Il Motor Show cambia nome e indirizzo

| Da Bologna, sede storica, a Modena, dove il distretto automotive italiano ha la sua culla più prestigiosa. Cambio anche della data: da dicembre a maggio

+ Miei preferiti
È una doppia notizia, che conferma le voci di corridoio filtrate qualche giorno fa: il “MotorShow” di Bologna chiude, probabilmente per sempre, ma rinasce a Modena a 30 km di distanza sotto mentite spoglie. Il nuovo evento motoristico, presentato questa mattina a Milano, si chiamerà “Motor Show Festival – Terra dei Motori”, tenendo come punto di partenza i 42 di storia messi insieme fra i padiglioni di Bologna Fiere.

Cambia anche la data: dal tradizionale ponte dell’Immacolata, l’8 dicembre, a maggio, dal 16 al 19: quattro giorni, per testare l’effetto che fa coinvolgendo per intero la città di Modena l’Università, l’autodromo e alcuni musei fondamentali come quelli Ferrari e Lamborghini.

È stato il direttore generale di Bologna Fiere, Antonio Bruzzone, ad illustrare il nuovo format, trasportato direttamente nel cuore di quello che è conosciuto come “Motor Valley”, un distretto che vanta 9.500 realtà industriali dove si concentra la ricerca e la produzione di auto e moto che fanno sognare il mondo intero. “È una scelta che ha l’ambizione di trasformare l’evento nel principale appuntamento italiano dei motori. Saranno presenti una decina di case, che avevano già detto sì al ‘Motor Show’ come FCA”.

Entusiasta il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli, che auspica la partecipazione attiva del marchio Ferrari per fare da apripista al ritorno delle case automobilistiche, le stesse che da anni avevano ormai girato le spalle all’evento bolognese.

Articoli correlati
Motor Shows
Parco Valentino: l’automobile torna a Torino
Parco Valentino: l’automobile torna a Torino
Ben 54 marchi automobilistici espongono le loro novità sulle rive del grande Po, mentre la città per intero è coinvolta nella quinta edizione della festa dell’automobile
Ginevra, the green revolution
Ginevra, the green revolution
Un mare di novità impreziosiscono l’89esima edizione del Salone svizzero, malgrado le difficoltà dei mercati. A farla da padrone la mobilità del futuro, in tutte le declinazioni dell’elettrico
California dreamin'
California dreamin
Una carrellata di alcune fra le più scenografiche novità presentate sulla sacra erba di Pebble Beach, il regno californiano dove l’esclusivo è normale
Il Salone di Torino chiude con 600mila presenze
Il Salone di Torino chiude con 600mila presenze
La quarta edizione va in archivio confermando cifre record. Come ogni anno, la rievocazione storica del Gran Premio Valentino di chiusura conquista la città: oltre 200 bolidi di ogni tempo in un'atmosfera da grande festa
Parco Valentino: l’automobile
torna a casa
Parco Valentino: l’automobile<br>torna a casa
Torino ha perso da tempo il primato di capitale italiana dell’auto, ma “Parco Valentino”, quarta edizione del salone in riva al Po, ogni anno celebra un affetto reciproco. Quest’anno poche novità, ma tanti eventi collaterali
Ginevra: tutto quello che fa wow!
Ginevra: tutto quello che fa wow!
Un salone da emozioni forti, grazie alla presenza di alcune vere opere d’arte su ruote, straordinariamente belle, mostruosamente veloci e riservate a pochi
Addio al Motor Show di Bologna
Addio al Motor Show di Bologna
Per la terza volta nella sua storia, la celebre kermesse di donne, motori e sport ospitata a Bologna Fiere chiude i battenti. Ma questa volta sembra una fine definitiva
Ginevra, il lusso e l'elettrico
Ginevra, il lusso e l
Apre con la stampa l’88esima edizione del Salone elvetico dell'auto. E svela le sue carte: 110 anteprime, di cui 89 mondiali, tra sogno e futuro
Il fascino del passato ad Automotoretrò
Il fascino del passato ad Automotoretrò
Torna nel week end al Lingotto di Torino la rassegna motoristica dedicata al collezionismo. Fitto il programma degli eventi, dalle celebrazioni alle “visite guidate” fra le leggende accompagnati da ex campioni
Salone di Detroit: l’anno può iniziare
Salone di Detroit: l’anno può iniziare
Calendario alla mano, è da sempre il primo appuntamento fieristico del mondo dell’auto. Tante le novità, molte destinate al ricco mercato americano, anche se alcune arriveranno di rimbalzo sulle sponde della vecchia Europa