La stecca dei Maroon 5 in Cile

| L’esibizione della band californiana al festival di Viña del Mar sommersa dalle critiche per la scarsa qualità. È toccato all frontman Adam Levine chiedere scusa ai fan

+ Miei preferiti
Una serata da dimenticare e una brutta figura per il gruppo rock californiano “Maroon 5”: la loro esibizione al festival internazionale di Viña del Mar, in Cile, è stata sonoramente fischiata e criticata dal pubblico.

È toccato ad Adam Levine, frontman e fondatore del gruppo, scusarsi dopo che le critiche per la performance della band, salita sul palco con 30 minuti di ritardo e, secondo i presenti, “privi di qualsiasi energia per interagire con il pubblico”, come ha riferito l’agenzia di stampa cilena “Chilevisión Noticias”.

In un post su Instagram, Levine ha ammesso che i fan meritavano una spiegazione: “Ad essere del tutto sincero, ieri sera c’erano delle cose che mi trattenevano e ho lasciato che avessero la meglio sulla mia performance: so non è professionale e per questo mi scuso profondamente”. Il cantante ha riferito che era più preoccupato di avere un bell’aspetto davanti alle telecamere che riprendevano l’evento piuttosto che alla qualità della performance.

“Vi ho deluso e mi scuso: amiamo profondamente i nostri fan cileni e adoriamo venire a suonare da voi. Ieri sera non è stato il massimo e per questo posso solo dire che mi dispiace molto. Anche se non si può rimediare a quello che è stato, faremo del nostro meglio per imparare dall’esperienza: grazie Cile per averci dato l’opportunità di crescere”.

È intervenuto anche lo staff della band, rilasciando una dichiarazione in cui si nega che i Maroon 5 siano saliti sul palco in ritardo: “I Maroon 5 si sono esibiti nell’orario stabilito e secondo il programma della line-up: hanno suonato per circa 70 minuti esibendosi nei loro più grandi successi. Sfortunatamente, durante l’esibizione, la band ha dovuto far fronte a numerose difficoltà tecniche, compresi problemi audio sulle cuffie in-ear di Adam Levine”

Il Festival Internazionale della canzone di Viña del Mar è il più antico e il più grande evento musicale dell’America Latina ed è considerato tra i più prestigiosi.

Galleria fotografica
La stecca dei Maroon 5 in Cile - immagine 1
La stecca dei Maroon 5 in Cile - immagine 2
Musica
Gli ultimi fuochi di Yoko Ono
Gli ultimi fuochi di Yoko Ono
A 87 anni, la vedova di John Lennon - costretta sulla sedia a rotelle e bisognosa di assistenza - sta svendendo il patrimonio immobiliare: “Sente che la fine della sua vita straordinaria si avvia alla conclusione”
Il mistero di Paul e di Abbey Road
Il mistero di Paul e di Abbey Road
Una teoria mai definitivamente smentita afferma che McCartney sia morto nel 1966 in un incidente stradale e che il suo posto tra i Beatles sia stato preso da un sosia. Molti indizi sulla copertina di uno degli ultimi dischi della band
Rolling Stones, la band dei record in una mostra
Rolling Stones, la band dei record in una mostra
Il Groninger Museum olandese ospita la prima tappa europea di “Rolling Stones – Unzipped”, una mostra che espone oltre 400 oggetti appartenenti alle collezioni private della band più longeva nella storia del rock
Addio a Ezio Bosso
Addio a Ezio Bosso
Il musicista torinese si è spento nella sua abitazione di Bologna: dal settembre scorso si era ritirato per un aggravamento della malattia che lo tormentava da quasi un decennio
«Fly Away», la voglia di libertà nel primo singolo di una band emergente
«Fly Away», la voglia di libertà nel primo singolo di una band emergente
Stavano incidendo un album che è rimasto in sospeso: era il sogno dei «The Why Not», una band torinese che ha deciso di lanciare una propria canzone dedicata a chi spera di volare lontano, lasciandosi alle spalle questo periodo buio
One World: #TogetherAtHome, la musica contro la pandemia
One World: #TogetherAtHome, la musica contro la pandemia
Voluto da Lady Gaga, capace di radunare decine di celebrità della scena musicale internazionale, il mega concerto in streaming ha visto alternarsi artisti che si sono esibiti da casa. I proventi devoluti all’OMS
Ancora una morte nella comunità dei rapper americani
Ancora una morte nella comunità dei rapper americani
La vittima è Chynna Rogers, 25 anni, considerata un astro nascente dell’hip-hop: a gennaio aveva pubblicato un nuovo EP dal titolo inquietante: “Nel caso morissi prima”
Il dramma della popstar Duffy
Il dramma della popstar Duffy
Era scomparsa di scena nel 2011, dopo appena tre anni di carriera: è ricomparsa con un lungo post in cui ha raccontato la traumatica esperienza che ha dovuto subire
Il rapper Pop Smoke ucciso nella sua abitazione
Il rapper Pop Smoke ucciso nella sua abitazione
Vent’anni, era considerato l’astro nascente della scena rap americana. Due uomini si sono introdotti di notte nella sua abitazione e hanno aperto il fuoco uccidendolo
James Brown è stato ucciso?
James Brown è stato ucciso?
Un procuratore distrettuale della Georgia ha annunciato l’avvio di un’indagine per stabilire le cause della morte della leggenda della musica R&B. Una donna avrebbe fornito numerose prove