Ava, la candidata che mancava

| Starlet croata passata dai paginoni centrali di Playboy, Ava Karabatic ha deciso di candidarsi come indipendente alle presidenziali del 2020. Il suo programma è semplice: sesso e marijuana per tutti

+ Miei preferiti
Guardatela bene, poi per favore non facciamoci riconoscere: niente battute e commenti scollacciati, perché la signora nelle foto potrebbe essere la prossima presidentessa della Croazia.

Si chiama Ava Karabatic, ha 31 anni e al momento non è semplice rintracciare foto in cui appare con qualcosa di casto addosso. Ma questo non vuol dire niente, ovvio, anche perché Ava su quella roba lì ci ha costruito una carriera: in patria è conosciuta per aver posato senza veli su “Playboy”, e il passaggio le è bastato per trasformarla in un volto noto della televisione croata, una di quelle prezzemoline che vanno ovunque, discutono su tutto e alla fine emettono regolare fattura.

Stanca delle politica del suo paese, Ava ha preso la situazione di petto – ehm – annunciando la propria candidatura come indipendente alle presidenziali del 2020 attraverso il suo profilo Instagram, seguito da 60mila sbavanti. Il suo programma è semplice e volendo non fa una piega, anzi: legalizzazione immediata della marijuana, della prostituzione e aborto libero, ma non oltre la sesta settimana di gravidanza. Fra i punti salienti l’abbassamento delle tasse, ma questo è un sempreverde che in politica non può mancare mai.

“Ho deciso di candidarmi come presidente, perché la politica è il mio secondo amore. E non posso più stare a guardare le brutte cose che accadono nel mio paese: i giovani che se ne vanno e il tasso di natalità in calo. Sono convinta che sarei un ottimo presidente, perché so di cosa ha bisogno la gente: la marijuana ha un effetto curativo e il sesso può guarire da depressioni e frustrazioni”.

Poi, anticipando le critiche, ammette: “So che avrò molti commenti ironici perché sono una starlet, ma soltanto da gente che ignora il mio lato intellettuale: sono professoressa di lingua italiana e letteratura romana, ho scritto un’autobiografia, un romanzo, sono la protagonista di un film che nei cinema da mesi e oltre a recitare sono anche una pittrice”.

Se tutto questo andasse veramente in porto, Ava dovrà vedersela con Kolinda Grabar-Kitarović, prima donna presidente della Croazia che ha già annunciato di volersi ricandidare. Una signora altrettanto bionda e bella, ma con un curriculum ben diverso: a scuola era una secchiona, è sposata, ha due figli e 50 anni suonati.

Galleria fotografica
Ava, la candidata che mancava - immagine 1
Ava, la candidata che mancava - immagine 2
Ava, la candidata che mancava - immagine 3
Ava, la candidata che mancava - immagine 4
Ava, la candidata che mancava - immagine 5
Ava, la candidata che mancava - immagine 6
Ava, la candidata che mancava - immagine 7
Ava, la candidata che mancava - immagine 8
Ava, la candidata che mancava - immagine 9
Ava, la candidata che mancava - immagine 10
Ava, la candidata che mancava - immagine 11
Ava, la candidata che mancava - immagine 12
Ava, la candidata che mancava - immagine 13
Politica
Il mondo voluto da Donald Trump
Il mondo voluto da Donald Trump
Un’analisi sui rapporti, le visioni e le pretese del presidente americano sui temi più importanti che ha affrontato nei suoi quattro anni alla Casa Bianca. L’immagine vigorosa dell’America è in netto calo ovunque
Pence VS Harris, è l’ora dei vice
Pence VS Harris, è l’ora dei vice
Grande attesa per il dibattito dei due candidati alla vicepresidenza, uno scontro fra personaggi diversi, con caratteri forti e l’obbligo di essere più concreti dei loro capi
Europa e Stati Uniti, storia di un amore finito
Europa e Stati Uniti, storia di un amore finito
Trump e i suoi ambasciatori stanno sgretolando la fiducia dell’Europa verso gli Stati Uniti, ormai considerati un partner inaffidabile. Un danno che potrebbe essere irreparabile
Referendum e regionali, cosa dicono all’estero
Referendum e regionali, cosa dicono all’estero
I media internazionali, più che dare spazio agli esiti del referendum, analizzano la sconfitta di Salvini e l’exploit di Zaia. Il governo Conte, secondo gli esperti, ne esce rafforzato
Kamala Harris, la donna che ha sempre lottato
Kamala Harris, la donna che ha sempre lottato
Nel suo primo discorso dopo l’investitura alla possibile vicepresidenza, l’ex procuratore ha tuonato contro Trump ricordando la vita difficile di Biden, “un uomo che pensa prima agli altri che a se stesso, l’esatto contrario del presidente”
Fuochi di rivolta, sanzioni e dimissioni
Fuochi di rivolta, sanzioni e dimissioni
Le tensioni dopo la firma dell’Autonomy Act su Hong Kong da parte di Trump, le dimissioni del premier tunisino e la crisi del governo, contestazioni e manifestazioni contro Putin in Russia: un luglio caldo per la politica internazionale
USA-UE, storia di un rapporto in crisi
USA-UE, storia di un rapporto in crisi
Le crepe dell’alleanza transatlantica diventano sempre più evidenti: il calo di interesse americano verso l’Europa era iniziato con Obama, ma si è addirittura incattivito con Trump
Donald all’angolo
Donald all’angolo
Dopo la rivolta dei generali e del Pentagono, il presidente alle prese con l’inizio dello sbriciolamento nelle file dei Repubblicani, con molti dei “suoi” alleati di partito pronti a girargli le spalle
Dove governano le donne, il virus non è un problema
Dove governano le donne, il virus non è un problema
Alcune delle poche donne premier al mondo stanno facendo un lavoro egregio nella gestione della pandemia. Gli esempi di Taiwan, Germania e Nuova Zelanda, ma anche i più madornali errori di loro colleghi uomini
La scommessa dello zar Vladimir
La scommessa dello zar Vladimir
Putin sfrutta la pandemia per acquistare credibilità sia in patria sia a livello internazionale per ricoprire un ruolo da protagonista – se sarà rieletto – nel prossimo scenario globale. E se i suoi scienziati trovassero il vaccino…