Chiude il naked restaurant di Parigi

| Dopo Londra e New York, la cena completamente nudi aveva conquistato anche la Ville Lumiére. Ma dopo poco più di un anno i proprietari annunciano la chiusura per problemi finanziari

+ Miei preferiti
“O’Naturel” era stato il primo ristorante nudista di Parigi: una clamorosa novità anche per la disinibita capitale francese, arrivata nel novembre 2017, terza dopo le aperture di Londra e New York. L’idea dei gemelli Mike e Stéphane Saada era così sensazionale da rischiare il successo o il flop più clamoroso. Almeno sul momento era andata bene, e trovare posto ai tavoli di O’Naturel, al numero 9 di rue de Gravelle, nel 12esimo arrondissement, non era affatto semplice.

Con un post sulle pagine social e un annuncio sul sito ufficiale, il ristorante ha annunciato la chiusura definitiva il prossimo 16 febbraio. Ufficialmente si parla di problemi finanziari, senza specificare che la colpa possa essere la fine di un momento di eccezionale clamore iniziale, seguito da uno sbadiglio.

Le recensioni erano entusiastiche, non solo per la qualità del cibo ma anche per l’esperienza unica di mangiare completamente nudi in un locale affollato da altra gente, ugualmente nuda, ma divisi da provvidenziali tende bianche che nascondevano le pudenda. “Un grande ristorante, futuristico e audace - scriveva un critico lo scorso agosto - che promuove i valori del naturismo e della tolleranza, da vivere insieme, come siamo, in osmosi con la natura”.

Per accedere, i 40 ospiti devono prima liberarsi di ogni cosa in uno spogliatoio: non solo i vestiti ma anche tablet, smartphone e qualsiasi altro oggetto in grado di scattare foto.

“Non appena i clienti entrano in sala li accompagniamo al loro tavolo per rassicurarli. Non sono rare serate in cui tutti i commensali finiscono per avvicinarsi, ma qui dentro non è consentito fare altro che mangiare: cosa succede quando escono non è affar nostro”.

Il naturismo in Francia sta vivendo un momento di grande espansione: si contano circa 2,6 milioni di praticanti che si dividono 460 fra spiagge, piscine e campeggi creati appositamente per loro. Nell’agosto 2017, al Bois de Vincennes, un parco pubblico di Parigi, è stata lanciata una zona nudista di 7.300 mq, mentre il 5 maggio dello scorso anno la galleria d’arte contemporanea Palais de Tokyo ha aperto le sue porte ai naturisti per un pomeriggio d’arte. A giugno, l’Associazione Nudisti ha ospitato un gigantesco picnic per naturisti.

Galleria fotografica
Chiude il naked restaurant di Parigi - immagine 1
Chiude il naked restaurant di Parigi - immagine 2
Chiude il naked restaurant di Parigi - immagine 3
Ristoranti
No grazie, niente stella
No grazie, niente stella
Da anni, Eo Yun-gwon, chef coreano che si è formato a Milano, tentava di rifiutare la celebre stella Michelin, ma continuava ad esserci. Così ha deciso di potare la faccenda in tribunale
I Bastianich scaricano Mario Batali
I Bastianich scaricano Mario Batali
La B&B Hospitality Group, società che possedeva decine di ristoranti in tutto il mondo è in crisi a causa delle accuse piovute sul nome dello chef, da diversi anni socio del celebre giudice di MasterChef
MasterChef Experience
MasterChef Experience
Apre a Dubai il primo ristorante ispirato al talent show culinario più celebre di tutti. Nel menù le migliori ricette dei vincitori di tutto il mondo
Le stelle Michelin Italia 2020
Le stelle Michelin Italia 2020
33 novità su un totale di 374 ristoranti stellati: Milano trionfa con Enrico Bartolini, mentre Vissani ne perde una e grida alla congiura
Il ristorante dove (quasi sempre) sbagliano gli ordini
Il ristorante dove (quasi sempre) sbagliano gli ordini
Ha aperto a Tokyo da poco e si chiama proprio così, Restaurant of Mistakes Orders. Il motivo è semplice: tutto il personale è rappresentato da persone affette da deficit mentali
Il galateo a tavola all’estero
Il galateo a tavola all’estero
Ogni paese ha le proprie abitudini e magari considera sconveniente qualcosa che per altri, al contrario, è del tutto normale. "TheFork" ha stilato un piccolo vademecum per i vacanzieri
Jamie Oliver: un buco da 28 milioni di euro
Jamie Oliver: un buco da 28 milioni di euro
Sono i conti che circolano in questi giorni nel Regno Unito: lo chef costretto a mettere mano al proprio patrimonio per saldare dipendenti e creditori
Lavorare per Antonino
Lavorare per Antonino
Il celebre chef napoletano è alla ricerca di diverse figure professionali per i suoi locali. Il link per candidarsi
Noi due nel mondo (e a tavola)
Noi due nel mondo (e a tavola)
Guida pratica al gran figurone epocale per San Valentino: i ristorante “table for two”, dove celebrare l’amore da soli
Michelin 2018: quando una stella nasce
Michelin 2018: quando una stella nasce
Assegnato il massimo riconoscimento per l'edizione 2018 della guida più celebre del mondo. Novità, conferme e delusioni nell'olimpo degli chef