La campagna elettorale? Su PornHub

| È la scelta insolita e perfino ironica di Joachim Olsen, candidato alle politiche danesi del prossimo 5 giugno ed ex pesista olimpico

+ Miei preferiti
Secondo l’Amleto di Shakespeare, in Danimarca c’era del marcio. Secoli dopo, per Joachim Olsen, il marcio non c’entra: è tutta una questione di marketing.

Joachim B. Olsen, giusto per capire il personaggio, è un ex pesista e discobolo olimpico che vanta un primato personale di 21,61 metri in outdoor e 21,63 in indoor: quanto basta per meritarsi il 48esimo e il 18esimo posto delle graduatorie mondiali di tutti i tempi. Nel 2009, a 32 anni, Joachim - detto “Jokke” - abbandona la carriera sportiva e si dedica ad allenare i giovani. Poi, di colpo, scopre la passione per la politica. Candidato al “Folketing”, il parlamento danese, nel 2011 viene eletto nelle file di “Alleanza Liberale”, il partito di centrodestra.



Il 5 giugno, qualche giorno dopo le elezioni europee, in Danimarca si vota per le politiche. E come in tutti i paesi del mondo, i candidati si spremono le meningi per avvicinare quanti più potenziali elettori sia possibile. Fra coloro che corrono per tornare al Folketing c’è anche Joachim B. Olsen, autore di quella che probabilmente è la campagna elettorale più strana, bislacca e insolita di sempre. Invece di dannarsi l’anima per organizzare comizi, stampare manifesti e pietire un passaggio in tivù, Jokke ha fatto una pensata unica, e anche coraggiosa: comprare banner pubblicitari su “PornHub”, il celebre sito web canadese dai contenuti pornografici. Inevitabile: la scelta ha finito per far parlare di Holsen molto più di quanto avrebbe potuto sperare.



Lui stesso, sulle sue pagine social, ha confermato di aver ideato e sottoscritto di persona la campagna, affermando con piglio sicuro che “Un politico dev’essere dove sono gli elettori”. E se questi invece di subirsi i comizi preferiscono impegnare il proprio tempo fra i video porno, allora tanto vale turarsi il naso ed essere anche lì. Dalla sua ci sono i numeri: 100 milioni di visite al giorno e sito al 28esimo posto in Danimarca per traffico di utenti. Poi la precisazione, a scanso di equivoci: “Il mio programma elettorale è serissimo. Questa è solo la parte giocosa e divertente: spero che la gente si faccia una bella risata”.

E incredibilmente, pare che la scelta sia piaciuta ai social, anche se le battute non mancano, come “Per votarmi usa l’altra mano”.

Galleria fotografica
La campagna elettorale? Su PornHub - immagine 1
La campagna elettorale? Su PornHub - immagine 2
Politica
Quelli che ancora non riconoscono Biden
Quelli che ancora non riconoscono Biden
Putin, Xi Jinping, Erdogan, Bolsonaro e López Obrador: i 5 uomini forti che avevano stretto ottimi rapporti con Trump, non hanno ancora riconosciuto la vittoria di Joe Biden. Il loro silenzio la dice lunga
Il mondo voluto da Donald Trump
Il mondo voluto da Donald Trump
Un’analisi sui rapporti, le visioni e le pretese del presidente americano sui temi più importanti che ha affrontato nei suoi quattro anni alla Casa Bianca. L’immagine vigorosa dell’America è in netto calo ovunque
Pence VS Harris, è l’ora dei vice
Pence VS Harris, è l’ora dei vice
Grande attesa per il dibattito dei due candidati alla vicepresidenza, uno scontro fra personaggi diversi, con caratteri forti e l’obbligo di essere più concreti dei loro capi
Europa e Stati Uniti, storia di un amore finito
Europa e Stati Uniti, storia di un amore finito
Trump e i suoi ambasciatori stanno sgretolando la fiducia dell’Europa verso gli Stati Uniti, ormai considerati un partner inaffidabile. Un danno che potrebbe essere irreparabile
Referendum e regionali, cosa dicono all’estero
Referendum e regionali, cosa dicono all’estero
I media internazionali, più che dare spazio agli esiti del referendum, analizzano la sconfitta di Salvini e l’exploit di Zaia. Il governo Conte, secondo gli esperti, ne esce rafforzato
Kamala Harris, la donna che ha sempre lottato
Kamala Harris, la donna che ha sempre lottato
Nel suo primo discorso dopo l’investitura alla possibile vicepresidenza, l’ex procuratore ha tuonato contro Trump ricordando la vita difficile di Biden, “un uomo che pensa prima agli altri che a se stesso, l’esatto contrario del presidente”
Fuochi di rivolta, sanzioni e dimissioni
Fuochi di rivolta, sanzioni e dimissioni
Le tensioni dopo la firma dell’Autonomy Act su Hong Kong da parte di Trump, le dimissioni del premier tunisino e la crisi del governo, contestazioni e manifestazioni contro Putin in Russia: un luglio caldo per la politica internazionale
USA-UE, storia di un rapporto in crisi
USA-UE, storia di un rapporto in crisi
Le crepe dell’alleanza transatlantica diventano sempre più evidenti: il calo di interesse americano verso l’Europa era iniziato con Obama, ma si è addirittura incattivito con Trump
Donald all’angolo
Donald all’angolo
Dopo la rivolta dei generali e del Pentagono, il presidente alle prese con l’inizio dello sbriciolamento nelle file dei Repubblicani, con molti dei “suoi” alleati di partito pronti a girargli le spalle
Dove governano le donne, il virus non è un problema
Dove governano le donne, il virus non è un problema
Alcune delle poche donne premier al mondo stanno facendo un lavoro egregio nella gestione della pandemia. Gli esempi di Taiwan, Germania e Nuova Zelanda, ma anche i più madornali errori di loro colleghi uomini