Il re del rap gangsta condannato a 28 anni

| "Suge" Knight aveva investito volontariamente un rapper e ucciso un passante con il suo pick-up a Compton davanti al mitico Tam's Burger. Nel suo passato anche la morte di Tupac Shakur, ucciso a Las Vegas in un agguato

+ Miei preferiti

Il famoso produttore e rapper Usa Marion "Suge" Knight è stato condannato a 28 anni di carcere per omicidio e tentato omicidio dopo che l'ex magnate della musica rap aveva investito due uomini con il suo furgone a gennaio, uccidendone uno e ferendo gravemente l'altro nel 2015. Il giudice della corte superiore Ronald Coen ha emesso la sentenza dopo un'udienza che si è concentrata sulla testimonianza di un altro rapper, Cle "Bone" Sloan, era stato ferito vicino al chiosco Tam's Burger a Compton, California, (un luogo mitico per gli appassionati di questo tipo di musica, nella foto) e subito dopo aveva cercato di raggiungere “Suge”, in fuga alla guida del suo pick-up.

Cle "Bone"Sloan con "Suge" Knight


Sloan ha ammesso di aver aggredito Knight ma aggiunto di non ricordare nulla e che non vuole essere un “informatore" della polizia. La procura sostiene invece che Knight ha colpito intenzionalmente le vittime, uccidendo Terry Carter, 55 anni. L'avvocato di Knight, Matt Fletcher, afferma invece che il produttore è stato vittima di un'imboscata e stava cercando di sfuggire all'attacco di Sloan quando ha investito gli uomini. "Non sarò io a mandare in prigione Suge", ha testimoniato Sloan, aggiungendo che era presente in aula solo perché era stato citato in giudizio. I procuratori gli avevano concesso un'immunità limitata dopo che lui aveva invocato il quinto emendamento della Costituzione per evitare l'autoincriminazione.

Knight, 49 anni, era ed è tuttora uno dei personaggi chiave nella scena rap gangsta che fiorì negli anni '90 e la sua etichetta ha gestito gli artisti più importanti Dr Dre, Tupac Shakur e Snoop Dogg. Knight ha perso il controllo della compagnia dopo che è stata costretta al fallimento in seguito alle vicende giudiziarie che l’hanno coinvolto.

Sloan, co-autore film Straight Outta Compton, ha detto che ha dimenticare i dettagli dell'incidente, in cui ha subito due caviglie fratturate, un grave taglio alla testa, due legamenti del ginocchio strappati e una lesione alla spalla. "Ogni giorno cerco di dimenticarlo", aveva detto Sloan. "So solo che è stata una disgrazia, e Terry è morto”. I “problemi di memoria” di Sloan hanno spinto il giudice a commentare la sua testimonianza: “Un testimone ingannevole e non credibile”. Sentito anche il detective che aveva indagato sul caso e che ha poi mostrato il filmato dell'incidente. La telecamera ha catturato una visione limitata del parcheggio ma mostra Knight che prima lotta con Sloan attraverso il finestrino del suo suv prima di inserire la retromarcia, ripartendo a tutta velocità, colpendo Sloan più volte e travolgendo Carter mentre cercava di allontanarsi dalla scena.

Fletcher, l'avvocato di Knight, riteneva che il rapper rivale fosse "infuriato" con lui il giorno dell'incidente. Sloan ha detto che era sì agitato, ma ha contestato di aver detto ai detective che era "furioso".

Knight andrà in prigione. Ha precedenti condanne penali per rapina a mano armata e aggressione con una pistola. Nel 1995 era stato condannato a cinque anni di libertà vigilata per un assalto a due rapper in uno studio di registrazione di Hollywood. Nel 1997 un'altra condanna per aver violato la libertà vigilata, partecipando a una sparatoria in un hotel di Las Vegas poche ore prima che il noto rapper Shakur Tupac fosse ferito mortalmente in un agguato mentre guidava la macchina di Knight sullo Strip. L'uccisione di Tupac Shakur, artista ormai leggendario, è ancora oggi un caso irrisolto.

 

Galleria fotografica
Il re del rap gangsta condannato a 28 anni - immagine 1
Il re del rap gangsta condannato a 28 anni - immagine 2
Il re del rap gangsta condannato a 28 anni - immagine 3
Il re del rap gangsta condannato a 28 anni - immagine 4
Musica
Addio a Sophie, DJ e musicista scozzese
Addio a Sophie, DJ e musicista scozzese
L’apprezzata artista visionaria del pop sperimentale nominata ai Grammy con il suo primo album, sarebbe precipitata da un’altura ad Atene in modo accidentale
Stefano D’Orazio, il ragazzo con gli occhi di sole
Stefano D’Orazio, il ragazzo con gli occhi di sole
Per 38 anni si è circondato di piatti e tamburi, dedicando l’esistenza al progetto più importante della sua vita. L’ultimo impegno musicale il testo di “Rinascerò Rinascerai”, diventato la colonna sonora della prima ondata di Covid-19
L’attico del «Lost Weekend» di John Lennon è in vendita
L’attico del «Lost Weekend» di John Lennon è in vendita
L’ex Beatle visse lì per 18 mesi con Mary Pang, la sua ex assistente personale, spinta fra le braccia di John dalla stessa Yoko Ono. Una penthouse con vista mozzafiato su New York in vendita a 5,5 milioni di dollari
Eddie Van Halen: the last Jump
Eddie Van Halen: the last Jump
Se n’è andato a 65 anni uno dei più grandi chitarristi della storia del rock. Olandese di nascita, nel 1984 aveva scalato tutte le classifiche mondiali con “Jump”
Gli ultimi fuochi di Yoko Ono
Gli ultimi fuochi di Yoko Ono
A 87 anni, la vedova di John Lennon - costretta sulla sedia a rotelle e bisognosa di assistenza - sta svendendo il patrimonio immobiliare: “Sente che la fine della sua vita straordinaria si avvia alla conclusione”
Il mistero di Paul e di Abbey Road
Il mistero di Paul e di Abbey Road
Una teoria mai definitivamente smentita afferma che McCartney sia morto nel 1966 in un incidente stradale e che il suo posto tra i Beatles sia stato preso da un sosia. Molti indizi sulla copertina di uno degli ultimi dischi della band
Rolling Stones, la band dei record in una mostra
Rolling Stones, la band dei record in una mostra
Il Groninger Museum olandese ospita la prima tappa europea di “Rolling Stones – Unzipped”, una mostra che espone oltre 400 oggetti appartenenti alle collezioni private della band più longeva nella storia del rock
Addio a Ezio Bosso
Addio a Ezio Bosso
Il musicista torinese si è spento nella sua abitazione di Bologna: dal settembre scorso si era ritirato per un aggravamento della malattia che lo tormentava da quasi un decennio
«Fly Away», la voglia di libertà nel primo singolo di una band emergente
«Fly Away», la voglia di libertà nel primo singolo di una band emergente
Stavano incidendo un album che è rimasto in sospeso: era il sogno dei «The Why Not», una band torinese che ha deciso di lanciare una propria canzone dedicata a chi spera di volare lontano, lasciandosi alle spalle questo periodo buio
One World: #TogetherAtHome, la musica contro la pandemia
One World: #TogetherAtHome, la musica contro la pandemia
Voluto da Lady Gaga, capace di radunare decine di celebrità della scena musicale internazionale, il mega concerto in streaming ha visto alternarsi artisti che si sono esibiti da casa. I proventi devoluti all’OMS