Scoprire Madrid attraverso la musica

| L’hotel musicale Barceló Imagine ha ideato una serie di audioguide che permettono di scoprire la capitale spagnola: la prima è dedicata alla Movida madrilena

+ Miei preferiti
Madrid è una delle città più affascinanti del mondo, un mix di storie, tradizioni, futuro e piaceri della vita che è possibile raccontare anche attraverso la musica. Per permettere ai turisti di scoprire la capitale spagnola dai movimenti culturali, l’hotel musicale “Barceló Imagine”, ha scelto di creare in esclusiva per i suoi ospiti delle audioguide che permettono di viaggiare a Madrid negli anni '80, il decennio in cui è nata la celebre Movida. 

Creata in collaborazione con Ariel Rot, l’audioguida racconta le origini di uno dei movimenti più importanti della cultura spagnola attraverso concerti indimenticabili come l’omaggio a “Canito” a un tour dei locali dove è iniziata la tradizione della Movida. Il tutto raccontato dai ricordi e dagli aneddoti di uno dei musicisti che hanno vissuto in prima fila la nascita di quel movimento contro-culturale che avrebbe cambiato per sempre la città di Madrid. 

Prenotando il soggiorno in hotel, gli ospiti dell’hotel ricevono l’esclusivo link per ascoltare la prima edizione delle audioguide: è il primo step di “Walk & Play”, un nuovo servizio che il Barceló Imagine si impegna ad offrire ogni anno ai propri clienti con nuove audioguide, per viaggiare nel tempo di Madrid, sempre con qualche genere musicale come filo conduttore. 

In fuga dall’Argentina, Ariel Rot arriva a Madrid appena adolescente, nel 1976, e la prima cosa che lo affascina della capitale spagnola è l’immensa offerta culturale, gli splendidi musicisti che fanno tremare i palchi e la sensazione di libertà che si respira nelle strade.

Per l’argentino, l’emergere della Movida era inaspettato “ma in un certo senso inevitabile, se si tiene conto dei sentimenti repressi, della mancanza di libertà e della censura che si era vissuta anni prima in Spagna”. Ariel ha vissuto l’omaggio a "Canito" come spettatore, ma ricorda di aver sentito che questo piccolo concerto era qualcosa di più di una staffetta generazionale del rock spagnolo, e così è stato: era la pietra miliare da cui è iniziata la Movida.

Dopo la nascita di questo movimento, la sua escalation fu rapida e vertiginosa: sono emersi locali iconici come “El Penta”, “Vía Láctea”, “Madrid me Mata” e “Sala Sol”, palcoscenici che ancora oggi aprono le loro porte e in cui si mantiene vivo il ricordo del genere musicale che ha ridefinito li notti madrilene.

Il Barceló Imagine, situato nel cuore di Madrid, ha scelto di offrire ai propri ospiti soggiorni a tema da godere dal momento in cui mettono piede nella hall, dove si trova l’iconico pianoforte gigante del film “Big”. Ognuno dei piani dell’hotel rende omaggio a diversi generi musicali, offrendo esperienze che hanno la musica come filo conduttore. : tra i servizi dell’hotel anche il servizio di prestito di vinili originale e giradischi, e quello in camera di strumenti musicali per organizzare jamming sessions.

Galleria fotografica
Scoprire Madrid attraverso la musica - immagine 1
Musica
Addio a Sophie, DJ e musicista scozzese
Addio a Sophie, DJ e musicista scozzese
L’apprezzata artista visionaria del pop sperimentale nominata ai Grammy con il suo primo album, sarebbe precipitata da un’altura ad Atene in modo accidentale
Stefano D’Orazio, il ragazzo con gli occhi di sole
Stefano D’Orazio, il ragazzo con gli occhi di sole
Per 38 anni si è circondato di piatti e tamburi, dedicando l’esistenza al progetto più importante della sua vita. L’ultimo impegno musicale il testo di “Rinascerò Rinascerai”, diventato la colonna sonora della prima ondata di Covid-19
L’attico del «Lost Weekend» di John Lennon è in vendita
L’attico del «Lost Weekend» di John Lennon è in vendita
L’ex Beatle visse lì per 18 mesi con Mary Pang, la sua ex assistente personale, spinta fra le braccia di John dalla stessa Yoko Ono. Una penthouse con vista mozzafiato su New York in vendita a 5,5 milioni di dollari
Eddie Van Halen: the last Jump
Eddie Van Halen: the last Jump
Se n’è andato a 65 anni uno dei più grandi chitarristi della storia del rock. Olandese di nascita, nel 1984 aveva scalato tutte le classifiche mondiali con “Jump”
Gli ultimi fuochi di Yoko Ono
Gli ultimi fuochi di Yoko Ono
A 87 anni, la vedova di John Lennon - costretta sulla sedia a rotelle e bisognosa di assistenza - sta svendendo il patrimonio immobiliare: “Sente che la fine della sua vita straordinaria si avvia alla conclusione”
Il mistero di Paul e di Abbey Road
Il mistero di Paul e di Abbey Road
Una teoria mai definitivamente smentita afferma che McCartney sia morto nel 1966 in un incidente stradale e che il suo posto tra i Beatles sia stato preso da un sosia. Molti indizi sulla copertina di uno degli ultimi dischi della band
Rolling Stones, la band dei record in una mostra
Rolling Stones, la band dei record in una mostra
Il Groninger Museum olandese ospita la prima tappa europea di “Rolling Stones – Unzipped”, una mostra che espone oltre 400 oggetti appartenenti alle collezioni private della band più longeva nella storia del rock
Addio a Ezio Bosso
Addio a Ezio Bosso
Il musicista torinese si è spento nella sua abitazione di Bologna: dal settembre scorso si era ritirato per un aggravamento della malattia che lo tormentava da quasi un decennio
«Fly Away», la voglia di libertà nel primo singolo di una band emergente
«Fly Away», la voglia di libertà nel primo singolo di una band emergente
Stavano incidendo un album che è rimasto in sospeso: era il sogno dei «The Why Not», una band torinese che ha deciso di lanciare una propria canzone dedicata a chi spera di volare lontano, lasciandosi alle spalle questo periodo buio
One World: #TogetherAtHome, la musica contro la pandemia
One World: #TogetherAtHome, la musica contro la pandemia
Voluto da Lady Gaga, capace di radunare decine di celebrità della scena musicale internazionale, il mega concerto in streaming ha visto alternarsi artisti che si sono esibiti da casa. I proventi devoluti all’OMS