Guidi un’auto di lusso? Hai un brutto carattere

| Due ricerche, la più recente realizzata in Nevada, mettono in stretta correlazione la potenza e l’esclusività delle auto con il carattere di chi le guida, spesso arrogante, asociale, antipatico e vanitoso

+ Miei preferiti
Status symbol, ricchezza, posizione sociale, successo, vanità: che l’auto potente e costosa fosse un’equazione per indicare una persona scontrosa, superba, antipatica ed egoista era cosa nota.  Ma mai, fin d’ora, la scienza si era spinta così avanti, fino a dimostrarlo.

Secondo i risultati di un recentissimo studio, gli esperti appaiono come raramente capita piuttosto d’accordo: i guidatori di auto lussuose sono i peggiori soggetti che si aggirano sulle strade, quelli meno disposti di fermarsi per permettere ai pedoni di attraversare la strada.

La ricerca, realizzata dall’Università del Nevada ha dimostrato che i proprietari di veicoli lussuosi “provano un senso di superiorità rispetto agli altri utenti della strada” e appaiono meno capaci di entrare in empatia con il prossimo.

Una conclusione a cui sono giunti dopo aver chiesto ad un gruppo di volontari di attraversare un marciapiede centinaia di volte, filmando e analizzando le reazioni degli automobilisti. Per l’esperimento sono stati scelti un uomo e una donna bianchi e altrettanti di colore, scoprendo anche che gli automobilisti in genere sono più propensi a cedere il passo ai bianchi e le donne. I veicoli si sono fermati il 31% del tempo sia per le donne che per i bianchi, rispetto al 24% riservato alle persone di colore. “Sentimenti egoistici di diritto e narcisismo possono portare ad una mancanza di empatia verso i pedoni tra i proprietari di auto costose”, è stato teorizzato nello studio.

La scoperta di una stretta correlazione tra il valore dell’auto e il comportamento dell’automobilista non è una novità: la ricerca, pubblicata sul “Journal of Transport and Health”, cita anche un altro studio realizzato in Finlandia il mese scorso che ha dipinto i possessori di veicoli lussuosi come “polemici, testardi, sgradevoli e sociopatici”. Secondo l’indagine, condotta dall’Università di Helsinki su 1.892 automobilisti, le persone dal carattere più sgradevole e scostante sono “attratte dalle auto di alto livello”. Per contro, è stato appurato che non è una regola fissa: anche le persone coscienziose amano le auto di lusso.

“Avevo notato con i miei occhi che i più propensi a passare col rosso, a non cedere il passo ai pedoni, a guidare incautamente e troppo velocemente era spesso chi guida auto veloci tedesche”, ha commentato Jan-Erik Lönnqvist dell’Università di Helsinki. Così, per dimostrare la teoria, ha voluto scoprire che tipo di persona ha più probabilità di acquistare un’auto costosa, creando un test di personalità dei proprietari di auto finlandesi. “Le risposte sono state inequivocabili: gli uomini egocentrici sono molto più propensi a possedere un’auto di categoria superiore come un’Audi, una BMW o una Mercedes. Questi tratti della personalità spiegano il desiderio di acquistare prodotti di alto livello, e spiegano anche perché queste persone infrangono le regole del traffico più frequentemente di altre”.

Psicologia
Il cervello è mio e lo gestisco io (o no?)
Il cervello è mio e lo gestisco io (o no?)
La nostra mente distingue i pensieri nostri da quelli di altre persone, ma come fa a essere sicura che non siano di qualcun altro? Un esperimento ha messo in evidenza come copiamo i ragionamenti di chi ci sta vicino e li rendiamo nostri
Uno studio australiano teme un’ondata di suicidi
Uno studio australiano teme un’ondata di suicidi
Piccoli imprenditori travolti dai debiti e giovani rimasti senza alcuno sbocco: un report lancia un allarme che potrebbe riguardare i prossimi cinque anni
Avventura e mare, la meglio vacanza 2019
Avventura e mare, la meglio vacanza 2019
Una ricerca afferma che siamo catalogati anche per come scegliamo le nostre ferie. C’è chi ama l’assoluto relax, chi viaggiare per musei, chi ancora preferisce esplorare luoghi esotici. Quest’estate la vacanza media durerà due settimane
La fisica del parcheggio
La fisica del parcheggio
Due scienziati si sono chiesti se è meglio parcheggiare al primo posto trovato o avvicinarsi alla destinazione e rischiare di tornare indietro. Con l'indagine hanno identificato 3 tipi di guidatori e sono giunti alla conclusione che…
La memoria cancellata
La memoria cancellata
Dei primi anni di vita raramente restano ricordi nitidi: per Freud è l’amnesia infantile, con la quale a causa di un trauma sessuale reprimiamo i ricordi. In ogni caso, lasciano un’impronta indelebile su come affronteremo la vita
Il paradosso dell’ignoranza
Il paradosso dell’ignoranza
Perché gli ignoranti pensano sempre di aver ragione e come ha fatto la scienza a spiegarlo con l’effetto Dunning-Kruger. Tutto ha origine dalla storia di un rapinatore che si credette invisibile per un po’ di succo di limone sul volto
L’illusione del tempo che corre
L’illusione del tempo che corre
Pur sapendo bene che un minuto è un minuto, la percezione che abbiamo dello scorrere dei secondi che lo compongono può variare di molto. Stress, impegni, età possono condizionare le nostre sensazioni
La scelta obbligata
La scelta obbligata
Gli esperti delle strategie di vendita si sono alleati con neurologi e psicologi per dare vita al neuro-marketing, spingendoci verso acquisti che riteniamo di fare in totale autonomia e che invece sono guidati e condizionati
Guardami negli occhi…
Guardami negli occhi…
Uno studio giapponese rivela che fissare negli occhi un interlocutore e nello stesso parlargli è difficile per il cervello, che perciò spinge a distogliere lo sguardo. Non si tratta di timidezza, ma di una scelta della nostra intelligenza