Pence VS Harris, è l’ora dei vice

| Grande attesa per il dibattito dei due candidati alla vicepresidenza, uno scontro fra personaggi diversi, con caratteri forti e l’obbligo di essere più concreti dei loro capi

+ Miei preferiti
Con Donald Trump a mezzo servizio e Joe Biden costretto a ritirare gli spot in cui lo accusa di idiosincrasia nei confronti del popolo americano, diventa fondamentale la sfida televisiva dei due vice: Mike Pence e Kamala Harris.

In programma martedì 7 ottobre (nella notte italiana), è un tradizionale appuntamento delle presidenziali americane anche se in genere considerato un po’ di serie B, e che invece quest’anno promette scintille per il carattere dei due, agli antipodi per stili e visione politica: lui un ultraconservatore e iper-religioso, lei figlia di immigrati che impersona ciò che resta del sogno americano, scalato dai gradini più bassi arrivando a conquistare il ruolo di inflessibile procuratore generale della California e prima donna di colore candidata alla vicepresidenza.

Resta ancora in dubbio se i due si scontreranno dal vivo o in diretta streaming, per evitare i possibili contagi che hanno reso la Casa Bianca il primo focolaio d’America. E pare che la stessa Harris sia stata costretta a evitare gli attacchi personali a Trump in un momento di fairplay deciso dallo sfidante Dem per non prestare il fianco ad accuse di sciacallaggio. Inoltre, secondo diverse ricerche dello staff elettorale di Biden, è scientifico che il giudizio del pubblico verso le donne sia influenzato dalla dose di simpatia e perfino dall’aspetto fisico, abbigliamento compreso. Entrambi sono descritti come scrupolosi, disposti a sottoporsi alle durissime simulazioni preparatorie, ma soprattutto consci di dover dare agli americani indicazioni su progetti e programmi dei prossimi quattro anni, dettagli che non hanno avuto da Joe e Donald, troppo impegnati a sgretolarsi a vicenda. Pence è descritto come un uomo calmo e preparato che è difficile vedere in preda all’ira, la Harris – la vera outsider di queste presidenziali – è invece una donna assai sicura e decisa, maestra nell’arte dell’improvvisazione e capace di colpire dove fa più male.

La posta in palio è altissima: aumentare il vantaggio di Biden, al momento di 14 punti percentuali avanti a Trump, o al contrario ridare fiato alla corsa del presidente in carica verso il secondo mandato. Ma per Pence il valore è addirittura più alto ancora: se mai Trump fosse rieletto, a 74 anni, non è escluso che potrebbe trovarsi di fronte all’eventualità di doverlo sostituire, quindi è doveroso presentarsi agli occhi degli americani come un capitano pronto e capace.

Politica
Quelli che ancora non riconoscono Biden
Quelli che ancora non riconoscono Biden
Putin, Xi Jinping, Erdogan, Bolsonaro e López Obrador: i 5 uomini forti che avevano stretto ottimi rapporti con Trump, non hanno ancora riconosciuto la vittoria di Joe Biden. Il loro silenzio la dice lunga
Il mondo voluto da Donald Trump
Il mondo voluto da Donald Trump
Un’analisi sui rapporti, le visioni e le pretese del presidente americano sui temi più importanti che ha affrontato nei suoi quattro anni alla Casa Bianca. L’immagine vigorosa dell’America è in netto calo ovunque
Europa e Stati Uniti, storia di un amore finito
Europa e Stati Uniti, storia di un amore finito
Trump e i suoi ambasciatori stanno sgretolando la fiducia dell’Europa verso gli Stati Uniti, ormai considerati un partner inaffidabile. Un danno che potrebbe essere irreparabile
Referendum e regionali, cosa dicono all’estero
Referendum e regionali, cosa dicono all’estero
I media internazionali, più che dare spazio agli esiti del referendum, analizzano la sconfitta di Salvini e l’exploit di Zaia. Il governo Conte, secondo gli esperti, ne esce rafforzato
Kamala Harris, la donna che ha sempre lottato
Kamala Harris, la donna che ha sempre lottato
Nel suo primo discorso dopo l’investitura alla possibile vicepresidenza, l’ex procuratore ha tuonato contro Trump ricordando la vita difficile di Biden, “un uomo che pensa prima agli altri che a se stesso, l’esatto contrario del presidente”
Fuochi di rivolta, sanzioni e dimissioni
Fuochi di rivolta, sanzioni e dimissioni
Le tensioni dopo la firma dell’Autonomy Act su Hong Kong da parte di Trump, le dimissioni del premier tunisino e la crisi del governo, contestazioni e manifestazioni contro Putin in Russia: un luglio caldo per la politica internazionale
USA-UE, storia di un rapporto in crisi
USA-UE, storia di un rapporto in crisi
Le crepe dell’alleanza transatlantica diventano sempre più evidenti: il calo di interesse americano verso l’Europa era iniziato con Obama, ma si è addirittura incattivito con Trump
Donald all’angolo
Donald all’angolo
Dopo la rivolta dei generali e del Pentagono, il presidente alle prese con l’inizio dello sbriciolamento nelle file dei Repubblicani, con molti dei “suoi” alleati di partito pronti a girargli le spalle
Dove governano le donne, il virus non è un problema
Dove governano le donne, il virus non è un problema
Alcune delle poche donne premier al mondo stanno facendo un lavoro egregio nella gestione della pandemia. Gli esempi di Taiwan, Germania e Nuova Zelanda, ma anche i più madornali errori di loro colleghi uomini
La scommessa dello zar Vladimir
La scommessa dello zar Vladimir
Putin sfrutta la pandemia per acquistare credibilità sia in patria sia a livello internazionale per ricoprire un ruolo da protagonista – se sarà rieletto – nel prossimo scenario globale. E se i suoi scienziati trovassero il vaccino…