Germania: un neonazista eletto all’unanimità

| Stefan Jagsch, militante del partito di estrema destra NPD, nominato presidente del consiglio comunale di un comune dell’Assia. La furiosa reazione di Berlino

+ Miei preferiti
Da nord a sud, la Germania si indigna: per la prima volta dal dopoguerra ad oggi, un militante neonazista è stato eletto all’unanimità in una carica pubblica. Si chiama Stefan Jagsch, ha 33 anni, da diverso tempo è sotto osservazione dei servizi segreti e milita nelle file di “NPD”, il Partito Nazionaldemocratico tedesco, dichiaratamente di estrema destra e da buona parte della Germania considerato dannoso e pericoloso per l’immagine del Paese per una “retorica usata al tempo del Terzo Reich che equipara l’immigrazione al genocidio della razza teutonica”. Una formazione politicamente scorretta guidata fino al 2014 dell’ex pornostar Kitty Blair, al secolo Ina Groll, espulsa perché in uno dei suoi video aveva fatto sesso con un uomo di colore. Lo stesso Jagsch è noto per le durissime posizioni contro i migranti, malgrado dopo un incidente stradale fosse stato soccorso da alcuni rifugiati siriani.

Jagsch, primo a rompere l’isolamento, è stato designato presidente del consiglio comunale di Altenstadt, comune dell’Assia a poca distanzia da Francoforte, e ora la preoccupazione monta in tutto il paese. Il fuoco di fila dell’indignazione ha coinvolto anche CDU ed SPD, i due partiti alleati di governo, che hanno bollato come “incomprensibile e imperdonabile” il sostegno dato al militante di NPD dai loro rappresentanti locali. Qualcuno ha parlato di “giorno terribile per il Paese” e il pasticcio sembra solo all’inizio: uno dei consiglieri SPD di Altenstadt, Ali Riza Agdas, di origini turche, ha preferito rassegnare le proprie dimissioni, travolto dalle email furiose degli esponenti del suo partito dopo aver dichiarato di aver votato Jagsch perché lo conosce da tempo “ed è un ottimo ragazzo”. Grande al contrario la soddisfazione della formazione neonazista, che parla di “svolta storica per la Germania”, assicurando che non esisterà a ricorrere al tribunale nel caso a qualcuno venisse in mente di invalidare la nomina.

Politica
"Non vi fidate dei Dem, sono i più pericolosi..."
"Non vi fidate dei Dem, sono i più pericolosi..."
In un lungo post, Alessandro Di Battista, l'anima pop dei grillini, m attacca ad alzo zero l'alleanza giallo-rossa. Dice di non volere destabilizzare il governo ma molti attivisti sono già con lui
Trump potrebbe non ricandidarsi?
Trump potrebbe non ricandidarsi?
È un’analisi fatta da alcuni commentatori politici vicini alla Casa Bianca: il presidente sarebbe stanco e nauseato dall’esperienza politica, oltre a temere la sconfitta e l’impechment
"Le 10 Fake News contro Rousseau"
"Le 10 Fake News contro Rousseau"
Il blog M5s risponde alle accuse mosse da più media sulla piattaforma Rousseau in vista della consultazione sul governo giallo rosso
Rousseau, i dati, i numeri, il potere e il si/no ai giallo-rossi
Rousseau, i dati, i numeri, il potere e il si/no ai giallo-rossi
Salvini è sessista, replica: 'Vada sulle Ong'
Salvini è sessista, replica:
Feroce polemica tra il sottosegretario grillino Spadafora e Matteo Salvini, a proposito di Carola. Di Maio: "Tanto casino per un'intervista"
La protesta del milkshake
La protesta del milkshake
Il frappè ha sostituito le uova nelle proteste degli inglesi contro la propria classe politica: fra i più colpiti i rappresentanti dell’estrema destra e quelli favorevoli alla Brexit
Ruba un panino, parlamentare si dimette
Ruba un panino, parlamentare si dimette
Lo sloveno Darij Krajcic, 54 anni, centro sinistra, si giustifica: "E' stato un esperimento per testare la sicurezza del market". Il furto in pausa pranzo. Costretto alle dimissioni. I social: "Ladro"
Un anno vissuto mediaticamente
Un anno vissuto mediaticamente
Il governo, dopo le promesse fatte in campagna elettorale, non ha fatto nulla per realizzare davvero i cambiamenti annunciati nel contratto, attuati soltanto nel 12 per cento dei casi
La campagna elettorale? Su PornHub
La campagna elettorale? Su PornHub
È la scelta insolita e perfino ironica di Joachim Olsen, candidato alle politiche danesi del prossimo 5 giugno ed ex pesista olimpico
Izabella, la sovranista anti Greta
Izabella, la sovranista anti Greta
Svedese anche lei, si sta facendo conoscere per le posizioni sovraniste che piacciono agli ambienti di destra. Per lei non ha senso parlare di migranti, sinistra, ambiente e rivoluzione gender