La musica dei tuareg

| Il tour mondiale di “Les Filles de Illighadadad”, una band composta per lo più da donne, le prime nella storia del fiero popolo nomade sahariano

+ Miei preferiti
La band arriva da Illighadadad, un minuscolo villaggio del Niger, nella regione del Sahara dove vivono i tuareg, gli “uomini blu”, come sono chiamati per via del colore dei loro abiti tradizionali. Sono nati in quella zona alcuni chitarristi di talento, ma mai nessuna donna aveva osato avvicinarsi alla musica in modo professionale: Fatou Seidi Ghali è la prima musicista tuareg della storia.

La sua band, “Les Filles de Illighadadad”, è nata nel 2016 con l’aiuto del cugino Alamnou Akrouni, che suona le percussioni e canta. Un terzo componente, Mariama Salah Aswan, ha recentemente lasciato il gruppo per mettere su famiglia ed è stata sostituita da Fatimata Ahmadelher, seconda chitarrista femminile che contribuisce anche alla voce e alle percussioni. Il fratello di Fatou, Abdoulaye Madassane, si unisce alla band quando sono in tournée, suonando la chitarra ritmica. Hanno circa vent’anni a testa, dicono, anche se nessuno di loro ha un certificato di nascita.

È stato un altro fratello, Ahmoudou, ad avvicinare Fatou alla chitarra, anche se inavvertitamente, quando ne ha portato a casa una dalla Libia. Fatou, che allora aveva circa 10 anni, resta affascinata dal quello strumento perfettamente levigato e colorato, e inizia a suonare in segreto, esercitandosi ogni volta che suo fratello era fuori casa.

L’immagine di una donna tuareg con la chitarra è alquanto insolita e controversa: “Mio padre mi ha detto tante volte di smettere di perdere il tempo che dovrei occupare prendendomi cura delle mucche”. Ma lei ha tenuto duro, e qualcuno ha iniziato a notarle. Fra questi c’era Christopher Kirkley, un appassionato di musica etnica di Portland, in Oregon, che nel 2010 ha fondato la “Sahel Sounds”, un’etichetta discografica che fin dall’inizio ha come obiettivo far conoscere la musica sud-sahariana ad un pubblico più ampio. Kirkley aveva sentito parlare di Fatou, una ragazza che suonava la chitarra ai matrimoni, e in qualche modo è riuscito a rintracciarla. Dopo averla sentita suonare, le propone di registrare il primo album della band: le loro sono le canzoni popolari che hanno sentito da quando sono nate, brani che parlano d’amore, del deserto e della vita nomade. La musica “Tende”, che prende il nome dal tamburo, viene suonata durante i tradizionali rituali di corteggiamento dei tuareg, dove tutte le donne di un villaggio cantano mentre gli uomini si avvicinano a dorso di cammello, cercando di catturare l’attenzione di una potenziale corteggiatrice.

“La musica per i tuareg è importantissima: tutti ascoltano, tutti suonano - assicura Fatimata - per amore, per dolore, per divertimento. Quando c’è tensione nel villaggio, i musicisti arrivano per calmare tutti”. Le diverse occasioni richiedono generi di musica differente, ma in genere il “takamba” è quello che va di più, uno stile veloce costruito attorno a uno strumento a tre o quattro corde noto come “ngoni”.

Fatou ha suonato il suo ngoni ancora prima di imbracciare una chitarra e ha creato il sound della sua band combinando diverse influenze: la musica tende, il takamba e l’hausa, un folk nigeriano. Il successo che sta ottenendo la band significa che viene trattata “come una regina” quando torna a casa, con la gente del posto che sorride e chiede foto. “Mi piacerebbe guadagnare abbastanza per aiutare il mio villaggio, comprare medicine, sostenere i miei fratelli e sorelle”.

Les Filles de Illighadadad sono impegnate in un tour mondiale che li ha già portati in Australia, Israele, Svezia e Canada: e ovunque è un successo.

Galleria fotografica
La musica dei tuareg - immagine 1
La musica dei tuareg - immagine 2
La musica dei tuareg - immagine 3
La musica dei tuareg - immagine 4
La musica dei tuareg - immagine 5
Musica
Gli ultimi fuochi di Yoko Ono
Gli ultimi fuochi di Yoko Ono
A 87 anni, la vedova di John Lennon - costretta sulla sedia a rotelle e bisognosa di assistenza - sta svendendo il patrimonio immobiliare: “Sente che la fine della sua vita straordinaria si avvia alla conclusione”
Il mistero di Paul e di Abbey Road
Il mistero di Paul e di Abbey Road
Una teoria mai definitivamente smentita afferma che McCartney sia morto nel 1966 in un incidente stradale e che il suo posto tra i Beatles sia stato preso da un sosia. Molti indizi sulla copertina di uno degli ultimi dischi della band
Rolling Stones, la band dei record in una mostra
Rolling Stones, la band dei record in una mostra
Il Groninger Museum olandese ospita la prima tappa europea di “Rolling Stones – Unzipped”, una mostra che espone oltre 400 oggetti appartenenti alle collezioni private della band più longeva nella storia del rock
Addio a Ezio Bosso
Addio a Ezio Bosso
Il musicista torinese si è spento nella sua abitazione di Bologna: dal settembre scorso si era ritirato per un aggravamento della malattia che lo tormentava da quasi un decennio
«Fly Away», la voglia di libertà nel primo singolo di una band emergente
«Fly Away», la voglia di libertà nel primo singolo di una band emergente
Stavano incidendo un album che è rimasto in sospeso: era il sogno dei «The Why Not», una band torinese che ha deciso di lanciare una propria canzone dedicata a chi spera di volare lontano, lasciandosi alle spalle questo periodo buio
One World: #TogetherAtHome, la musica contro la pandemia
One World: #TogetherAtHome, la musica contro la pandemia
Voluto da Lady Gaga, capace di radunare decine di celebrità della scena musicale internazionale, il mega concerto in streaming ha visto alternarsi artisti che si sono esibiti da casa. I proventi devoluti all’OMS
Ancora una morte nella comunità dei rapper americani
Ancora una morte nella comunità dei rapper americani
La vittima è Chynna Rogers, 25 anni, considerata un astro nascente dell’hip-hop: a gennaio aveva pubblicato un nuovo EP dal titolo inquietante: “Nel caso morissi prima”
Il dramma della popstar Duffy
Il dramma della popstar Duffy
Era scomparsa di scena nel 2011, dopo appena tre anni di carriera: è ricomparsa con un lungo post in cui ha raccontato la traumatica esperienza che ha dovuto subire
Il rapper Pop Smoke ucciso nella sua abitazione
Il rapper Pop Smoke ucciso nella sua abitazione
Vent’anni, era considerato l’astro nascente della scena rap americana. Due uomini si sono introdotti di notte nella sua abitazione e hanno aperto il fuoco uccidendolo
James Brown è stato ucciso?
James Brown è stato ucciso?
Un procuratore distrettuale della Georgia ha annunciato l’avvio di un’indagine per stabilire le cause della morte della leggenda della musica R&B. Una donna avrebbe fornito numerose prove