«Love Vibrations», i classici Jazz in purezza

| Nel nuovo album prodotto dalla “Jazzy Records”, Il pianista messinese Giovanni Mazzarino rende omaggio ad alcune delle pagine più memorabili della storia del Jazz

+ Miei preferiti
“Il potere del Jazz sta nel fatto che un gruppo di persone può riunirsi e creare arte accordandosi con gli altri su come improvvisare”. Così amava raccontare il grande trombettista Wynton Marsalis, e così – in qualche modo – ha scelto di fare Giovanni Mazzarino, pianista e compositore considerato fra i migliori in Italia, che ha voluto rendere omaggio ad alcuni “standard Jazz”, coinvolgendo grandi musicisti, oltre che amici: Fabrizio Bosso alla tromba, Rosario Bonaccorso al contrabbasso e Nicola Angelucci alla batteria.

Il risultato è “Love Vibrations”, album appena uscito che raccoglie e rivisita classici immortali di autentiche leggende del Jazz come Horace Silver, Charles Mingus, Chico Barque e altri, ma per una volta senza aggiungere “virtuosismi”, restituendoli così com’erano stati pensati in origine, nella semplicità dei fumosi locali americani di Chicago e New Orleans, dov’erano nati. Un omaggio ripulito da ogni tentazione di protagonismo, per riconsegnare intatto lo spirito di queste composizioni.

A dare il titolo all’album è “Love Vibration”, ballad del grande pianista Horace Silver pubblicata nel 1970 per la “Blue Note”: è una delle perle di “That Healin’ Feelin’”, primo gradino della trilogia “The United States of Mind”.

Giovanni Mazzarino, messinese classe 1955, compositore conquistato dal Jazz ormai più di 35 anni fa, trascorsi collaborando con artisti del livello di Enzo Randisi, Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Stefano Di Battista, Franco Cerri ed altri. Considerato fra i primi tre migliori pianisti italiani, insieme a Stefano Bollani e Dado Moroni, ha inciso 21 album da leader e partecipato ai più importanti Jazz festival mondiali. Alla carriera di musicista, affianca l’insegnamento di “Improvvisazione Jazz” presso il Conservatorio di Musica di Messina. Registrato e mixato da Stefano Amerio presso gli studi “Artesuono” di Udine, l’album è prodotto dalla “Jazzy Records”, distribuito dalla “IRD e Believe Digital”, e accompagnato dal videoclip del singolo Love Vibrations, realizzato dalla factory creativa dell’etichetta discografica milanese: una ballerina classica immersa in una città deserta, un po’ il riassunto del delicato viaggio musicale di Mazzarino & co., volutamente sottotraccia e liberato da ogni legittima tentazione di virtuosismi gratuiti, completamente all’opposto di un mondo che al contrario alza la voce e chiede spazio. È anche così, che nascono le rivoluzioni.

LA TRACKLIST

1. Love Vibrations (Horace Silver)

2. How About You (Burton Lane)

3. For Heaven's Sake (Sherman Edwards - Elise Bretton)

4. Oh Que Serà (Chico Buarque)

5. Spring Can Really Hang You Up The Most (Tommy Wolf)

6. Duke Ellington’s Sound Of Love (Charles Mingus)

7. It Had To Be You (Isham Jones)

8. Milano (John Lewis)

9. How Deep is The Ocean (Irwing Berlin)

10. Blame It On My Youth (Oscar Levant)

11. Stardust (Hoagy Carmichael)

12. Do You Know What It Means To Miss New Orleans (Eddie De Lange, Louis Alter)

Video
Galleria fotografica
«Love Vibrations», i classici Jazz in purezza - immagine 1
«Love Vibrations», i classici Jazz in purezza - immagine 2
«Love Vibrations», i classici Jazz in purezza - immagine 3
«Love Vibrations», i classici Jazz in purezza - immagine 4
«Love Vibrations», i classici Jazz in purezza - immagine 5
«Love Vibrations», i classici Jazz in purezza - immagine 6
Musica
Addio a Sophie, DJ e musicista scozzese
Addio a Sophie, DJ e musicista scozzese
L’apprezzata artista visionaria del pop sperimentale nominata ai Grammy con il suo primo album, sarebbe precipitata da un’altura ad Atene in modo accidentale
Stefano D’Orazio, il ragazzo con gli occhi di sole
Stefano D’Orazio, il ragazzo con gli occhi di sole
Per 38 anni si è circondato di piatti e tamburi, dedicando l’esistenza al progetto più importante della sua vita. L’ultimo impegno musicale il testo di “Rinascerò Rinascerai”, diventato la colonna sonora della prima ondata di Covid-19
L’attico del «Lost Weekend» di John Lennon è in vendita
L’attico del «Lost Weekend» di John Lennon è in vendita
L’ex Beatle visse lì per 18 mesi con Mary Pang, la sua ex assistente personale, spinta fra le braccia di John dalla stessa Yoko Ono. Una penthouse con vista mozzafiato su New York in vendita a 5,5 milioni di dollari
Eddie Van Halen: the last Jump
Eddie Van Halen: the last Jump
Se n’è andato a 65 anni uno dei più grandi chitarristi della storia del rock. Olandese di nascita, nel 1984 aveva scalato tutte le classifiche mondiali con “Jump”
Gli ultimi fuochi di Yoko Ono
Gli ultimi fuochi di Yoko Ono
A 87 anni, la vedova di John Lennon - costretta sulla sedia a rotelle e bisognosa di assistenza - sta svendendo il patrimonio immobiliare: “Sente che la fine della sua vita straordinaria si avvia alla conclusione”
Il mistero di Paul e di Abbey Road
Il mistero di Paul e di Abbey Road
Una teoria mai definitivamente smentita afferma che McCartney sia morto nel 1966 in un incidente stradale e che il suo posto tra i Beatles sia stato preso da un sosia. Molti indizi sulla copertina di uno degli ultimi dischi della band
Rolling Stones, la band dei record in una mostra
Rolling Stones, la band dei record in una mostra
Il Groninger Museum olandese ospita la prima tappa europea di “Rolling Stones – Unzipped”, una mostra che espone oltre 400 oggetti appartenenti alle collezioni private della band più longeva nella storia del rock
Addio a Ezio Bosso
Addio a Ezio Bosso
Il musicista torinese si è spento nella sua abitazione di Bologna: dal settembre scorso si era ritirato per un aggravamento della malattia che lo tormentava da quasi un decennio
«Fly Away», la voglia di libertà nel primo singolo di una band emergente
«Fly Away», la voglia di libertà nel primo singolo di una band emergente
Stavano incidendo un album che è rimasto in sospeso: era il sogno dei «The Why Not», una band torinese che ha deciso di lanciare una propria canzone dedicata a chi spera di volare lontano, lasciandosi alle spalle questo periodo buio
One World: #TogetherAtHome, la musica contro la pandemia
One World: #TogetherAtHome, la musica contro la pandemia
Voluto da Lady Gaga, capace di radunare decine di celebrità della scena musicale internazionale, il mega concerto in streaming ha visto alternarsi artisti che si sono esibiti da casa. I proventi devoluti all’OMS