Celebrando Lucio

| Il film-maker Alessandro Amante è il vincitore di un contest che ha come premio la realizzazione di un videoclip in cui il rapper Ghemon reinterpreta “Henna”, un successo di Dalla

+ Miei preferiti
Il vincitore del Bando nazionale FLD Labo-Contest videoclip, organizzato dalla “Fondazione Lucio Dalla”, è il bolognese Alessandro Amante, multipremiato film-maker. Sarà proprio Amante a realizzare il videoclip ufficiale del brano “Solo per me” del noto rapper Ghemon, che ha reinterpretato “Henna” di Lucio Dalla, e che sarà proiettato in onore della ricorrenza del compleanno di Lucio Dalla, il 4 marzo del prossimo anno. Il vincitore “ha proposto un’idea di grande impatto emotivo, in grado sia di restituire la forza delle parole di Ghemon che l’atmosfera di Henna. Un’idea sorprendente cui è sottesa una riflessione profonda, universale e senza tempo così come Lucio ha voluto Henna e così come emerge con incisività dal racconto di Ghemon”, commenta Ambrogio Lo Giudice, regista, amico e storico collaboratore di Lucio Dalla. Il film-maker ha iniziato i suoi studi a Bologna per poi proseguirli negli Stati Uniti a Los Angeles alla New York Film Academy. Ha vinto vari premi tra cui una Menzione Speciale al Premio Sartori nel 2015 e tre premi per il documentario-lungometraggio “La tela di Giuliano” (Miglior Regia e Miglior Direzione artistica al Long Island International Film Expo nel 2016 e Miglior Film al Doc UNder 30 lo stesso anno).

Il contest ha visto la partecipazione di 5 videomaker in una Residenza artistica presso la casa di Lucio Dalla a Bologna lo scorso mese di ottobre. I partecipanti si sono immersi nel mondo dell’artista bolognese e lo hanno esplorato guidati da Ambrogio Lo Giudice, Andrea Faccani, Presidente di Fondazione Lucio Dalla, cugino di Lucio e compagno di viaggio dell’artista, Anna Scalfaro, docente di Musicologia e Storia della musica al Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna, Marcello Balestra, discografico e collaboratore di Dalla, Cristiano Governa, giornalista, scrittore, sceneggiatore e Paolo Piermattei, ancora oggi al lavoro nell’etichetta fondata dall’artista, la “Pressing Line”. Ai giovani è stata affidata la sfida di fare emergere Lucio, le sue riflessioni, la sua sensibilità, l'energia, la speranza che c’è nel testo di Henna unite alla passione e all’originalità dell’interpretazione di Ghemon. Il motivo della scelta del brano è sintetizzato nelle parole di Ambrogio Lo Giudice: “Henna è un capolavoro, molto amato da Lucio, non molto conosciuto, sicuramente poco valorizzato. Certamente uno dei brani più belli della sua produzione. Il RAP della versione di Ghemon è un valore aggiunto che lo attualizza”. Alessandro Amante, molto contento per la vittoria ha commentato: “Ho partecipato per l’opportunità dell’esperienza di residenza artistica che mi ha sin da subito affascinato e che è stata un momento di crescita e di confronto. Lavorando nei luoghi in cui Lucio Dalla ha vissuto mi ha dato la possibilità di immergermi nel suo mondo, di conoscere a fondo l’artista e l’uomo. Raccolgo con gioia la sfida di dirigere il videoclip che ho immaginato ad alto impatto emotivo. Senza svelare la sceneggiatura posso anticipare che ci saranno sorprese”.

Inizia ora una nuova fase dell'iniziativa, quella della realizzazione del videoclip, alla quale subito Alessandro Amante ha iniziato a dedicarsi. La presentazione del avverrà nel contesto delle iniziative di celebrazione del compleanno 2020 di Lucio Dalla, perché “ci piace pensare che questo sia un regalo per lui, per l’impegno che ha dedicato ai giovani e alla passione con cui ha sempre lavorato per dare al talento concrete opportunità di espressione”, come afferma la Fondazione Lucio Dalla. L’idea di Henna nasce nel 1992: “Eravamo alle Tremiti, sul gommone - ricorda Andrea Faccani - il cielo venne attraversato dai caccia che volavano verso i Balcani e Lucio mi disse: Guarda Andrea, noi siamo qui a farci il bagno, le signore raccolgono i capperi e loro si sparano. Chissà quanti tra loro hanno fatto l’amore, e ora si sparano”. Lucio si sente triste, ha bisogno di trovare in sé stesso qualcosa che dia significato alla vita e nasce così Henna, “una canzone diversa da tutte le altre. Richiama l’atmosfera di “Come è profondo il mare”, ma se ne differenzia per il sapore intimista, è una canzone in cui Lucio non parla agli altri, come quasi sempre fa, ma a sé stesso e trova nell’amore, nell’amore assoluto, totale, tra le persone e per la natura, l’unica possibile soluzione alla guerra e all'oppressione”. Aggiunge Paolo Piermattei “in Henna, nelle parole che Ghemon ha riportato nella sua canzone, Lucio afferma che l’amore è la salvezza: l'amore assoluto, l'amore che si muove dal cuore, che ti esce dalle mani e cammina sotto i tuoi piedi, l'amore francescano sembrerebbe, nella sua più semplice purezza. Henna, forse, è una preghiera. Senza dubbio era il brano che, più di tutti, Lucio aveva nel cuore e rappresenta la sua capacità di andare in profondità e di arrivare alla verità, mettendosi in rapporto con sé stesso, incontrandosi”. Ghemon raccoglie tutto questo, lo sente, lo fa proprio e scrive “Solo per me”.

Sottolinea Cristiano Governa “scrivendo Solo per me Ghemon è stato fedele ad Henna perché ha fatto la propria canzone, a partire da Lucio”. Inoltre, “la distanza che sembra separare la musica di Solo per me da quella di Henna è solo apparente. Infatti nella ripresa dei contrappunti si incontrano i due generi con il risultato che l'uno dà forza all’altro”. L’iniziativa è promossa in collaborazione con Bologna Città della Musica Unesco, IncrediBOL! e Bologna Welcome ed è realizzata con la collaborazione del Dipartimento delle Arti dell'Università di Bologna. Main sponsor è CheBanca!, la banca del Gruppo Mediobanca che con entusiasmo ha aderito all'iniziativa. 

Galleria fotografica
Celebrando Lucio - immagine 1
Celebrando Lucio - immagine 2
Musica
Gli ultimi fuochi di Yoko Ono
Gli ultimi fuochi di Yoko Ono
A 87 anni, la vedova di John Lennon - costretta sulla sedia a rotelle e bisognosa di assistenza - sta svendendo il patrimonio immobiliare: “Sente che la fine della sua vita straordinaria si avvia alla conclusione”
Il mistero di Paul e di Abbey Road
Il mistero di Paul e di Abbey Road
Una teoria mai definitivamente smentita afferma che McCartney sia morto nel 1966 in un incidente stradale e che il suo posto tra i Beatles sia stato preso da un sosia. Molti indizi sulla copertina di uno degli ultimi dischi della band
Rolling Stones, la band dei record in una mostra
Rolling Stones, la band dei record in una mostra
Il Groninger Museum olandese ospita la prima tappa europea di “Rolling Stones – Unzipped”, una mostra che espone oltre 400 oggetti appartenenti alle collezioni private della band più longeva nella storia del rock
Addio a Ezio Bosso
Addio a Ezio Bosso
Il musicista torinese si è spento nella sua abitazione di Bologna: dal settembre scorso si era ritirato per un aggravamento della malattia che lo tormentava da quasi un decennio
«Fly Away», la voglia di libertà nel primo singolo di una band emergente
«Fly Away», la voglia di libertà nel primo singolo di una band emergente
Stavano incidendo un album che è rimasto in sospeso: era il sogno dei «The Why Not», una band torinese che ha deciso di lanciare una propria canzone dedicata a chi spera di volare lontano, lasciandosi alle spalle questo periodo buio
One World: #TogetherAtHome, la musica contro la pandemia
One World: #TogetherAtHome, la musica contro la pandemia
Voluto da Lady Gaga, capace di radunare decine di celebrità della scena musicale internazionale, il mega concerto in streaming ha visto alternarsi artisti che si sono esibiti da casa. I proventi devoluti all’OMS
Ancora una morte nella comunità dei rapper americani
Ancora una morte nella comunità dei rapper americani
La vittima è Chynna Rogers, 25 anni, considerata un astro nascente dell’hip-hop: a gennaio aveva pubblicato un nuovo EP dal titolo inquietante: “Nel caso morissi prima”
Il dramma della popstar Duffy
Il dramma della popstar Duffy
Era scomparsa di scena nel 2011, dopo appena tre anni di carriera: è ricomparsa con un lungo post in cui ha raccontato la traumatica esperienza che ha dovuto subire
Il rapper Pop Smoke ucciso nella sua abitazione
Il rapper Pop Smoke ucciso nella sua abitazione
Vent’anni, era considerato l’astro nascente della scena rap americana. Due uomini si sono introdotti di notte nella sua abitazione e hanno aperto il fuoco uccidendolo
James Brown è stato ucciso?
James Brown è stato ucciso?
Un procuratore distrettuale della Georgia ha annunciato l’avvio di un’indagine per stabilire le cause della morte della leggenda della musica R&B. Una donna avrebbe fornito numerose prove