White Island, ricerche ancora ferme

| I parenti delle vittime e la popolazione locale accusa la polizia di troppa prudenza: l’isola è stata sorvolata da un drone, ma le operazioni di recupero sono ferme fino a data da destinarsi

+ Miei preferiti
Non è un bel momento per le autorità neozelandesi: alla polemica sul perché la White Island fosse aperta ai turisti quando i vulcanologi avevano diramato un’allerta di sospetta attività del cratere, si aggiunge l’impossibilità di recuperare i corpi delle otto vittime che ancora mancano all’appello.

Nelle conferenze stampa che si susseguono una dopo l’altra le parole dei vertici dell’apparato di soccorso sono sempre le stesse: “Promettiamo di tornare il più presto possibile su White Island, ma al momento non è fattibile per via dell’intensa attività del vulcano. Ci sono molte domande che attendono una risposta, ma la nostra priorità in questo momento è la salute delle persone ferite”.

L’unica eccezione all’attesa carica di rabbia sono stati quattro voli effettuati da un drone sull’isola, ma la prudenza con cui la polizia si muove sta scatenando l’ira dei locali, risentiti dal mancato tentativo di salvare quante più persone fosse possibile e soprattutto dalla notizia che chi è riuscito a sopravvivere deve tutto al coraggio di alcuni piloti di elicotteri che hanno ignorato gli avvertimenti ufficiali, facendo la spola fra l’isola e la terraferma.

“Dovrebbero andare a riprenderli ora, senza perdere altro tempo - commenta Maree Heke, 47 anni, una musicista locale - e poi dovrebbero chiudere quell’isola a tutti i turisti, per sempre. La mia convinzione è che il Whakaari sia un essere vivente, un antenato che non vuole essere disturbato”. “Smettiamola di parlarne - aggiunge Ben Smith, 44 anni, un frutticoltore locale - penso che ci sia un’eccessiva prudenza da parte della polizia. È giusto tenere conto delle informazioni degli scienziati, ma anche ascoltare la gente del posto, che conosce bene il vulcano”.

Mentre le famiglie delle vittime diventano sempre più nervose, perché nessuno sa quando i corpi dei loro cari torneranno a casa, il vice commissario di polizia John Tims ha dichiarato che i suoi agenti non si fermeranno fin quando tutte le vittime non saranno recuperate.

L’identità di chi ha pagato con la vita hanno iniziato ad emergere mercoledì, poche ore dopo la tragedia: la famiglia di Gavin Dallow, di Adelaide, lo ha individuato fra i morti, mentre ritengono che il corpo di Zoe Hosking, la figliastra quindicenne con cui era in viaggio, sia ancora sull’isola.

Fra le vittime anche Julie e Jessica Richards, 47 e 20 anni, madre e figlia, entrambe passeggere della “Ovation of the Seas”. Nessuna possibilità di trovare ancora in vita gli australiani Krystal Browitt, Richard Elzer e Karla Matthews e i neozelandesi Tipene Maangi e Hayden Inman, entrambi dipendenti della “White Island Tours”. In tanti paragonano la strage del vulcano Whakaari al disastro della miniera del fiume Pike a Greymouth, nel 2010: i corpi dei 29 minatori uccisi rimasero sepolti per nove anni prima di essere riportati in superficie.

Distribuiti in sei ospedali di tutto il Paese i 30 feriti, di cui 25 in condizioni critiche e 22 che necessitano di assistenza respiratoria 24 ore su 24. Secondo il dottor Peter Watson, direttore medico delle contee di Manukau: “La natura delle ustioni è complicata dai gas e dalle sostanze chimiche respirate durante l’eruzione”.

Il livello di allarme su White Island rimane a tre (su una scala di cinque) e secondo il vulcanologo Craig Miller la pressione dei gas vulcanici è rimasta alta: “La situazione resta molto incerta”.

Galleria fotografica
White Island, ricerche ancora ferme - immagine 1
Mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
L’ammissione della premier neozelandese accolta da un applauso nel Paese dove i cittadini stanno per scegliere con un referendum se legalizzare o meno l'uso di cannabis
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo