White Island, ricerche ancora ferme

| I parenti delle vittime e la popolazione locale accusa la polizia di troppa prudenza: l’isola è stata sorvolata da un drone, ma le operazioni di recupero sono ferme fino a data da destinarsi

+ Miei preferiti
Non è un bel momento per le autorità neozelandesi: alla polemica sul perché la White Island fosse aperta ai turisti quando i vulcanologi avevano diramato un’allerta di sospetta attività del cratere, si aggiunge l’impossibilità di recuperare i corpi delle otto vittime che ancora mancano all’appello.

Nelle conferenze stampa che si susseguono una dopo l’altra le parole dei vertici dell’apparato di soccorso sono sempre le stesse: “Promettiamo di tornare il più presto possibile su White Island, ma al momento non è fattibile per via dell’intensa attività del vulcano. Ci sono molte domande che attendono una risposta, ma la nostra priorità in questo momento è la salute delle persone ferite”.

L’unica eccezione all’attesa carica di rabbia sono stati quattro voli effettuati da un drone sull’isola, ma la prudenza con cui la polizia si muove sta scatenando l’ira dei locali, risentiti dal mancato tentativo di salvare quante più persone fosse possibile e soprattutto dalla notizia che chi è riuscito a sopravvivere deve tutto al coraggio di alcuni piloti di elicotteri che hanno ignorato gli avvertimenti ufficiali, facendo la spola fra l’isola e la terraferma.

“Dovrebbero andare a riprenderli ora, senza perdere altro tempo - commenta Maree Heke, 47 anni, una musicista locale - e poi dovrebbero chiudere quell’isola a tutti i turisti, per sempre. La mia convinzione è che il Whakaari sia un essere vivente, un antenato che non vuole essere disturbato”. “Smettiamola di parlarne - aggiunge Ben Smith, 44 anni, un frutticoltore locale - penso che ci sia un’eccessiva prudenza da parte della polizia. È giusto tenere conto delle informazioni degli scienziati, ma anche ascoltare la gente del posto, che conosce bene il vulcano”.

Mentre le famiglie delle vittime diventano sempre più nervose, perché nessuno sa quando i corpi dei loro cari torneranno a casa, il vice commissario di polizia John Tims ha dichiarato che i suoi agenti non si fermeranno fin quando tutte le vittime non saranno recuperate.

L’identità di chi ha pagato con la vita hanno iniziato ad emergere mercoledì, poche ore dopo la tragedia: la famiglia di Gavin Dallow, di Adelaide, lo ha individuato fra i morti, mentre ritengono che il corpo di Zoe Hosking, la figliastra quindicenne con cui era in viaggio, sia ancora sull’isola.

Fra le vittime anche Julie e Jessica Richards, 47 e 20 anni, madre e figlia, entrambe passeggere della “Ovation of the Seas”. Nessuna possibilità di trovare ancora in vita gli australiani Krystal Browitt, Richard Elzer e Karla Matthews e i neozelandesi Tipene Maangi e Hayden Inman, entrambi dipendenti della “White Island Tours”. In tanti paragonano la strage del vulcano Whakaari al disastro della miniera del fiume Pike a Greymouth, nel 2010: i corpi dei 29 minatori uccisi rimasero sepolti per nove anni prima di essere riportati in superficie.

Distribuiti in sei ospedali di tutto il Paese i 30 feriti, di cui 25 in condizioni critiche e 22 che necessitano di assistenza respiratoria 24 ore su 24. Secondo il dottor Peter Watson, direttore medico delle contee di Manukau: “La natura delle ustioni è complicata dai gas e dalle sostanze chimiche respirate durante l’eruzione”.

Il livello di allarme su White Island rimane a tre (su una scala di cinque) e secondo il vulcanologo Craig Miller la pressione dei gas vulcanici è rimasta alta: “La situazione resta molto incerta”.

Galleria fotografica
White Island, ricerche ancora ferme - immagine 1
Mondo
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,
dal Pizzagate a QAnon
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,<br>dal Pizzagate a QAnon
La prima circola da tempo in America, e vorrebbe politici come Hillary Clinton coinvolti in un traffico di esseri umani che ha base in una pizzeria. La seconda è una dottrina di estrema destra che inneggia al potere del “deep state”
India, la doppia vita del medico serial killer
India, la doppia vita del medico serial killer
Un medico ayurvedico indiano travolto dai debiti, entra nel giro del traffico d’organi e individua nei giovani tassisti i corpi migliori da svuotare. Ha confessato oltre 50 omicidi
Kim Yong un:
«Mai più guerre grazie all’atomica»
Kim Yong un:<br>«Mai più guerre grazie all’atomica»
Il leader nordcoreano convinto di aver messo il suo Paese al riparo da intromissioni straniere grazie al massiccio armamento balistico nucleare. Timide aperture verso un nuovo summit con Trump
USA-Cina, la nuova guerra fredda
USA-Cina, la nuova guerra fredda
Ai rapporti diplomatici vicini ai minimi storici, si aggiungono provocazioni come le rispettive chiusure di due consolati, uno in America e l’altro in Cina. Timori per un nuovo conflitto
El Chapo spera nell’appello
El Chapo spera nell’appello
Il team legale che difende l’ex capo del cartello di Sinaloa mostra ottimismo: “Potrebbe uscire di galera”. Ma la replica della giustizia americana non lascia molte speranze: “Ci sono montagne di prove che lo incastrano per sempre”
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Quattro ragazzini con meno di 13 avrebbero violentato un bambino sulla spiaggia di Napranum, nel Queensland, non distante da una comunità aborigena. Non è il primo episodio, e la tensione sale
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Una donna di 71 anni costretta ad assistere alla violenza di un uomo sulle tre nipoti, è morta per attacco cardiaco. Le violenze contro donne e bambini in Sudafrica hanno raggiunto livelli di guardia
Hong Kong, la libertà perduta
Hong Kong, la libertà perduta
Varata a tarda sera la legge sulla sicurezza nazionale: le proteste saranno considerate sovversione e terrorismo interno punibile con l’ergastolo. Immediate le reazioni da tutto il mondo: “È la fine della metropoli che il mondo conosceva”