Toffa-haters: "Che due c... per la pubblicità di un tumore"

|

+ Miei preferiti
Di Maria Lopez

“Io e Totò unite contro l’afa”. Risposta: “Ma sei ancora in vita con sto caldo? Che due co***ni per pubblicità di un tumore. Anche mia cugina a febbraio è deceduta per un cancro, ma non l’ha fatto penare a nessuno”. Replica: “Agli str**zi che mi danno per morta o mi augurano la morte con fake news dico che ferite soprattutto la mia dolcissima mamma”.

Nadia Toffa ha fatto una scelta che non si può giudicare dal mondo astratto dei sani, almeno sino a quando lo restano, perchè - generalmente - dopo si riflette di più e si giudicano assai meno gli altri. Ammalatasi di una forma aggressiva di cancro, Nadia ha scelto da anni di condividere il decorso della sua malattia con milioni di followers. Nei primi tempi, sui social, ogni giorno o quasi un post in cui scriveva le tappe del quotidiano calvario dei malati oncologici. Lo choc della scoperta, le speranze, le amarezze, gli amori che se ne vanno indifferenti o spaventati dalle sofferenze, e anche un certo modo spavaldo nell’affrontare terapie, lo choc della recidiva, l’intensificarsi delle chemio. Ogni silenzio social viene seguito con morbosa attesa dai followers. In maggioranza sono tanti quelli che trepidano per le sorti della bella giornalista di Mediaset, ma molti altri provano un altrettanto morboso piacere nell'immergersi nei suoi guai, come quei parenti di un malato che dopo decenni di distacco diventano stranamente famelici di particolari e dettagli spiacevoli sulla sofferenza, sulla prognosi, e meglio ancora è se infausta. 

La conduttrice de Le Iene, nell’ultima foto con la cagnolino Totò che divide con lei la vita di malato, appare al solito raggiante, come se tutto andasse magnificamente bene. Ma gli haters da tastiera sono sempre in agguato. Ci sono siti che utilizzano testate con nomi simili alle vere che ne vanno a caccia con grande attenzione, sicuri di portare a casa molti contatti. I tastieristi “buoni” si indignano e la difendono dalla cattiveria. “Il tuo cane vivrà più di te”, le scrive un sedicente ragazzo, ammesso che non sia un profilo fake. Lei questa volta non ha reagito. “In bocca al lupo a tutti quelli che stanno combattendo. E non solo una malattia, la vita ci sfida di continuo. Vi voglio bene assai”. 

Oltre la notizia
Agenti uccisi a Trieste, l’ora dei veleni
Agenti uccisi a Trieste, l’ora dei veleni
In un copione tipicamente italiano, una tragedia finisce per trasformarsi in accuse, male parole e polemiche. Ricostruita con chiarezza la vicenda e smentita una notizia: l’uccisore non ha problemi mentali. Era lucidissimo
I due agenti avevano
problemi con le fondine?
I due agenti avevano<br>problemi con le fondine?
È la prima ipotesi sulla possibile dinamica scaturita nella sparatoria che ieri pomeriggio, all'interno della Questura di Trieste, è costata la vita agli agenti Pierluigi Rotta, 34 anni, e Matteo De Menego, di 30
Thomas Cook e la fenomenologia del turismo
Thomas Cook e la fenomenologia del turismo
Un’analisi sul fenomeno del turismo di massa, ormai considerato quasi un allarme da diverse località. In mezzo il tramonto delle agenzie di viaggio e l’avanzare del web per prenotare ogni cosa
Malati-cavie di Alzheimer e Parkinson
Malati-cavie di Alzheimer e Parkinson
Si allarga lo scandalo delle sperimentazioni illegali a base di melatonina in Francia. Sotto accusa il Fonds Josefa. La magistratura apre un'inchiesta. Quanti altri casi simili? Malati "curato" con cerotti, poi le analisi del sangue
Ombre su Hansel&Gretel: iI soldi facili e i falsi disegni
Ombre su Hansel&Gretel: iI soldi facili e i falsi disegni
Il pm di Reggio Emilia ha ricostruito con i carabinieri ogni passaggio di una scandalo senza nome. Disegni dei bambini falsificati per dimostrare gli abusi subiti e l'uso (sbagliato) della "macchinetta dei ricordi"
Il cupo mistero di Bibbiano, più DEMONI che ANGELI
Il cupo mistero di Bibbiano, più DEMONI che ANGELI
Di Maio aveva messo sotto accusa il PD ritenendolo responsabile dei (presunti) orrori degli affidamenti dei minori in Emilia. Mai i giudici hanno respinto questa tesi: "le responsabilità sono solo individuali". Come va l'inchiesta. Video
Bossetti è Ignoto1, il killer di Yara
ma ancora c'è chi non lo crede
Bossetti è Ignoto1, il killer di Yara<br>ma ancora c
Il Dna del muratore di Mapello era sui vestiti e gli indumenti di Yara Gambirasio, la ragazzina uccisa nel 2011 ma torna alla ribalta la storia della colf della famiglia, legata all'autista Giuseppe Guerinoni, padre naturale del killer
Sabrina e Cosima: 'L'Europa ci aiuti'
Sabrina e Cosima:
Madre e figlia condannate all'ergastolo non si rassegnano. Imminente l'esito del ricorso alla Corte di Strasburgo. L'avvocato Coppi: "Sabrina è innocente, in carcere da 10 anni. E' il mio tormento"
Investiti e uccisi, il mistero del lunotto infranto
Investiti e uccisi, il mistero del lunotto infranto
Potrebbero spuntare altri indagati nelle indagini su Matteo Scapin, il 33enne che alla guida della sua Mini ha tamponato la Vespa con a bordo Luca Carissimi e Matteo Rossi. Chi ha distrutto il vetro? Ieri funerali con migliaia di persone
La gang della Lanterna Blu: 'Ciao assassino come stai?'
La gang della Lanterna Blu:
Intercettati e poi arrestati per decine di furti di catenine, i 7 ragazzi di Modena e dintorni scherzavano sui morti che avevano causato spruzzando gas nel locale gremito. L'incontro con Sfera Ebbasta e il colpo a Disneyland France