Kona Electric, il colpo doppio di Hyundai

| Il piccolo crossover coreano lancia la sfida al segmento B con una sfiziosa versione full-electric. E' una delle tante novità del Salone di Ginevra

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Suv ed elettrico: il mercato dell’auto, in questo momento storico, parla così, è chiaro a tutti. La sfida è portare sull’altare due mondi all’apparenza distanti, ma bisognosi uno dell’altro. A provarci per primi sono i coreani di Hyundai, che per l’ormai prossimo Salone di Ginevra hanno pronto il loro crossover di piccole dimensioni in un’inedita versione eco-sorridente: la Kona Electric.

È una sorta di sfida lanciata dalla Corea all’appetibile segmento B, quello dove la domanda è ancora alta e le emissioni zero rappresentano un appeal in più, specie di fronte alle nuvole nere che si addensano sul diesel.

Leggi anche

http://www.italiastarmagazine.it/carindustry/diesel-la-grande-fuga-2316

Due le motorizzazioni previste per la Kona Electric: una versione entry level con motore da 135 CV e batteria da 39,2 kWh, per 300 km di autonomia con una singola carica. Ed una versione “long range” da 204 CV e 395 Nm, batteria da 64 kWh, accelerazione 0-100 in 7,6 secondi, 167 km/h di velocità massima e autonomia portata a 470 km.

A livello visivo poco cambia rispetto alle versione con motore termico: la differenza più evidente sono la calandra chiusa che aiuta perfino a rendere più filante l’aspetto, e i gruppi ottici con luci diurne a Led al di sopra dei fanali anteriori. A cambiare sono le misure, che crescono di 15 mm in lunghezza e 20 in altezza, mentre perde 30 litri il bagagliaio, che si ferma a 332 litri rispetto ai 361 della versione con motore termico.

Tecnicamente, la Kona Electric è dotata di cambio “shift-by-wire” e sistema di frenata rigenerativa che consente di recuperare energia. L’infotainment raggruppa funzioni di navigazione e comunicazione, con predisposizione e base di ricarica “Apple CarPlay” e “Android Auto”, mentre la sicurezza è garantita da “Hyundai SmartSense”, un cruise control adattivo con funzione Stop & Go, frenata automatica, rilevamento pedoni e veicoli, mantenimento della corsia, monitoraggio angoli ciechi, rilevamento del livello di stanchezza del guidatore, rilevatore limiti di velocità e avviso di possibili urti posteriori.

All’interno quadro strumenti con schermo da 7” e Head-up display. Ampio spazio alle personalizzazioni con sette colori carrozzeria e tre per il tetto, per un totale di 21 combinazioni possibili. Scelta anche per i rivestimenti interni, che vanno dalla pelle al tessuto al mix dei due.

Video
Galleria fotografica
Kona Electric, il colpo doppio di Hyundai - immagine 1
Kona Electric, il colpo doppio di Hyundai - immagine 2
Kona Electric, il colpo doppio di Hyundai - immagine 3
Kona Electric, il colpo doppio di Hyundai - immagine 4
Kona Electric, il colpo doppio di Hyundai - immagine 5
Red Carpet
Il diavolo veste Dodge
Il diavolo veste Dodge
Debutta sul mercato americano l’infernale Challenger SRT Hellcat Redeye, un mostro da 797 CV che macina 327 km/h
Maserati Ghibli Ribelle: black si back
Maserati Ghibli Ribelle: black si back
Edizione limitata 200 esemplari, caratterizzata da una speciale vernice nero micalizzata e finiture specifiche
Addio al Maggiolino Volkswagen
Addio al Maggiolino Volkswagen
La data ultima è luglio 2019: in attesa dell’uscita di scena, arrivano due limited edition
Mercedes GLE, dancing queen
Mercedes GLE, dancing queen
La regina dei Suv di taglia XXL vuole riprendersi lo scettro: elegante, muscolosa, tecnologicamente avanzatissima, ha il carattere della vera ammiraglia
“Futurista”: the Lancia Delta reloaded
“Futurista”: the Lancia Delta reloaded
Venti esemplari a 300mila euro ciascuno: è l’unico limite di un’idea della Automobili Amos, azienda che ha voluto ridare la passerella alla leggenda dei Rally
Bugatti Divo, il jet stradale
Bugatti Divo, il jet stradale
I 1.500 CV spremuti dal W16 quadriturbo da 8.000 cc permettono di toccare i 380 km/h. Peccato che per averla sarebbero serviti almeno cinque milioni di euro
Renault Arkana, il suv sposa il coupé
Renault Arkana, il suv sposa il coupé
Presentato in queste ore al Mias di Mosca, fa parte dell’offensiva per conquistare il ghiotto mercato russo, ma è probabilmente destinato ad arrivare ovunque
Audi Q3, la piccola è cresciuta
Audi Q3, la piccola è cresciuta
Dalle misure alle dotazioni, dal lusso alla tecnologia, l’urban suv della dinastia “Q” non ha più nulla da invidiare alle sorelle maggiori
Porsche Macan 2019: stay connected
Porsche Macan 2019: stay connected
Restyling pesante per il piccolo Suv made in Stoccarda, sempre più sofisticato, lussuoso, connesso e disposto ad assistere e aiutare chi guida
Master and commander
Master and commander
Il ritorno della BMW Serie 8, icona assoluta degli anni Novanta diventata una GT dai raffinati piaceri tecnologici