Vulcano Whakaari: è una strage

| Non ci sono più speranze di ritrovare ancora in vita gli otto dispersi, quasi tutti turisti in visita sull’isola neozelandese. Cinque le vittime accertate, più diversi feriti ricoverati in gravi condizioni. Le loro storie

+ Miei preferiti
La drammatica conferma del vice capo della polizia John Tims è arrivata nel tardo pomeriggio di ieri: “Sulla White Island non ci sono più segni di vita. Riteniamo che le persone che potevano essere recuperate ancora in vita siano ormai tutte in salvo”. In altre parole, di ritrovare ancora in vita i dispersi non c’è più alcuna speranza. Il bilancio provvisorio è fermo a cinque corpi recuperati e otto ancora da individuare, con 34 persone tratte in salvo.

La premier neozelandese Jacinta Arden è arrivata sul posto e in un’affollatissima conferenza stampa ha fatto il quadro del momento: “Vi preghiamo di tenere presente che si tratta di una situazione in evoluzione: crediamo che negli istanti dell’eruzione circa 100 persone si trovassero sull’isola o negli immediati dintorni. Di queste, almeno 30 sarebbero passeggeri della “Ovation of the Seas”, la nave da crociera che aveva attraccato su White Island per l’escursione”. Secondo la polizia neozelandese, 47 turisti si trovavano sull’isola quando il vulcano è esploso: 24 provenivano dall’Australia, nove dagli Stati Uniti, due britannici, quattro tedeschi, cinque dalla Nuova Zelanda, due dalla Cina e uno dalla Malesia.

La Royal Carribian, la compagnia di navigazione proprietaria della nave da crociera ferma nella rada di White Island, ha diffuso una nota in cui si dice “devastata”: sta inviando sul posto personale e collaborando attivamente con le autorità per dare supporto ai passeggeri e alle loro famiglie. Ma le operazioni di soccorso sono ancora ferme: dopo le tre violente eruzioni esplosive di ieri la situazione sull’isola, confermano le autorità, “è estremamente pericolosa, e non possiamo rischiare altre vittime”.

Le vittime

Anthony e Kristine Langford, insieme ai loro figli Jesse, 19 anni e Winona, di 17, australiani di Sydney, risultano negli elenchi degli scomparsi. Doveva essere il viaggio di famiglia per festeggiare la laurea di Jesse: il preside dell’università frequentata dal giovane, Tony Duncan, ha inviato un’email agli altri studenti: “È con grande dolore che posso confermarvi che diversi membri della grande famiglia del “Marist North Shore” sono scomparsi a seguito del disastro del vulcano di White Island. Preghiamo per Jesse Langford, uno dei nostri migliori studenti degli ultimi anni”.

Gavin Dallow, 52 anni, sua moglie Lisa Hosking, 48 anni, e loro figlia Zoe, 15 anni, di Adelaide, si erano imbarcati per una crociera di due settimane che sarebbe terminata il 16 dicembre. A confermare la loro presenza sulla White Island il padre di Gavin Dallow, Brian: “Sappiamo che erano lì, ce l’avevano raccontato loro poco prima di sbarcare con una telefonata: erano tutti molto eccitati all’idea di vedere un vulcano da vicino. Da quel momento di loro non sappiamo più nulla, ci aggrappiamo ancora alla speranza che siano ricoverati in qualche ospedale”.

Anche Julie e Jessica Richards, madre e figlia di 20 e 47 anni di Brisbane, risultano fra i dispersi. La sorella di Julie ha tentato di rintracciarle chiamando tutti i sette ospedali neozelandesi in cui sono stati ricoverati i feriti, ma senza successo. Julie studiava veterinaria e insieme alla mamma aveva prenotato il tour dell’isola: sarebbero dovute tornare a casa il prossimo fine settimana.

All’appello mancano anche Karla Mathews e Richard Aaron Elzer, ambedue di 32 anni, una coppia di Coffs Harbour, nel nord del New South Wales, e ancora Angelika e Horst Westenfelder, entrambi di 63 anni, di Karlsruhe in Germania: di tutti loro non si sa più nulla da ore.

Fra i dispersi anche due guide turistiche neozelandesi: uno dei due, Hayden Marshall-Inman, lavorava per la “White Island Tours” ed era considerato una “guida molto attenta ed esperta”. L’altra guida scomparsa si chiamava Tipene Maangi, aveva 24 anni.

I feriti

Lauren Urey, 32 anni, e il marito Matthew Urey, 36 anni, una coppia americana in luna di miele, sono ricoverati con gravi ustioni su tutto il corpo. Barbara Barham, la madre di Lauren, ha parlato al Washington Post: “Li avevo sentiti al telefono, mi hanno detto che stavano per salire fino alle pendici di un vulcano. Ricordo che mio marito scherzava con loro: “speriamo non si risvegli mentre siete lì”. Abbiamo riso tutti insieme”. Poche ore dopo, a chiamare è la Royal Carribian, che chiede se per caso avessero ricevuto una chiamata dalla figlia o dal genero. La telefonata per fortuna arriva, qualche minuto dopo: “Volevano avvisarci di essere vivi, erano stati investiti in pieno insieme ad altri turisti da un’eruzione vulcanica e avevano riportato diverse ustioni. Faticavano a parlare perché non riuscivano a stringere il telefono tra le mani”.

Jason Griffiths, un 33enne di Coffs Harbour, era inizialmente elencato fra i dispersi, ma la sua famiglia ha confermato di averlo individuato in un ospedale, dov’è ricoverato.

Galleria fotografica
Vulcano Whakaari: è una strage - immagine 1
Vulcano Whakaari: è una strage - immagine 2
Vulcano Whakaari: è una strage - immagine 3
Vulcano Whakaari: è una strage - immagine 4
Mondo
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Joshua Wong, Ivan Lam e Agnes Chow si sono dichiarati colpevoli nel corso del processo a loro carico per una manifestazione non autorizzata. Rischiano 5 anni di galera ma assicurano: “Non molleremo”
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Un’inchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d’élite dei “SAS” hanno ucciso senza motivo civili afghani. “È la prova che esiste una cultura distorta e violenta”
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
L’amatissima premier Jacinda Ardern ha scelto come ministro degli esteri una donna indigena: quello neozelandese è uno dei governi più aperti e inclusivi del mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale