Rousseau, i dati, i numeri, il potere e il si/no ai giallo-rossi

|

+ Miei preferiti

Alla viglia del voto sul sito della Casaleggio Associati a proposito del gradimento dei grillini iscritti sul governo giallo-rosso, il giornalista de "La Stampa" Jacopo Jacoboni, uno degli esperti più preparati sul mondo pentastellato, ha messo insieme una serie di thread su meccanismi, dati e altri aspetti controversi ma interessanti. Qui la pubblicazione integrale.

Redazione ISM

 

Di Jacopo Iacoboni 

Non pochi parlamentari M5S, assai appassionati ormai al loro seggio parlamentare, non vogliono il voto su Rousseau perché sanno bene, loro (a differenza dei commentatori), che cosa significa mettersi in mano alla Piattaforma di Casaleggio

Accetto che chi è abituato alle liste scritte dal capo o a scelte imposte non ne capisca il senso, ma che parlamentari accomodatisi sulle loro poltrone proprio grazie al voto su #Rousseau se ne lamentino adesso è davvero inaccettabile.  Vi potrebbe interessare un mio piccolo thread con alcuni dati sulla piattaforma Rousseau?

1. Ovviamente, tutti sanno che la piattaforma non è una piattaforma, è un semplice sito, molto insicuro e obsoleto, hackerato almeno due volte e sanzionato altrettante (50 mila euro di multa a Casaleggio) dall’Authority italiana su dati e privacy.

2. Piccolo spoiler: le cose interessanti arriveranno alla fine. All’inizio vi ricordo solo cose scontate e di background

LUIGI DI MAIO ROUSSEAU BY TERRE IMPERVIE

3. Le sanzioni, modeste nelle somme, sono molto gravi nei due profili di infrazione: 1. potenziale manipolabilità dei voti. 2. potenziale riconducibilità dei voti ai votanti.

3 bis. Dal punto di vista forense, Stefano Zanero vi spiegherebbe meglio cosa significa. Comunque io, per sbrigarci, vi riassumo che Rousseau è:

insicura

non segreta

manipolabile

4. Ma facciamo un gioco. Volete giocare?

5. Ok. Facciamo come se i punti fin qui esposti non esistessero. Significa che mi sdraio totalmente sulla prospettiva di Casaleggio. Faccio come se fossi in un talk show italiano. Prendo la piattaforma come se fosse trasparente e certificata da ente terzo. Ci state?

6. Mistero grosso su Rousseau è sempre stato: quanti sono gli iscritti che votano?

Allora: gli iscritti sono passati dagli oltre 135 mila di ottobre 2016 ai 150 mila dichiarati ad agosto 2017. Ad agosto 2018 il numero dichiarato da Casaleggio era sceso a 100 mila.

Che significa?

ROUSSEAU IL SISTEMA OPERATIVO

7. Beh, significa che in questi anni, poiché nessuno poteva controllare, hanno dato i numeri.

Il 2 agosto 2017, Davide Casaleggio disse alla Stampa Estera che contava di arrivare in un anno a un milione di iscritti. L’anno dopo, dichiarava iscritti scesi a 100mila?

8. Veniamo alle cose succulente. Gli ultimi due voti davvero importanti sono stati: il via libera al governo M5S con la Lega. E il salvataggio di Salvini da un grave processo.

Ricordate? Molto bene. Ma non credo ricordiate tutto.

9. Anche il voto per il governo M5S con la Lega, passò da Rousseau. Con una piccola decisiva differenza. La piattaforma di Casaleggio disse sì a Salvini 12 giorni prima dell’incarico a Conte. Voto su Rousseau il 18 maggio, incarico il 31.

ROUSSEAU VOTO SUL PROCESSO A SALVINI 4

Qui sotto traduco?

10. Casaleggio e Di Maio non imposero allora al Quirinale di essere sotto-ordinato a Rousseau. Fecero il loro voto, e SOLO DOPO dissero a Mattarella che dicevano sì a Salvini.

Salvini non rischiò di essere fottuto a sorpresa. E il Quirinale fu il luogo supremo, non scavalcato.

11. Ok dai, non vi vedo abbastanza preoccupati. Vediamo i risultati delle due ultime decisive consultazioni.

LUIGI DI MAIO E DAVIDE CASALEGGIO

Dei votanti su Rousseau (44.796 persone; di solito è questo l’ordine numerico di grandezza che vota) il 94% disse sì alla Lega (42.274 persone). Dissero di no solo 2.522

12. Persino in un voto davvero contrario a tutto il giustizialismo dei grillini, quello sul processo a Salvini, Rousseau lo salvò, con buon margine:

il 59% (30.948 iscritti) scelse di concedere l'immunità al ministro dell'Interno. Mentre 21.469 (40,95%) votarono no.

SALVINI CONTE

13. Erano due voti ALTAMENTE “POLITICI”. E questa è la “base elettorale attiva” (quei 50-60 mila che votano, dei 100mila iscritti) su Rousseau: gente che - se scordiamo i primi punti del mio thread - sopporta benissimo la Lega, semmai odia il Pd.

14. Non so come andrà a finire. So solo com’è andata fino ad oggi.

Ah, mi sono appena ricordato che ci sono i punti da 1 a 3: è una piattaforma privata di un’associazione privata di Davide Casaleggio su server privati mai controllati da ente terzo.

Politica
Il mondo voluto da Donald Trump
Il mondo voluto da Donald Trump
Un’analisi sui rapporti, le visioni e le pretese del presidente americano sui temi più importanti che ha affrontato nei suoi quattro anni alla Casa Bianca. L’immagine vigorosa dell’America è in netto calo ovunque
Pence VS Harris, è l’ora dei vice
Pence VS Harris, è l’ora dei vice
Grande attesa per il dibattito dei due candidati alla vicepresidenza, uno scontro fra personaggi diversi, con caratteri forti e l’obbligo di essere più concreti dei loro capi
Europa e Stati Uniti, storia di un amore finito
Europa e Stati Uniti, storia di un amore finito
Trump e i suoi ambasciatori stanno sgretolando la fiducia dell’Europa verso gli Stati Uniti, ormai considerati un partner inaffidabile. Un danno che potrebbe essere irreparabile
Referendum e regionali, cosa dicono all’estero
Referendum e regionali, cosa dicono all’estero
I media internazionali, più che dare spazio agli esiti del referendum, analizzano la sconfitta di Salvini e l’exploit di Zaia. Il governo Conte, secondo gli esperti, ne esce rafforzato
Kamala Harris, la donna che ha sempre lottato
Kamala Harris, la donna che ha sempre lottato
Nel suo primo discorso dopo l’investitura alla possibile vicepresidenza, l’ex procuratore ha tuonato contro Trump ricordando la vita difficile di Biden, “un uomo che pensa prima agli altri che a se stesso, l’esatto contrario del presidente”
Fuochi di rivolta, sanzioni e dimissioni
Fuochi di rivolta, sanzioni e dimissioni
Le tensioni dopo la firma dell’Autonomy Act su Hong Kong da parte di Trump, le dimissioni del premier tunisino e la crisi del governo, contestazioni e manifestazioni contro Putin in Russia: un luglio caldo per la politica internazionale
USA-UE, storia di un rapporto in crisi
USA-UE, storia di un rapporto in crisi
Le crepe dell’alleanza transatlantica diventano sempre più evidenti: il calo di interesse americano verso l’Europa era iniziato con Obama, ma si è addirittura incattivito con Trump
Donald all’angolo
Donald all’angolo
Dopo la rivolta dei generali e del Pentagono, il presidente alle prese con l’inizio dello sbriciolamento nelle file dei Repubblicani, con molti dei “suoi” alleati di partito pronti a girargli le spalle
Dove governano le donne, il virus non è un problema
Dove governano le donne, il virus non è un problema
Alcune delle poche donne premier al mondo stanno facendo un lavoro egregio nella gestione della pandemia. Gli esempi di Taiwan, Germania e Nuova Zelanda, ma anche i più madornali errori di loro colleghi uomini
La scommessa dello zar Vladimir
La scommessa dello zar Vladimir
Putin sfrutta la pandemia per acquistare credibilità sia in patria sia a livello internazionale per ricoprire un ruolo da protagonista – se sarà rieletto – nel prossimo scenario globale. E se i suoi scienziati trovassero il vaccino…