Welcome to the Hollywood market

| Viaggio fra le idee imprenditoriali delle celebrità, alcune curiose, altre scaltre, altre ancora finite in un flop

+ Miei preferiti

Non è più questione di capricci, perché a certi livelli non esiste qualcosa che sia impossibile da comprare. È più il desiderio, la voglia di investire piccole fettine dei propri capitali in un'idea che possa rendere, mettendoci la faccia.

A far scuola l'ormai la coppia scoppiata più celebre di Hollywood e dintorni, i coniugi "Brangelina": due cuori con calcolatrice incorporata che hanno saputo trasformare in denaro sonante perfino lo Château Miraval, la dimora da sogno provenzale dove si sono uniti in matrimonio, diventata anche il nome del loro rosè d'autore.

Ma le stelle che hanno scelto di diversificare sono tante, e a volte (quasi mai, a dire il vero) preferiscono restare nell'anonimato. In compenso, non sempre essere ricchi e famosi garantisce il successo: a qualcuno è andata molto male.

Sylvester Stallone

Insieme ad alcuni suoi colleghi aveva provato la carriera della ristorazione con i "Planet Hollywood", catena di locali in cui si mangia fra memorabilia del cinema. Ma in realtà, visto che "Sly" deve la sua fama al body-building, ha firmato di persona un budino proteico dai gusti diversi che andava come il vento, almeno fino alla querela per plagio di un'azienda concorrente.

Robert De Niro

Bob, uno degli ultimi grandi del cinema americano, è fra i cofondatori di "Nobu", catena di eleganti ristoranti giapponesi con influssi sudamericani e peruviani. Il suo socio in affari è Nobu Matsuhisa, attore ma soprattutto imprenditore di origini giapponesi.

David Lynch

Il regista americano, celebre per pellicole inquietanti, ha scelto il caffè: la sua collezione di "Signature Cup" comprende decaffeinato ed espresso, venduti in grani o in pratiche lattine un po' imbarazzanti, a dire il vero.

Elizabeth Hurley

Bellezza stratosferica, alla faccia degli anni, Liz si è alleata nientemeno con il Principe Carlo per dare vita alla "Duchy Originals", una linea di cibi organici. Mettere accanto i biscottini al sorriso di Liz sembrava un gol a porta vuota, ma l'idea stenta a decollare.

George Clooney

Il bello di Hollywood per antonomasia, attore, regista, produttore, marito e padre di successo, ama il sapore forte della tequila. Ma sono bastati pochi bicchieri in più durante una vacanza a Cabo San Lucas, in Messico, per regalare a George un risveglio con mal di testa monumentale. Da lì, l'idea di chiamare a raccolta due amici e creare "Casamigos", la tequila che non rovina il giorno dopo.

Dan Aykroyd

Da una decina d'anni a questa parte, una consistente fetta dei guadagni del protagonista di pellicole come "Ghostbuster" e "Blues Brothers", finisce in progetto ambizioso: creare la vodka perfetta. La sua si chiama "Crystal Head", e si vende esclusivamente in particolari bottiglie in vetro a forma di teschio umano.

Heidi Klum

La supermodella tedesca con passaporto americano ha un fiuto infallibile per gli affari. Oltre a diverse linee di abbigliamento, create dopo aver trasformato il proprio nome in un vero brand, la ex pastorella Heidi ha voluto togliersi il capriccio di personalizzare anche delle gomme da masticare ai gusti di frutta: le "Heidi's Fruit Flirtations".

Beyoncé

Più che inseguire un'idea sua, la cantante e ballerina di origini texane ha preferito acquisire una parte consistente della "22 Days Nutrition", una dieta a base di barrette proteiche e cibo vegano, consegnato direttamente a domicilio per 21 giorni, l'ultimo è quello della nuova vita.

Donald Trump

Prima di occupare la poltrona della Casa Bianca, Donald le ha provate un po' tutte, mettendo la firma su tutto ciò che gli capitasse sotto tiro: dalle camicie per businessman alla vodka, passando attraverso la "Trump Steak", la bistecca "più grande del mondo", venduta a prezzi compresi fra 199 e 999 dollari. Forse per questo, sono rimaste sugli scaffali per un paio di mesi, giusto il tempo di scadere.

Mark Wahlberg

Da buon americano, l'energico interprete di pellicole adrenaliniche ama il cibo dei fast food. E per dare una mano ai due fratelli, ha messo il proprio nome, con tanto di faccia, su "Wahlburger", una catena di hamburger gourmet che dopo aver invaso Boston, la sua città, sta arrivando in ogni angolo degli States e del Canada.

Marilyn Manson

L'inquietante artista americano, frontman della band che porta il suo nome, ha voluto pensare al futuro ma a modo suo: invece di stipulare una polizza per la pensione integrativa, ha curato ogni dettaglio della "Mansinthe", liquore all'assenzio che sull'etichetta ha un suo autoritratto, intitolato "Quando sarò vecchio".

Maria Sharapova

La "Barbie" del tennis mondiale, di natali russi, ha impegnato i mesi lontano dai campi, per scontare una squalifica per doping, studiando i dettagli della "Sugarpova", un'azienda di dolciumi e caramelle.

Drake

Aubrey Drake Graham, rapper canadese e potente produttore discografico, ha il suo whisky. Si chiama "Virginia Black", un bourbon che invecchia fra i due e i quattro anni, destinato a bevitori esperti.

Jay Z

Appassionato di champagne, ma così irritato dagli schizzinosi produttori francesi preoccupati di vedere le loro bottiglie in mano ai rapper, Shawn Corey carter, in arte Jay-Z ha finito per crearsi il suo: l'Armand de Mygnac. Una bottiglia oscilla intorno ai 300 euro, ma in compenso è venduta in eleganti custodie in legno con targhette numerate in stagno.

Kyle Maclachlan

Uno degli attori prediletti da David Lynch, reso celebre dall'agente Dale Cooper in "Twin Peaks", da sempre cultore di vini d'autore. Da "Pursued by Bear", il suo vigneto nella Columbia Valley, nei dintorni di Washington, produce raffinate collezioni di Cabernet Sauvignon, Syrah e Rosè.

Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino