Trump potrebbe non ricandidarsi?

| È un’analisi fatta da alcuni commentatori politici vicini alla Casa Bianca: il presidente sarebbe stanco e nauseato dall’esperienza politica, oltre a temere la sconfitta e l’impechment

+ Miei preferiti
Al momento è forse più una speranza che altro, ma secondo alcuni attenti analisti internazionali, Donald Trump potrebbe decidere di ritirare la propria candidatura per le presidenziali del 2020. Per la verità, stando ai fatti, Trump ha annunciato fin dal suo insediamento, nel gennaio del 2017, che avrebbe corso per la rielezione puntando al secondo mandato, ma adesso le cose potrebbero essere cambiate in modo radicale.

L’analisi è nata in un salotto televisivo americano nel corso del programma di notizie “Newshour”, in onda sul canale pubblico “PBS”, dove alcuni ospiti che frequentano da vicino l’aria che tira alla Casa Bianca, hanno dichiarato che non sarebbero affatto stupiti se Donald dicesse basta alla propria esperienza in politica. A proposito di White House: 64 licenziamenti in 33 mesi, di cui 28 ministri, sono un segnale del malessere, della sfiducia e del disinteresse verso la politica che Trump ha maturato durante il suo mandato.

Oltre alla stanchezza fisica che accusa senza più nascondersi, il livello di fake news che il presidente è solito sparare – attentamente calcolate da diversi siti - pare sia aumentato vertiginosamente, raggiungendo una qualità di “balle” che sfiorano il professionismo. Fra queste, fanno notare, ci sarebbe un fantomatico incontro fra il dittatore nordcoreano Kim Jong-Un e sua moglie Melania (che in verità non c’è mai stato), l’essersi attribuito origini tedesche dicendo che il padre era nato in Germania, quando tutti sanno che era originario del Bronx (la lontana origine della famiglia è tedesca per parte di padre e scozzese dal lato materno), e per finire l’aver affermato di essere “prescelto dal Signore” per la missione di guidare il popolo americano.

Ma la decisione potrebbe arrivare più che altro per questioni anagrafiche: a 75 anni suonati, imbarcarsi nuovamente in una campagna elettorale lunga e asfissiante con comizi da un capo all’altro degli Stati Uniti, potrebbe essere una prova ormai troppo ardua per Trump, costretto per di più a doversi giustificare di fronte all’elettorato per quello che aveva promesso e non ha mantenuto (il muro, l’Obama-care, il deficit da ridurre, i dazi con la Cina e il rispetto del mondo verso gli Stati Uniti), oltre alla probabile ondata di recessione annunciata dagli economisti nel 2021.

Anche perché, pare abbia ammesso lui stesso di sentirsi sfibrato dall’esame continuo a cui viene sottoposta ogni sua parola e dall’impossibilità di “fare il boss dai poteri assoluti”, come immaginava, con la conseguenza di minare nel profondo una forma di narcisismo ipertrofica che lo rende irascibile di fronte alle critiche. 

Ci sarebbe anche la minaccia di impeachment, che è sempre nell’aria e a fasi alterne sembra pronta a esplodere, minacciata da oltre 20 indagini attualmente attive sul suo conto. E come se ancora non bastasse, un sondaggio interno alla Casa Bianca al momento lo darebbe ampiamente sconfitto, dettaglio che lo smisurato orgoglio non gli permetterebbe di accettare. È vero, secondo la costituzione Trump potrebbe continuare a governare anche in caso di sconfitta, ma questa è un’eventualità che neanche i Repubblicani gli concederanno mai.

Per finire, una decisione che potrebbe anche essere figlia del tentativo di proteggere la sua famiglia, finita nell’occhio del ciclone e continuamente sotto i riflettori, qualsiasi cosa faccia o dica. Trump, concludono, potrebbe scegliere di candidare il suo vice, Mike Pence, e ritirarsi in pace nel suo resort in Florida, a Mar-a-Lago, l’unico posto al mondo dove si sente bene.

Politica
Quelli che ancora non riconoscono Biden
Quelli che ancora non riconoscono Biden
Putin, Xi Jinping, Erdogan, Bolsonaro e López Obrador: i 5 uomini forti che avevano stretto ottimi rapporti con Trump, non hanno ancora riconosciuto la vittoria di Joe Biden. Il loro silenzio la dice lunga
Il mondo voluto da Donald Trump
Il mondo voluto da Donald Trump
Un’analisi sui rapporti, le visioni e le pretese del presidente americano sui temi più importanti che ha affrontato nei suoi quattro anni alla Casa Bianca. L’immagine vigorosa dell’America è in netto calo ovunque
Pence VS Harris, è l’ora dei vice
Pence VS Harris, è l’ora dei vice
Grande attesa per il dibattito dei due candidati alla vicepresidenza, uno scontro fra personaggi diversi, con caratteri forti e l’obbligo di essere più concreti dei loro capi
Europa e Stati Uniti, storia di un amore finito
Europa e Stati Uniti, storia di un amore finito
Trump e i suoi ambasciatori stanno sgretolando la fiducia dell’Europa verso gli Stati Uniti, ormai considerati un partner inaffidabile. Un danno che potrebbe essere irreparabile
Referendum e regionali, cosa dicono all’estero
Referendum e regionali, cosa dicono all’estero
I media internazionali, più che dare spazio agli esiti del referendum, analizzano la sconfitta di Salvini e l’exploit di Zaia. Il governo Conte, secondo gli esperti, ne esce rafforzato
Kamala Harris, la donna che ha sempre lottato
Kamala Harris, la donna che ha sempre lottato
Nel suo primo discorso dopo l’investitura alla possibile vicepresidenza, l’ex procuratore ha tuonato contro Trump ricordando la vita difficile di Biden, “un uomo che pensa prima agli altri che a se stesso, l’esatto contrario del presidente”
Fuochi di rivolta, sanzioni e dimissioni
Fuochi di rivolta, sanzioni e dimissioni
Le tensioni dopo la firma dell’Autonomy Act su Hong Kong da parte di Trump, le dimissioni del premier tunisino e la crisi del governo, contestazioni e manifestazioni contro Putin in Russia: un luglio caldo per la politica internazionale
USA-UE, storia di un rapporto in crisi
USA-UE, storia di un rapporto in crisi
Le crepe dell’alleanza transatlantica diventano sempre più evidenti: il calo di interesse americano verso l’Europa era iniziato con Obama, ma si è addirittura incattivito con Trump
Donald all’angolo
Donald all’angolo
Dopo la rivolta dei generali e del Pentagono, il presidente alle prese con l’inizio dello sbriciolamento nelle file dei Repubblicani, con molti dei “suoi” alleati di partito pronti a girargli le spalle
Dove governano le donne, il virus non è un problema
Dove governano le donne, il virus non è un problema
Alcune delle poche donne premier al mondo stanno facendo un lavoro egregio nella gestione della pandemia. Gli esempi di Taiwan, Germania e Nuova Zelanda, ma anche i più madornali errori di loro colleghi uomini