Si aprono i cancelli dello Strawberry Fields

| Uno dei luoghi culto per i fans dei Beatles, che fino al 2005 ha ospitato l'orfanatrofio di Liverpool, sta per essere aperto il pubblico. Era il rifugio segreto di John Lennon

+ Miei preferiti
Nel febbraio del 1967, i Beatles pubblicano un singolo di enorme successo: sul lato A “Penny lane”, sul “Straweberry Fields Forever”. Per i fans, difficile scegliere fra i due lati del 45 giri, mentre per i quattro “scarafaggi” si trattava di due brani dal sapore malinconico, dedicati ad altrettante zone a loro molto care, frequentate durante l’infanzia a Liverpool.

Straweberry Fields Forever, per quanto attribuita al due Lennon-McCartney, fu composta da John in un momento molto delicato: il gruppo era stato accusato di blasfemia e vilipendio dopo essersi dichiarati “più famosi di Gesù Cristo”, e il suo matrimonio con Cinthia stava naufragando fra droga e tradimenti.

Strawberry Field gli ricordava gli anni spensierati dell’infanzia: era il nome dell’orfanatrofio di Liverpool, una villa in stile gotica del 1870 nel quartiere residenziale di Woolton, a poca distanza dall’abitazione di zia Mimi, che insieme al nipote lo frequentava spesso durante le feste di beneficenza per dare una mano nella raccolta fondi. Per Lennon era un rifugio segreto, un posto dove dare fondo alla tristezza e trovare conforto all’idea ricorrente di sentirsi anche lui un orfano, vittima dell’egoismo di Julia e Alfred, i suoi genitori, di divorziare e liberarsi di lui affidandolo alla zia Mimi, che l’avrebbe comunque amato e accudito per tutta la sua vita come un vero figlio.

Oggi, Strawberry Fields è un luogo di culto per i fans dei Beatles, inserito nei giri turistici che al leggendario cancello rosso dedicano una fermata per lasciare libero spazio agli obiettivi di 60mila visitatori ogni anno. A proposito di cancello: nel 2000 era stato rubato durante una notte, ma restituito poche ore dopo da un rigattiere che dopo averlo acquistato da qualcuno l’aveva riconosciuto. L’interno del giardino è cambiato dai tempi di Lennon: l’edificio originario è stato demolito nel 1973 e quello nuovo, più piccolo, ha resistito fino al 2005, anno di chiusura definitiva dell’orfanatrofio. Ma quel nome è legato anche ad un altro luogo di culto: il mosaico rotondo che Yoko Ono ha voluto al Central Park di New York, a pochi passi dal Dakota Builindg dove Lennon fu ucciso a colpi d’arma da fuoco la sera dell’8 dicembre 1980.

Tornando a Liverpool, decenni di visite ininterrotte al cancello di Beaconsfield Road, hanno convinto l’Esercito della Salvezza, che gestisce l’edificio e il parco Strawberry Field, ad aprire le porte per la prima volta. Accadrà il prossimo 14 settembre, dopo una ristrutturazione che ospita una mostra interattiva sull’infanzia di John Lennon, ma senza dimenticare la propria vocazione, con la creazione in parallelo di corsi di formazioni per giovani e adulti con difficoltà di apprendimento.

“John Lennon ha trovato rifugio qui da bambino, e questo è quello che vogliamo fare aprendo lo Strawberry Fields gate per sempre”, ha commentato Anthony Cotterill, comandante territoriale del Salvation Army.

Galleria fotografica
Si aprono i cancelli dello Strawberry Fields - immagine 1
Si aprono i cancelli dello Strawberry Fields - immagine 2
Si aprono i cancelli dello Strawberry Fields - immagine 3
Musica
Stefano D’Orazio, il ragazzo con gli occhi di sole
Stefano D’Orazio, il ragazzo con gli occhi di sole
Per 38 anni si è circondato di piatti e tamburi, dedicando l’esistenza al progetto più importante della sua vita. L’ultimo impegno musicale il testo di “Rinascerò Rinascerai”, diventato la colonna sonora della prima ondata di Covid-19
L’attico del «Lost Weekend» di John Lennon è in vendita
L’attico del «Lost Weekend» di John Lennon è in vendita
L’ex Beatle visse lì per 18 mesi con Mary Pang, la sua ex assistente personale, spinta fra le braccia di John dalla stessa Yoko Ono. Una penthouse con vista mozzafiato su New York in vendita a 5,5 milioni di dollari
Eddie Van Halen: the last Jump
Eddie Van Halen: the last Jump
Se n’è andato a 65 anni uno dei più grandi chitarristi della storia del rock. Olandese di nascita, nel 1984 aveva scalato tutte le classifiche mondiali con “Jump”
Gli ultimi fuochi di Yoko Ono
Gli ultimi fuochi di Yoko Ono
A 87 anni, la vedova di John Lennon - costretta sulla sedia a rotelle e bisognosa di assistenza - sta svendendo il patrimonio immobiliare: “Sente che la fine della sua vita straordinaria si avvia alla conclusione”
Il mistero di Paul e di Abbey Road
Il mistero di Paul e di Abbey Road
Una teoria mai definitivamente smentita afferma che McCartney sia morto nel 1966 in un incidente stradale e che il suo posto tra i Beatles sia stato preso da un sosia. Molti indizi sulla copertina di uno degli ultimi dischi della band
Rolling Stones, la band dei record in una mostra
Rolling Stones, la band dei record in una mostra
Il Groninger Museum olandese ospita la prima tappa europea di “Rolling Stones – Unzipped”, una mostra che espone oltre 400 oggetti appartenenti alle collezioni private della band più longeva nella storia del rock
Addio a Ezio Bosso
Addio a Ezio Bosso
Il musicista torinese si è spento nella sua abitazione di Bologna: dal settembre scorso si era ritirato per un aggravamento della malattia che lo tormentava da quasi un decennio
«Fly Away», la voglia di libertà nel primo singolo di una band emergente
«Fly Away», la voglia di libertà nel primo singolo di una band emergente
Stavano incidendo un album che è rimasto in sospeso: era il sogno dei «The Why Not», una band torinese che ha deciso di lanciare una propria canzone dedicata a chi spera di volare lontano, lasciandosi alle spalle questo periodo buio
One World: #TogetherAtHome, la musica contro la pandemia
One World: #TogetherAtHome, la musica contro la pandemia
Voluto da Lady Gaga, capace di radunare decine di celebrità della scena musicale internazionale, il mega concerto in streaming ha visto alternarsi artisti che si sono esibiti da casa. I proventi devoluti all’OMS
Ancora una morte nella comunità dei rapper americani
Ancora una morte nella comunità dei rapper americani
La vittima è Chynna Rogers, 25 anni, considerata un astro nascente dell’hip-hop: a gennaio aveva pubblicato un nuovo EP dal titolo inquietante: “Nel caso morissi prima”