Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è

| Al di là della retorica trionfalistica di Pechino, la città epicentro del Covid-19 stenta a riprendersi: negozi chiusi, poca gente per strada e la sensazione che tutto si ripeterà presto con una seconda ondata

+ Miei preferiti
Milioni di persone in tutto il mondo aspettano soltanto l’annuncio che la pandemia è finita e si può tornare alla vita normale. Ma Wuhan, la città cinese da cui è partito tutto, sta mostrando che la normalità è una chimera ancora molto lontana.

Quando l’8 aprile i funzionari statali hanno allentato le restrizioni mettendo fine all’isolamento della città dopo 76 giorni, i residenti e le imprese locali hanno capito che la riapertura sarebbe stato un processo dolorosamente lento. Malgrado l’abolizione dei divieti più severi molti negozi sono ancora chiusi, i ristoranti si limitano al take-away e quando i cittadini escono indossano guanti e mascherine cercando di evitarsi a vicenda.

L’umore per le strade è molto diverso da quello delle dichiarazioni ufficiali. In una conferenza stampa dell’8 aprile, Luo Ping, funzionario di controllo dell’epidemia, ha dichiarato che alcuni settori della città sono già tornati al 100% dell’attività. E con la solita enfasi voluta da Pechino, ha parlato di “doppia vittoria”: pieno successo sull’epidemia e nuova crescita economica.

Ma anche i media sotto il contro dal governo ammettono che i piani per riportare la città al 100% della produzione entro la fine di aprile potrebbero essere “troppo ottimistici”. Negozianti e piccoli imprenditori lottano contro lo zero perenne dei profitti a fronte di affitti dai costi enormi, mentre per gli esperti la vita economica della città potrebbe impiegare mesi per riprendersi, se non di più.

“Nel breve termine, naturalmente, ci sarà una ripresa - ha detto Larry Hu, economista della Macquarie Capital Limited – si riprenderà per prima la produzione e subito dopo il consumo, perché la gente è ancora riluttante a uscire. Ma da una prospettiva che arriva a tre anni il virus continuerà a danneggiare la crescita di Wuhan”.

Praticamente da un giorno all’altro, la vita di questa metropoli da 11 milioni di abitanti si è fermata. In alcune zone la gente è stata confinata nelle abitazioni per mesi senza poter uscire, affidandosi ai servizi di consegna per la spesa e altre necessità di base. Ora che il blocco è terminato, il governo scalpita per riprendere la normale attività commerciale il più rapidamente possibile, poiché Pechino fa pressione sulle province per contribuire a dare impulso a un’economia in crisi profonda. Ma ci sono segnali che, nonostante la retorica politica, l’economia dell’intera provincia di Hubei potrebbe richiedere molto più tempo per riprendersi dallo shock. Il PIL della provincia si è ridotto di quasi il 40% su base annua nel primo trimestre del 2020, con un calo delle vendite al dettaglio di oltre il 15% nel solo mese di marzo.

Secondo Shaun Roache, capo economista di “S&P Global Ratings”, la lezione di Wuhan al resto del mondo è che un’azione rapida e tempestiva sul coronavirus ha un costo economico molto alto. “I blocchi hanno un effetto sproporzionato sulle piccole e medie imprese, perché hanno meno accesso al credito e non trovano facilmente aiuti per risollevarsi”.

“Ho aperto per due giorni – afferma un ristoratore – ma nessun cliente poteva sedersi per mangiare, perché era vietato: ho ricevuto solo due o tre ordini online. Il costo della riapertura era molto più di quanto guadagnassi ogni giorno, così ho chiuso”.

Ma la sensazione peggiore è la convinzione che sia solo una questione di tempo prima che una seconda ondata di infezioni si diffonda in città, provocando un secondo blocco dalle conseguenze mortali sull’economia. Sabato scorso, le autorità sanitarie di Wuhan hanno riferito di aver individuato 19 nuovi casi di coronavirus asintomatici.

Mondo
Aleksej Navalnj sta morendo
Aleksej Navalnj sta morendo
La denuncia del suo staff: ha un livello di potassio nel sangue che nel giro di qualche giorno può portare ad un arresto cardiaco. Il Cremlino nega trattamenti di favore e tenta di dichiarare il suo movimento “organizzazione estremista”
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
In un insolito bagno di umiltà pubblica, il capo del centro per il controllo e la prevenzione delle malattie ha ammesso la scarsa efficacia della profilassi cinese rispetto agli altri vaccini
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’alto Commissario per i Diritti Umani ha chiesto un incontro con il nuovo ambasciatore di Dubai all’ONU. Chiederanno la prova in vita e di poter parlare con Latifa e Shamsa, di cui si è persa ogni traccia
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
La vincitrice dell’edizione 2019 ha strappato la corona dalla testa della neo eletta accusandola di essere divorziata. Il tutto in diretta televisiva
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Almeno 40 gli arresti, mentre monta l’indignazione degli Emirati Arabi Uniti, dove le leggi sull’oscenità sono assai rigorose. Il servizio fotografico era destinato ad un sito per adulti (foto: Daily Mail)
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Un tribunale li ha ritenuti colpevoli di aver organizzato la grande protesta di piazza del 2019: rischiano fino a cinque anni di reclusione
Myanmar, l’ecatombe
che non interessa a nessuno
Myanmar, l’ecatombe<br>che non interessa a nessuno
L’Occidente si limita a condannare, mentre dall’ex Birmania giungono notizie di massacri quotidiani e di una situazione sanitaria pronta ad esplodere. Iniziano a mancare cibo, acqua e generi di prima necessità
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le autorità del Canale di Suez autorizzano la rimozione di 20.000 metri cubi di sabbia dal fondale per liberare l’enorme portacontainer. Un blocco che può avere conseguenze pesanti
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Giorni di intense precipitazioni hanno causato un’alluvione che ha costretto le autorità a sfollare 18mila persone. La situazione è complicata da un’invasione di topi, attirati dall’eccezionale raccolto di grano
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Dopo 18 mesi di reclusione in una località segreta, iniziano i due processi a carico di Michael Kovrig e Michael Spavor, due canadesi arrestati come ripercussione per l’arresto della top manager Huawei