Carola libera e la strage di profughi in Libia

| La liberazione della capitana Carola fa infuriare Salvini. Ma la strage di profughi in Libia fa riflettere sugli "approdi sicuri" su cui dirottare i naufraghi. Un tema divisivo sempre più intricato. Nota di Moavero: "Sono sgomento"

+ Miei preferiti

La notizia è di stanotte e abbiamo voluto ragionarci un po’ su, prima di pubblicare. Almeno 40 persone sono morte e 80 rimaste ferite in un raid aereo che ha colpito un centro di detenzione per migranti illegali a Tagiura, vicino Tripoli. In un comunicato, il governo appoggiato da Onu e Stati Uniti accusa del bombardamento il sedicente Esercito nazionale libico guidato dal generale Khalifa Haftar. Il nostro ministro degli Esteri, Moavero, commenta: "Apprendo, con sgomento, del bombardamento notturno a Tajoura, nei pressi di Tripoli, che ha colpito un centro per migranti, causando la morte di decine di persone, tra i quali donne e bambini. Un'ulteriore tragedia che mostra l'atroce impatto della guerra sulla popolazione civile. La netta condanna dei bombardamenti indiscriminati di aree civili, si accompagna all'appello a fermare un aggravarsi delle ostilità che mette continuamente in gravissimo pericolo vite umane e distrugge infrastrutture essenziali per la popolazione. Occorre garantire, immediatamente, misure di seria protezione per i civili e, in particolare, trasferire i migranti che si trovano nelle strutture di raccolta in luoghi al sicuro dai combattimenti e sotto la tutela delle Nazioni Unite”.

Come non legare quanto accaduto a uno dei temi più divisivi e laceranti, qui in Italia, al sicuro dai bombardmenti, cioè l’immigrazione? Salvini insiste. I naufraghi, una volta in salvo, vadano altrove, anche in Libia e in Tunisia. Ma possono essere definiti approdi sicuri le aree e porti nordafricani? La strage di Tagiura suona come una risposta indiretta al governo giallo-verde, una volta tanto coeso. Di certo, la politica della chiusura dei porti italiani non convince tutti, anche nel centro-destra, e anche se il conflitto sulla Sea Watch ha prodotto, in base ai sondaggi, un’ulteriore crescita di potenziali consensi alla Lega.

Il gip di Agrigento intanto non ha convalidato l'arresto della comandante della Sea Watch Carola Rackete e non ha disposto nei confronti della giovane tedesca nessuna misura cautelare. La Procura aveva chiesto la convalida del provvedimento e il divieto di soggiorno in provincia di Agrigento. Carola dunque torna libera.

La reazione di Salvini è stata durissima: ”Per la magistratura italiana ignorare le leggi e speronare una motovedetta della Guardia di Finanza non sono motivi sufficienti per andare in galera. Nessun problema: per la comandante criminale Carola Rackete è pronto un provvedimento per rispedirla nel suo Paese perché pericolosa per la sicurezza nazionale. Non ho parole. Cosa bisogna fare per finire in galera in Italia?. Mi vergogno di chi permette che in questo paese arriva il primo delinquente dall'estero e disubbidisce alle leggi e mette a rischio la vita dei militari che fanno il loro lavoro. Se stasera una pattuglia intima l'alt su una strada italiana chiunque è tenuto a tirare diritto e speronare un'auto della polizia. Pessimo segnale signor giudice”. Difficile schierarsi, ci sono ragioni molto convincenti per sostenere una tesi o un’altra opposta.

Politica
Referendum e regionali,
cosa dicono all’estero
Referendum e regionali,<br>cosa dicono all’estero
I media internazionali, più che dare spazio agli esiti del referendum, analizzano la sconfitta di Salvini e l’exploit di Zaia. Il governo Conte, secondo gli esperti, ne esce rafforzato
Kamala Harris, la donna che ha sempre lottato
Kamala Harris, la donna che ha sempre lottato
Nel suo primo discorso dopo l’investitura alla possibile vicepresidenza, l’ex procuratore ha tuonato contro Trump ricordando la vita difficile di Biden, “un uomo che pensa prima agli altri che a se stesso, l’esatto contrario del presidente”
Fuochi di rivolta, sanzioni e dimissioni
Fuochi di rivolta, sanzioni e dimissioni
Le tensioni dopo la firma dell’Autonomy Act su Hong Kong da parte di Trump, le dimissioni del premier tunisino e la crisi del governo, contestazioni e manifestazioni contro Putin in Russia: un luglio caldo per la politica internazionale
USA-UE, storia di un rapporto in crisi
USA-UE, storia di un rapporto in crisi
Le crepe dell’alleanza transatlantica diventano sempre più evidenti: il calo di interesse americano verso l’Europa era iniziato con Obama, ma si è addirittura incattivito con Trump
Donald all’angolo
Donald all’angolo
Dopo la rivolta dei generali e del Pentagono, il presidente alle prese con l’inizio dello sbriciolamento nelle file dei Repubblicani, con molti dei “suoi” alleati di partito pronti a girargli le spalle
Dove governano le donne, il virus non è un problema
Dove governano le donne, il virus non è un problema
Alcune delle poche donne premier al mondo stanno facendo un lavoro egregio nella gestione della pandemia. Gli esempi di Taiwan, Germania e Nuova Zelanda, ma anche i più madornali errori di loro colleghi uomini
La scommessa dello zar Vladimir
La scommessa dello zar Vladimir
Putin sfrutta la pandemia per acquistare credibilità sia in patria sia a livello internazionale per ricoprire un ruolo da protagonista – se sarà rieletto – nel prossimo scenario globale. E se i suoi scienziati trovassero il vaccino…
Ava, la candidata che mancava
Ava, la candidata che mancava
Starlet croata passata dai paginoni centrali di Playboy, Ava Karabatic ha deciso di candidarsi come indipendente alle presidenziali del 2020. Il suo programma è semplice: sesso e marijuana per tutti
Trump, la strada verso l’impeachment
Trump, la strada verso l’impeachment
Lo scandalo delle richieste sul figlio di Biden fatte al presidente ucraino sta costringendo i Democratici ad affrontare il percorso difficile e tortuoso della messa in stato d’accusa
Gli amici di Di Maio-Di Battista sfasciano tutto
Gli amici di Di Maio-Di Battista sfasciano tutto
Tornano in piazza i Gilet Gialli e mettono a ferro e fuoco il centro di Parigi. Volto mascherato e barricate. Chiudono musei e le zone centrali più freqeuntate. 65 i fermi. Macron "Dialogo s' ma basta violenze"