Leadbelly e Blind Lemon, i nonni del rock

| Huddie Ledbetter ed Henry Jefferson sono i bluesman di maggior successo degli anni Venti. Violento e rissoso il primo, cieco e innovativo il secondo, hanno influenzato la musica e posto le basi per la nascita del rock and roll

+ Miei preferiti
Di Marco Belletti
In una delle numerose piantagioni di cotone della Louisiana, nel sud confederato degli Stati Uniti, il 20 gennaio 1888 nasce Huddie William Ledbetter, destinato a diventare uno dei più importanti esponenti della musica blues, un grande interprete della chitarra a 12 corde, celebre con lo pseudonimo di “Leadbelly”. Il padre Wes e la madre Sallie Brown si sposano l’anno dopo la nascita del loro unico figlio e nel 1893 si trasferiscono in Texas, in una piccola città non lontana dal confine con la Louisiana.

Huddie riceve in regalo una fisarmonica e s’innamora della musica, imparando ancora bambino a suonare la chitarra: prima di compiere 18 anni lavora già a tempo pieno nei locali a luci rosse di Shreveport, in Louisiana. È allora che adotta lo pseudonimo di Leadbelly che la leggenda racconta sia nato per una ferita da arma da fuoco che gli lascia un proiettile mai estratto: deriva da “lead” (piombo) e “belly” (pancia).

Questo aneddoto è ben rappresentativo del carattere focoso e violento di Huddie. Dopo aver tentato la fuga da casa una prima volta quando ha sette anni, a venti l’abbandona definitivamente per girovagare tra Texas e Louisiana tentando la fortuna come musicista. Trascorre una decina d’anni guadagnandosi da vivere suonando la chitarra quando possibile e svolgendo ogni tipo di lavoro se necessario. Nel frattempo beve, suona e si mette nei guai. È ricercato con l’accusa di aver messo incinta una ragazza senza poi averla sposata e il suo carattere irruento – unito al contesto storico dell’epoca che vede forti pregiudizi razziali nei confronti dei neri – lo porta a entrare e uscire spesso di prigione.

All’inizio degli anni Dieci suona nei club per neri in varie città della Louisiana per poi trasferirsi a Dallas, in Texas, dove nel 1915 incontra “Blind” Lemon Jefferson, altra leggenda del blues, il primo cantante country a incidere un disco in uno studio di registrazione.

Nato come Lemon Henry Jefferson il 24 settembre 1893 nella piccola città texana di Coutchman, ben poco si sa della sua infanzia: inizia a suonare da bambino per le strade della città di Wortham guadagnando qualche dollaro lasciato dai passanti, colpiti dalla sua originale tecnica alla chitarra e dal fatto che è non vedente. In realtà non si sa se sia nato cieco o se lo sia diventato, di certo c’è che anni dopo sarà conosciuto da tutti come “Blind” Lemon. Nei suoi blues modifica il sistema “frase della canzone – risposta del coro” tipico dei canti di schiavitù e lo ripropone con una risposta esclusivamente strumentale, molto caratteristica e innovativa.

Leadbelly e Blind Lemon si esibiscono insieme in numerosi locali e pongono le basi di un nuovo tipo di musica che passando attraverso artisti come Robert Johnson, T-Bone Walker, B. B. King, Son House e Lightnin’ Hopkins porterà alla nascita di un fenomeno completamente nuovo nel panorama musicale non solo degli Stati Uniti, ma del mondo intero: il rock and roll.

Nello stesso anno in cui conosce Blind Lemon, Leadbelly viene arrestato per possesso illegale di arma da fuoco, ma l’anno successivo la prigione in cui si trova viene assaltata da alcuni banditi, riesce a evadere e trascorre i successivi due anni facendosi chiamare Walter Boyd. Nel 1918, uccide un suo lontano parente durante una rissa per una donna e finisce nel carcere di Sugar Land, in Texas, da dove uscirà soltanto sette anni dopo per buona condotta. La leggenda narra che abbia scritto il testo di una sua canzone come richiesta di grazia al governatore del Texas, che commosso dalle parole gli abbia concesso la libertà.

Nel frattempo Blind Lemon continua a suonare e a cantare e nel dicembre 1925 si reca a Chicago per registrare il suo primo singolo, due canzoni gospel firmate come Deacon Bates. I primi brani firmati con il suo nome risalgono invece all’anno successivo e riscuotono un successo tale da far conoscere Blind Lemon al grande pubblico. Complessivamente, fino al 1929, l’artista registra un centinaio di canzoni, di cui ben 43 prodotti dalla “Paramount Records”.

Jefferson muore a Chicago il 29 dicembre 1929 a 37 anni in circostanze mai del tutto chiarite. Il certificato di morte parla di miocardite acuta, ma per anni circola la leggenda secondo cui è stato ucciso da un’amante gelosa che gli avrebbe avvelenato il caffè. Altre voci ritengono che sia morto per assideramento durante una tempesta di neve, dopo essersi perso o per un attacco di cuore in seguito all’aggressione di un cane. È stata la sua casa discografica a pagare il trasporto del corpo fino in Texas, dove viene sepolto nel cimitero per neri di Wortham.

Nel 1930 Leadbelly si mette di nuovo nei guai con la giustizia per tentato omicidio. Mentre sconta la pena alla “Angola State Prison” della Louisiana, lo studioso di musica John Lomax ha modo di conoscerlo e rimane colpito dal suo talento. Oltre ad aiutarlo a incidere un centinaio di canzoni – poi conservate nell’archivio della biblioteca del Congresso Americano a Washington – gli fa realizzare un disco sul cui lato B è inciso un appello per la sua liberazione, che sembra arrivi fino al governatore che concede nuovamente la grazia al musicista.

Nel 1935 Leadbelly organizza la sua prima tournée nel nord degli Stati Uniti riscuotendo un buon successo, che conferma anche negli anni successivi. Nel 1939 finisce nuovamente in carcere per aver pugnalato un uomo durante una rissa a Manhattan, ma nei nove anni successivi la sua notorietà cresce e il successo dei suoi brani varca l’oceano, tanto da impegnarlo in alcuni tour europei. Una sclerosi laterale lo uccide a 61 anni il 6 dicembre 1949 a New York. Viene sepolto nel cimitero della Shiloh Baptist Church a Mooringsport, in Louisiana.

Tornando a Blind Lemon, nel 1967 viene eretta una lapide in suo onore nel cimitero dove riposa, che dal 2007 porta il nome di “Blind Lemon Memorial Cemetery”.

Musica
Addio a Ezio Bosso
Addio a Ezio Bosso
Il musicista torinese si è spento nella sua abitazione di Bologna: dal settembre scorso si era ritirato per un aggravamento della malattia che lo tormentava da quasi un decennio
«Fly Away», la voglia di libertà nel primo singolo di una band emergente
«Fly Away», la voglia di libertà nel primo singolo di una band emergente
Stavano incidendo un album che è rimasto in sospeso: era il sogno dei «The Why Not», una band torinese che ha deciso di lanciare una propria canzone dedicata a chi spera di volare lontano, lasciandosi alle spalle questo periodo buio
One World: #TogetherAtHome, la musica contro la pandemia
One World: #TogetherAtHome, la musica contro la pandemia
Voluto da Lady Gaga, capace di radunare decine di celebrità della scena musicale internazionale, il mega concerto in streaming ha visto alternarsi artisti che si sono esibiti da casa. I proventi devoluti all’OMS
Ancora una morte nella comunità dei rapper americani
Ancora una morte nella comunità dei rapper americani
La vittima è Chynna Rogers, 25 anni, considerata un astro nascente dell’hip-hop: a gennaio aveva pubblicato un nuovo EP dal titolo inquietante: “Nel caso morissi prima”
Il dramma della popstar Duffy
Il dramma della popstar Duffy
Era scomparsa di scena nel 2011, dopo appena tre anni di carriera: è ricomparsa con un lungo post in cui ha raccontato la traumatica esperienza che ha dovuto subire
Il rapper Pop Smoke ucciso nella sua abitazione
Il rapper Pop Smoke ucciso nella sua abitazione
Vent’anni, era considerato l’astro nascente della scena rap americana. Due uomini si sono introdotti di notte nella sua abitazione e hanno aperto il fuoco uccidendolo
James Brown è stato ucciso?
James Brown è stato ucciso?
Un procuratore distrettuale della Georgia ha annunciato l’avvio di un’indagine per stabilire le cause della morte della leggenda della musica R&B. Una donna avrebbe fornito numerose prove
Elettra Lamborghini: la musica prima di tutto
Elettra Lamborghini: la musica prima di tutto
La cantante-ereditiera ha dato la scossa ad un Festival sonnacchioso e lunghissimo. Ha svelato l’emozione forte dell’Ariston e la spumeggiante leggerezza di chi affronta la vita come viene
Julian Lennon rivela: sono stato operato di cancro
Julian Lennon rivela: sono stato operato di cancro
Il primogenito di John Lennon rivela di aver scoperto un neo in testa che gli è stato asportato d’urgenza
Ex star del K-pop accusato di sfruttamento della prostituzione
Ex star del K-pop accusato di sfruttamento della prostituzione
Secondo l’accusa, Seungri, idolo per milioni di ragazzine, gestiva un locale dove droga e prostituzione erano pura normalità