Vulcano Whakaari: è una strage

| Non ci sono più speranze di ritrovare ancora in vita gli otto dispersi, quasi tutti turisti in visita sull’isola neozelandese. Cinque le vittime accertate, più diversi feriti ricoverati in gravi condizioni. Le loro storie

+ Miei preferiti
La drammatica conferma del vice capo della polizia John Tims è arrivata nel tardo pomeriggio di ieri: “Sulla White Island non ci sono più segni di vita. Riteniamo che le persone che potevano essere recuperate ancora in vita siano ormai tutte in salvo”. In altre parole, di ritrovare ancora in vita i dispersi non c’è più alcuna speranza. Il bilancio provvisorio è fermo a cinque corpi recuperati e otto ancora da individuare, con 34 persone tratte in salvo.

La premier neozelandese Jacinta Arden è arrivata sul posto e in un’affollatissima conferenza stampa ha fatto il quadro del momento: “Vi preghiamo di tenere presente che si tratta di una situazione in evoluzione: crediamo che negli istanti dell’eruzione circa 100 persone si trovassero sull’isola o negli immediati dintorni. Di queste, almeno 30 sarebbero passeggeri della “Ovation of the Seas”, la nave da crociera che aveva attraccato su White Island per l’escursione”. Secondo la polizia neozelandese, 47 turisti si trovavano sull’isola quando il vulcano è esploso: 24 provenivano dall’Australia, nove dagli Stati Uniti, due britannici, quattro tedeschi, cinque dalla Nuova Zelanda, due dalla Cina e uno dalla Malesia.

La Royal Carribian, la compagnia di navigazione proprietaria della nave da crociera ferma nella rada di White Island, ha diffuso una nota in cui si dice “devastata”: sta inviando sul posto personale e collaborando attivamente con le autorità per dare supporto ai passeggeri e alle loro famiglie. Ma le operazioni di soccorso sono ancora ferme: dopo le tre violente eruzioni esplosive di ieri la situazione sull’isola, confermano le autorità, “è estremamente pericolosa, e non possiamo rischiare altre vittime”.

Le vittime

Anthony e Kristine Langford, insieme ai loro figli Jesse, 19 anni e Winona, di 17, australiani di Sydney, risultano negli elenchi degli scomparsi. Doveva essere il viaggio di famiglia per festeggiare la laurea di Jesse: il preside dell’università frequentata dal giovane, Tony Duncan, ha inviato un’email agli altri studenti: “È con grande dolore che posso confermarvi che diversi membri della grande famiglia del “Marist North Shore” sono scomparsi a seguito del disastro del vulcano di White Island. Preghiamo per Jesse Langford, uno dei nostri migliori studenti degli ultimi anni”.

Gavin Dallow, 52 anni, sua moglie Lisa Hosking, 48 anni, e loro figlia Zoe, 15 anni, di Adelaide, si erano imbarcati per una crociera di due settimane che sarebbe terminata il 16 dicembre. A confermare la loro presenza sulla White Island il padre di Gavin Dallow, Brian: “Sappiamo che erano lì, ce l’avevano raccontato loro poco prima di sbarcare con una telefonata: erano tutti molto eccitati all’idea di vedere un vulcano da vicino. Da quel momento di loro non sappiamo più nulla, ci aggrappiamo ancora alla speranza che siano ricoverati in qualche ospedale”.

Anche Julie e Jessica Richards, madre e figlia di 20 e 47 anni di Brisbane, risultano fra i dispersi. La sorella di Julie ha tentato di rintracciarle chiamando tutti i sette ospedali neozelandesi in cui sono stati ricoverati i feriti, ma senza successo. Julie studiava veterinaria e insieme alla mamma aveva prenotato il tour dell’isola: sarebbero dovute tornare a casa il prossimo fine settimana.

All’appello mancano anche Karla Mathews e Richard Aaron Elzer, ambedue di 32 anni, una coppia di Coffs Harbour, nel nord del New South Wales, e ancora Angelika e Horst Westenfelder, entrambi di 63 anni, di Karlsruhe in Germania: di tutti loro non si sa più nulla da ore.

Fra i dispersi anche due guide turistiche neozelandesi: uno dei due, Hayden Marshall-Inman, lavorava per la “White Island Tours” ed era considerato una “guida molto attenta ed esperta”. L’altra guida scomparsa si chiamava Tipene Maangi, aveva 24 anni.

I feriti

Lauren Urey, 32 anni, e il marito Matthew Urey, 36 anni, una coppia americana in luna di miele, sono ricoverati con gravi ustioni su tutto il corpo. Barbara Barham, la madre di Lauren, ha parlato al Washington Post: “Li avevo sentiti al telefono, mi hanno detto che stavano per salire fino alle pendici di un vulcano. Ricordo che mio marito scherzava con loro: “speriamo non si risvegli mentre siete lì”. Abbiamo riso tutti insieme”. Poche ore dopo, a chiamare è la Royal Carribian, che chiede se per caso avessero ricevuto una chiamata dalla figlia o dal genero. La telefonata per fortuna arriva, qualche minuto dopo: “Volevano avvisarci di essere vivi, erano stati investiti in pieno insieme ad altri turisti da un’eruzione vulcanica e avevano riportato diverse ustioni. Faticavano a parlare perché non riuscivano a stringere il telefono tra le mani”.

Jason Griffiths, un 33enne di Coffs Harbour, era inizialmente elencato fra i dispersi, ma la sua famiglia ha confermato di averlo individuato in un ospedale, dov’è ricoverato.

Galleria fotografica
Vulcano Whakaari: è una strage - immagine 1
Vulcano Whakaari: è una strage - immagine 2
Vulcano Whakaari: è una strage - immagine 3
Vulcano Whakaari: è una strage - immagine 4
Mondo
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Uno studio ha evidenziato quanto gli uomini imbarcati sulla flotta sottomarina cinese, costretti per lunghi mesi ad ambienti ristretti e rumorosi, sviluppano pericolose ossessioni