalmente impunito. Lui ha anche tentato di mettermi sotto pressione, e i miei stessi avvocati erano riluttanti a difendermi, ma da questa storia ho imparato molto sulle persone intorno a me, amici e nemici, ma sono orgogliosa di aver trovato in me stessa l’aspetto di una guerriera che pretende giustizia”.

Sposata, mamma di un bimbo, Erika Bykova si era sottoposta ad un intervento per aumentare il volume del seno, malgrado sia una donna parecchio avvenente e con un fisico molto curato. Al termine dell’operazione, ancora intorpidita dall’anestesia, si è risvegliata vedendo l’anestetista sopra di lei. Ha tentato di spostarlo, ma non ha ancora pieno possesso delle proprie forze, è stata costretta a subire, incapace di reagire. Il giorno successivo, preoccupato per essere stato colto sul fatto, il medico si è presentato da lei con una “pillola del giorno dopo”, accompagnata dalla richiesta di dimenticare l’accaduto e alla possibilità di offrirle del denaro pur di non essere denunciato. Non è andata così: quando è stata dimessa, Erika è corsa alla stazione di polizia per sporgere denuncia e rinunciare all’anonimato. Di fronte al giudice, per l’interrogatorio di conferma dell’arresto, l’anestetista ha prima tentato la carta del rapporto consenziente, ma poco dopo è crollato: “Mi sono stati sufficienti pochi minuti per capire cosa avevo fatto: ero terrorizzato per mia moglie, i miei figli e i miei nipoti, che non mi avrebbero mai perdonato”. La moglie Tatiana, intervistata, ha ammesso: “Non credo che mio marito sia uno stupratore. Ma certamente ha fallito come uomo”.

Yury Chernikov, 60 anni, è stato condannato a tre anni e due mesi di carcere, sui cinque richiesti dal pm, oltre al risarcimento di 15mila euro.

Galleria fotografica
Violentata sotto anestesia - immagine 1
Violentata sotto anestesia - immagine 2
Violentata sotto anestesia - immagine 3
Violentata sotto anestesia - immagine 4
Violentata sotto anestesia - immagine 5
Violentata sotto anestesia - immagine 6
Mondo
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
In un insolito bagno di umiltà pubblica, il capo del centro per il controllo e la prevenzione delle malattie ha ammesso la scarsa efficacia della profilassi cinese rispetto agli altri vaccini
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’alto Commissario per i Diritti Umani ha chiesto un incontro con il nuovo ambasciatore di Dubai all’ONU. Chiederanno la prova in vita e di poter parlare con Latifa e Shamsa, di cui si è persa ogni traccia
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
La vincitrice dell’edizione 2019 ha strappato la corona dalla testa della neo eletta accusandola di essere divorziata. Il tutto in diretta televisiva
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Almeno 40 gli arresti, mentre monta l’indignazione degli Emirati Arabi Uniti, dove le leggi sull’oscenità sono assai rigorose. Il servizio fotografico era destinato ad un sito per adulti (foto: Daily Mail)
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Un tribunale li ha ritenuti colpevoli di aver organizzato la grande protesta di piazza del 2019: rischiano fino a cinque anni di reclusione
Myanmar, l’ecatombe
che non interessa a nessuno
Myanmar, l’ecatombe<br>che non interessa a nessuno
L’Occidente si limita a condannare, mentre dall’ex Birmania giungono notizie di massacri quotidiani e di una situazione sanitaria pronta ad esplodere. Iniziano a mancare cibo, acqua e generi di prima necessità
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le autorità del Canale di Suez autorizzano la rimozione di 20.000 metri cubi di sabbia dal fondale per liberare l’enorme portacontainer. Un blocco che può avere conseguenze pesanti
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Giorni di intense precipitazioni hanno causato un’alluvione che ha costretto le autorità a sfollare 18mila persone. La situazione è complicata da un’invasione di topi, attirati dall’eccezionale raccolto di grano
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Dopo 18 mesi di reclusione in una località segreta, iniziano i due processi a carico di Michael Kovrig e Michael Spavor, due canadesi arrestati come ripercussione per l’arresto della top manager Huawei
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
Kathleen Folbigg è stata condannata per l’omicidio dei suoi quattro figli: ma secondo le più recenti scoperte scientifiche, la causa più probabile sarebbe un’anomalia genetica trasmessa ai bimbi, che ha causato la “morte in culla”