Torna il concerto sul tetto dei Beatles

| Prodotto dalla Disney, un documentario diretto da Peter Jackson permette di rivivere il leggendario “Rooftop Concert”, l’atto di addio dei Fab Four

+ Miei preferiti
Il “Rooftop Concert” è una pagina indelebile nella storia della musica mondiale: il 30 gennaio 1969, i Beatles – accompagnati dal tastierista Billy Preston - salgono sul tetto della palazzina che ospita la “Apple Corps”, la loro etichetta discografica, al numero 3 di Savile Row, nel cuore di Londra, e improvvisano un concerto. Vanno avanti 42 minuti prima che la polizia chiamata da alcuni residenti infastiditi, gli ordini di smettere. Nessuno sapeva che sarebbe stata l’ultima esibizione dei “Fab Four”: avrebbero ancora inciso “Abbey Road”, ma di fatto avevano già preso strade diverse.

Le immagini di quel concerto, ai tempi riprese dal regista Michael Lindsay-Hogg, stanno per tornare nel documentario “The Beatles: Get Back”, diretto da Peter Jackson e prodotto da “Walt Disney Studios”, che ha acquisito i diritti per la distribuzione mondiale. L’idea del documentario è di mostrare il calore, lo spirito di amicizia e di squadra, l’umorismo e l’affiatamento dei quattro leggendari Beatles, malgrado fossero ormai decisi alla separazione dopo mesi di incomprensioni e litigi.

“Nessuna band ha avuto lo stesso impatto dei Beatles sul mondo, e il documentario è un posto in prima fila sui meccanismo interni di questi geniali creatori in un momento fondamentale della storia della musica, con scene straordinariamente restaurate che sembrano girate ieri – ha commentato Robert A. Iger, executive chairman Disney Company – io stesso sono un loro grande fan, quindi non potrei essere più felice che Disney abbia deciso di condividere lo splendido documentario con il pubblico mondiale”.

Il documentario, diretto da Peter Jackson, pluripremiato regista della trilogia “Il signore degli anelli”, è stato realizzato mettendo mano a 55 ore di filmati inediti e 140 ore di registrazioni audio, per buona parte mai ascoltate, delle sessioni in studio dell’album “Let It Be”. I filmati sono stati restaurati dalla “Park Road Post Production” di Wellington, in Nuova Zelanda, e montati da Jabez Olssen, mentre le musiche saranno mixate a breve presso gli Abbey Road Studios di Londra. “Lavorare a questo progetto è stata un’esperienza straordinaria: ho avuto il privilegio di essere una mosca sul muro mentre la più grande band di tutti i tempi lavorava, suonava e creava capolavori”.

A dare il benestare, si dice entusiasta, Yoko Ono e Olivia Harrison, oltre a Ringo Starr e Paul McCartney, che ha dichiarato: “È stato magnifico rivedere tutti quei filmati. C’erano ore e ore di immagini mentre ridevamo e suonavamo”. The Beatles: Get Back uscirà il 4 settembre prossimo negli Stati Uniti e in Canada, seguito dal resto del mondo.

Galleria fotografica
Torna il concerto sul tetto dei Beatles - immagine 1
Torna il concerto sul tetto dei Beatles - immagine 2
Musica
Gli ultimi fuochi di Yoko Ono
Gli ultimi fuochi di Yoko Ono
A 87 anni, la vedova di John Lennon - costretta sulla sedia a rotelle e bisognosa di assistenza - sta svendendo il patrimonio immobiliare: “Sente che la fine della sua vita straordinaria si avvia alla conclusione”
Il mistero di Paul e di Abbey Road
Il mistero di Paul e di Abbey Road
Una teoria mai definitivamente smentita afferma che McCartney sia morto nel 1966 in un incidente stradale e che il suo posto tra i Beatles sia stato preso da un sosia. Molti indizi sulla copertina di uno degli ultimi dischi della band
Rolling Stones, la band dei record in una mostra
Rolling Stones, la band dei record in una mostra
Il Groninger Museum olandese ospita la prima tappa europea di “Rolling Stones – Unzipped”, una mostra che espone oltre 400 oggetti appartenenti alle collezioni private della band più longeva nella storia del rock
Addio a Ezio Bosso
Addio a Ezio Bosso
Il musicista torinese si è spento nella sua abitazione di Bologna: dal settembre scorso si era ritirato per un aggravamento della malattia che lo tormentava da quasi un decennio
«Fly Away», la voglia di libertà nel primo singolo di una band emergente
«Fly Away», la voglia di libertà nel primo singolo di una band emergente
Stavano incidendo un album che è rimasto in sospeso: era il sogno dei «The Why Not», una band torinese che ha deciso di lanciare una propria canzone dedicata a chi spera di volare lontano, lasciandosi alle spalle questo periodo buio
One World: #TogetherAtHome, la musica contro la pandemia
One World: #TogetherAtHome, la musica contro la pandemia
Voluto da Lady Gaga, capace di radunare decine di celebrità della scena musicale internazionale, il mega concerto in streaming ha visto alternarsi artisti che si sono esibiti da casa. I proventi devoluti all’OMS
Ancora una morte nella comunità dei rapper americani
Ancora una morte nella comunità dei rapper americani
La vittima è Chynna Rogers, 25 anni, considerata un astro nascente dell’hip-hop: a gennaio aveva pubblicato un nuovo EP dal titolo inquietante: “Nel caso morissi prima”
Il dramma della popstar Duffy
Il dramma della popstar Duffy
Era scomparsa di scena nel 2011, dopo appena tre anni di carriera: è ricomparsa con un lungo post in cui ha raccontato la traumatica esperienza che ha dovuto subire
Il rapper Pop Smoke ucciso nella sua abitazione
Il rapper Pop Smoke ucciso nella sua abitazione
Vent’anni, era considerato l’astro nascente della scena rap americana. Due uomini si sono introdotti di notte nella sua abitazione e hanno aperto il fuoco uccidendolo
James Brown è stato ucciso?
James Brown è stato ucciso?
Un procuratore distrettuale della Georgia ha annunciato l’avvio di un’indagine per stabilire le cause della morte della leggenda della musica R&B. Una donna avrebbe fornito numerose prove