Sabrina e Cosima: 'L'Europa ci aiuti'

| Madre e figlia condannate all'ergastolo non si rassegnano. Imminente l'esito del ricorso alla Corte di Strasburgo. L'avvocato Coppi: "Sabrina è innocente, in carcere da 10 anni. E' il mio tormento"

+ Miei preferiti
Di Maria Lopez

"Sabrina Misseri è l'angoscia della mia vita. La notte mi capita ancora di pensare a questa sciagurata e a sua madre”. L'avvocato Franco Coppi, difensore di Sabrina Misseri e della madre Cosima in carcere per l'omicidio di Sarah Scazzi, lo aveva rivelato al “Foglio” pochi giorni fa e ora cresce l’attesa per il giudizio della Corte di Strasburgo che aveva mesi fa ritenuto “ammissibile” il ricorso dei legali delle due assassine condannate all'ergastolo. "Ho la certezza assoluta della loro innocenza sarei pronto a giocarmi qualunque cosa. Non essere riuscito a dimostrarlo ha rovinato la mia vita di avvocato. Noi difensori non possiamo pretendere di vincere tutti i processi, non deteniamo il monopolio della verità e certe vicende si prestano a molteplici letture, d'accordo, ma nel caso di Sabrina Misseri no. Le prove della sua innocenza e della colpevolezza del padre reo confesso erano talmente schiaccianti che non riesco a capacitarmi di questo fallimento, il ricorso per Cassazione mi ha procurato una delusione insanabile. Questa ragazza sta in carcere da dieci anni: per me è un tormento”.

E’ il 26 agosto 2010, Avetrana, Puglia. Una ragazza di 18 anni, Sarah Scazzi, attorno alle 14 e 10 di un pomeriggio assolato, percorre a piedi le poche centinaia di metri che la separano dalla sua casa a quella della famiglia Misseri. Da quella massiccia costruzione gialla, protetta da un alto cancello di ferro, non uscirà viva. Qualcuno l’ha uccisa, strangolandola. All’interno di questo incrocio tra una casa colonica e una villa moresca, ci sono tre persone. O quantomeno, persone che gravitano nella proprietà. Michele Misseri, la moglie Cosima Serrano e la figlia Sabrina. Una di queste tre persone è l’assassino, oppure due persone insieme, oppure tutte e tre. Resta il fatto che il 6 ottobre, dopo settimane di febbrili ricerche, con Sabrina in tv che lancia appelli drammatici alla cugina (“Ti preghiamo, torna!”, insinuando anche che possa essere rimasta vittima di un sequestro), Misseri trova il suo cellulare bruciacchiato nelle campagne vicine; in caserma, dopo un interrogatorio di 9 ore, crolla e confessa: “L’ho stuprata e l’ho uccisa, il cadavere l’ho gettato in un pozzo”. Lo choc ad ad Avetrana, un poco ridente paese agricolo di 8 mila abitanti, lontano dal mare, affondato in una pianura rovente d’estate, la notizia fu lasciata cadere in modo indiretto, mentre i militari cercavano ancora riscontri. Che ci furono. Il corpo in avanzato stato di decomposizione era proprio quello di Sarah. 

Quello che è accaduto dopo in molti lo sanno. Gli inquirenti avevano trovato troppe contraddizioni nel racconto confuso di Misseri; alla fine fine si convincono che sì, il cadavere lo aveva fatto sparire lui ma ad uccidere è stata Sabrina con l’aiuto della madre. Sarah, biondina con gli occhi azzurri, era molto carina e molto fragile. Sabrina è un donnone dal fisico massiccio che la sovrastava di 20 centimetri. Sarah in quella casa ci era cresciuta, Cosima la considerava la “terza figlia”. Quel pomeriggio le ragazze avrebbero dovuto andare al mare, invece - come la sera prima in un pub - avevano litigato. Al centro del contrasto, Ivano Russo, un ragazzo che allora faceva il cuoco, una “bellezza” di paese, già incline al sovrappeso, robusto, sensibile e forse meno rozzo di molti suoi coetanei della zona. Ivano è la star della compagnia; Sabrina lo desidera e vuole fidanzarsi. Una sera, in auto, il  3 agosto, i due iniziano un rapporto sessuale ma lui si tira indietro “perchè non è convinto fino in fondo”. Intanto Sarah, a cui Sabrina da tempo confidava i suoi tormenti d’amore e la sua passione rimasta irrisolta, si era molto avvicinata a Ivano in quei giorni d’estate. Coccole, sguardi, incontri troppo frequenti per essere casuali. In Sabrina cresce una rabbia incontenibile. Ma come, proprio lei, la cuginetta-sorellina, che lei aveva imposto ai suoi amici, perché era in cattivi rapporti con la madre e nessuno se la filava, quella tipetta insignificante, senza personalità, che si permette di flirtare con il “meglio figo del bigoncio” su cui lei aveva già messo gli occhi addosso. Un tradimento inaccettabile. Sabrina trova un alleato nella madre, a sua volta indignata per il torto subito dalla figlia. Così, in quel pomeriggio silenzioso, le strade pressoché deserte, Sarah va incontro alla morte. Uccisa nel garage, oppure nel piano superiore. Sarah è uno scricciolo, le manone di Sabrina le hanno stretto il collo e in pochi secondi non respirava più. Le due donne non sanno che fare. Misseri dormiva in camera da letto, lo svegliano, gli spiegano e lui si presta a nascondere il cadavere nella campagna vicina. 

Questa lunga premessa è servita a spiegare che, come in altri casi giudiziari, c’è ancora un’ultima spiaggia per le due donne, condannate entrambe all’ergastolo, in primo, secondo grado e in Cassazione. Fra breve sarà resa nota la sentenza della Corte di Strasburgo a cui i difensori di madre e figlia, detenute modello, si sono affidati per ottenere almeno un giudizio favorevole alle loro tesi di una totale innocenza. Per loro l’assassino è papà Misseri che, dopo la confessione, ritrattò accusando la figlia, salvo poi ritrattare di nuovo attribuendosi ogni colpa. Mentì quando parlò di stupro perché Sarah non aveva subito alcun tipo di violenza sessuale. La condanna a 9 anni per occultamento di cadavere non gli è mai parsa sufficiente. Ma sperano anche in una revisione del processo. Non sarà facile. Intanto i giudici hanno respinta la richiesta di Sabrina di accedere alle misure alternative. Troppo presto. Sono passati solo 9 anni dal delitto.

Oltre la notizia
Ombre su Hansel&Gretel: iI soldi facili e i falsi disegni
Ombre su Hansel&Gretel: iI soldi facili e i falsi disegni
Il pm di Reggio Emilia ha ricostruito con i carabinieri ogni passaggio di una scandalo senza nome. Disegni dei bambini falsificati per dimostrare gli abusi subiti e l'uso (sbagliato) della "macchinetta dei ricordi"
Il cupo mistero di Bibbiano, più DEMONI che ANGELI
Il cupo mistero di Bibbiano, più DEMONI che ANGELI
Di Maio aveva messo sotto accusa il PD ritenendolo responsabile dei (presunti) orrori degli affidamenti dei minori in Emilia. Mai i giudici hanno respinto questa tesi: "le responsabilità sono solo individuali". Come va l'inchiesta. Video
Bossetti è Ignoto1, il killer di Yara
ma ancora c'è chi non lo crede
Bossetti è Ignoto1, il killer di Yara<br>ma ancora c
Il Dna del muratore di Mapello era sui vestiti e gli indumenti di Yara Gambirasio, la ragazzina uccisa nel 2011 ma torna alla ribalta la storia della colf della famiglia, legata all'autista Giuseppe Guerinoni, padre naturale del killer
Investiti e uccisi, il mistero del lunotto infranto
Investiti e uccisi, il mistero del lunotto infranto
Potrebbero spuntare altri indagati nelle indagini su Matteo Scapin, il 33enne che alla guida della sua Mini ha tamponato la Vespa con a bordo Luca Carissimi e Matteo Rossi. Chi ha distrutto il vetro? Ieri funerali con migliaia di persone
La gang della Lanterna Blu: 'Ciao assassino come stai?'
La gang della Lanterna Blu:
Intercettati e poi arrestati per decine di furti di catenine, i 7 ragazzi di Modena e dintorni scherzavano sui morti che avevano causato spruzzando gas nel locale gremito. L'incontro con Sfera Ebbasta e il colpo a Disneyland France
Colpo di scena al processo Macchi
Colpo di scena al processo Macchi
L’avvocato di parte civile chiede la ricusazione del collegio giudicante per “manifesta anticipazione del giudizio”
Toffa-haters: "Che due c... per la pubblicità di un tumore"
Toffa-haters: "Che due c... per la pubblicità di un tumore"
Alex Fodde, l'ultimo emulo di Carlo Ponzi
Alex Fodde, l
Il 28enne svizzero-sardo è riuscito a convincere decine di risparmiatori italiani ad affidargli somme ingenti in cambio di interessi stratosferici. E' stato arrestato, dei 3 milioni e mezzo incassati ritrovate solo le briciole
L'ombra di Hamer sulla morte di Eleonora
L
Condannati i genitori seguaci del medico tedesco poi radiato che curava i tumori con vitamine, cortisone e sedute psichiatriche. Iniezioni di acqua di mare al posto della chemio. La madre: "Rifarei tutto"
Eutanasia, l'ora dei depressi 'suicidati'
Eutanasia, l
Il caso di Noa, la 17enne, morta suicida in Olanda, depressa per le violenze subite nell'infanzia non è il solo. In Italia Lucio Magri andò in Svizzera per morire. E a marzo una 47enne catanese ha fatto la stesso. Ma c'è un'inchiesta