La protesta del milkshake

| Il frappè ha sostituito le uova nelle proteste degli inglesi contro la propria classe politica: fra i più colpiti i rappresentanti dell’estrema destra e quelli favorevoli alla Brexit

+ Miei preferiti
“Era un frappè alla banana e caramello con un pizzico sale”: Paul Crowther, 32enne di Newcastle, ha spiegato ai cronisti cosa c’era nel bicchiere lanciato contro Nigel Farage, il leader di UKIP che aveva appena terminato un comizio per le europee dello scorso 26 maggio. Crowther, arrestato subito dopo, e si è difeso dicendo che la marea di scemenze appena sentite lo aveva indignato al punto da immolare il suo milkshake: “Il razzismo che Farage ha scatenato in questo paese sono molto più pericolosi di un frappè sulla fronte”.

È soltanto uno dei tanti esempi di un fenomeno di protesta politica molto inglese che ha già trovato una definizione con tanto di hashtag: #SplashTheFash. Al netto della traduzione: Schizza i Fascisti. A farne le spese sono soprattutto i rappresentanti della destra e chi predica la Brexit. Tradizionalmente, gli inglesi per certe cose amavano le uova: le immagini di decine di politici ricoperti di tuorli & albume vagano ancora oggi sul web. Ma il milkshake offre diversi vantaggi in più: con una confezione di uova in mano si corre il rischio di essere fermati dalla polizia, mentre un innocente bicchiere di bibita con la cannuccia è quanto di più innocuo possa esistere e in più, secondo il parere di Kevin Featherstone, professore di politica europea alla London School of Economics, “Il politico raggiunto dal milkshake lo rende ridicolo, distrugge la sua aura: è un modo per dire non mi rappresenti e non sposo la tua politica, al punto da volerti lavare con il latte, l’alimento bianco per eccellenza, simbolo di purezza”.

Tutto è iniziato intorno alla metà di aprile, al termine di un comizio di Tommy Robinson, nome d’arte di Christopher Lennon, fondatore dell’English Defense League, che si è beccato il primo di una lunga fila di milkshake. A breve distanza Carl Benjamin, candidato dell’UKIP e misogino conosciuto per aver liquidato l’avversaria politica Jess Philips con una frase che aveva scatenato l’indignazione popolare e un’inchiesta della magistratura inglese: “Non ti stuprerei nemmeno”. Nel frattempo, Tommy Robinson di bicchierate di milkshake ne ha ricevute altre, mentre il suo collega dell’UKIP Mark Meechan ha messo le mani avanti, assicurando che “Chiunque si avvicini a me con un milkshake in mano sarà costretto a mangiare con la cannuccia per i prossimi mesi”.

E se il mondo politico anglosassone si schierava compatto e bipartisan nel condannare l’uso improprio del milkshake, a cominciare da Theresa May, che ha definito “inaccettabile” il gesto, assicurando una ferma reazione della polizia, Farage, fra i più colpiti, ha iniziato a prendere le contromisure: a Edimburgo, in occasione di un suo comizio, la polizia ha vietato la vendita di milkshake a tutti i locali della zona. Per contro, c’è chi invece la protesta del frappè la cavalca: Burger King ha tappezzato la città scozzese di cartelloni che ironicamente recitano “È il week end del nostro frappè: divertitevi”.

Galleria fotografica
La protesta del milkshake - immagine 1
La protesta del milkshake - immagine 2
Politica
Fuochi di rivolta, sanzioni e dimissioni
Fuochi di rivolta, sanzioni e dimissioni
Le tensioni dopo la firma dell’Autonomy Act su Hong Kong da parte di Trump, le dimissioni del premier tunisino e la crisi del governo, contestazioni e manifestazioni contro Putin in Russia: un luglio caldo per la politica internazionale
USA-UE, storia di un rapporto in crisi
USA-UE, storia di un rapporto in crisi
Le crepe dell’alleanza transatlantica diventano sempre più evidenti: il calo di interesse americano verso l’Europa era iniziato con Obama, ma si è addirittura incattivito con Trump
Donald all’angolo
Donald all’angolo
Dopo la rivolta dei generali e del Pentagono, il presidente alle prese con l’inizio dello sbriciolamento nelle file dei Repubblicani, con molti dei “suoi” alleati di partito pronti a girargli le spalle
Dove governano le donne, il virus non è un problema
Dove governano le donne, il virus non è un problema
Alcune delle poche donne premier al mondo stanno facendo un lavoro egregio nella gestione della pandemia. Gli esempi di Taiwan, Germania e Nuova Zelanda, ma anche i più madornali errori di loro colleghi uomini
La scommessa dello zar Vladimir
La scommessa dello zar Vladimir
Putin sfrutta la pandemia per acquistare credibilità sia in patria sia a livello internazionale per ricoprire un ruolo da protagonista – se sarà rieletto – nel prossimo scenario globale. E se i suoi scienziati trovassero il vaccino…
Ava, la candidata che mancava
Ava, la candidata che mancava
Starlet croata passata dai paginoni centrali di Playboy, Ava Karabatic ha deciso di candidarsi come indipendente alle presidenziali del 2020. Il suo programma è semplice: sesso e marijuana per tutti
Trump, la strada verso l’impeachment
Trump, la strada verso l’impeachment
Lo scandalo delle richieste sul figlio di Biden fatte al presidente ucraino sta costringendo i Democratici ad affrontare il percorso difficile e tortuoso della messa in stato d’accusa
Gli amici di Di Maio-Di Battista sfasciano tutto
Gli amici di Di Maio-Di Battista sfasciano tutto
Tornano in piazza i Gilet Gialli e mettono a ferro e fuoco il centro di Parigi. Volto mascherato e barricate. Chiudono musei e le zone centrali più freqeuntate. 65 i fermi. Macron "Dialogo s' ma basta violenze"
"Non vi fidate dei Dem, sono i più pericolosi..."
"Non vi fidate dei Dem, sono i più pericolosi..."
In un lungo post, Alessandro Di Battista, l'anima pop dei grillini, m attacca ad alzo zero l'alleanza giallo-rossa. Dice di non volere destabilizzare il governo ma molti attivisti sono già con lui
Germania: un neonazista eletto all’unanimità
Germania: un neonazista eletto all’unanimità
Stefan Jagsch, militante del partito di estrema destra NPD, nominato presidente del consiglio comunale di un comune dell’Assia. La furiosa reazione di Berlino