E per pranzo, un Lego-burger

| Nelle Filippine, un fast food propone panini realizzati come i celebri mattoncini che hanno accompagnato l'infanzia di intere generazioni

+ Miei preferiti

Con i celebri mattoncini Lego, quelli nati nel 1949 dalla fantasia di un carpentiere danese, ormai hanno veramente riprodotto di tutto: dai monumenti più celebri alle riproduzioni di auto, aerei, navi, personaggi storici e animali. All'appello mancava solo il food, ma era un passaggio difficile da aspettarsi, visto che la forma dei mattoncini non si presta molto a quella dei cibi. A rimediare ci ha pensato il "Brick Burger", il primo fast-food in cui non solo l'arredamento è ispirato ai celebri mattoncini, ma perfino i panini sono realizzati in modo da sembrare fantasiose costruzioni a incastro.

Il primo locale a tema Lego, aperto lo scorso anno a Pasig City, nelle Filippine, da Jergs Correa, imprenditore e grande appassionato di mattoncini fin dalla più tenera età, ha un menù composto da dieci diversi Lego-burger: dai più classici, con carne, lattuga e pomodoro, a quello che ricorda il "mac and cheese" americano, per arrivare a quelli più ricercati, come la variante "wild", con aglio e cipolla ricoperti di salsa barbecue, ed il "Darth Burger", a base di cipolle caramellate, funghi e bacon.

Dopo aver mangiato, per digerire i mattoncini, gli ospiti possono dare sfogo alla propria creatività giocando con le migliaia di Lego a disposizione di tutti.

Ristoranti
I Bastianich scaricano Mario Batali
I Bastianich scaricano Mario Batali
La B&B Hospitality Group, società che possedeva decine di ristoranti in tutto il mondo è in crisi a causa delle accuse piovute sul nome dello chef, da diversi anni socio del celebre giudice di MasterChef
MasterChef Experience
MasterChef Experience
Apre a Dubai il primo ristorante ispirato al talent show culinario più celebre di tutti. Nel menù le migliori ricette dei vincitori di tutto il mondo
Il galateo a tavola all’estero
Il galateo a tavola all’estero
Ogni paese ha le proprie abitudini e magari considera sconveniente qualcosa che per altri, al contrario, è del tutto normale. "TheFork" ha stilato un piccolo vademecum per i vacanzieri
Jamie Oliver: un buco da 28 milioni di euro
Jamie Oliver: un buco da 28 milioni di euro
Sono i conti che circolano in questi giorni nel Regno Unito: lo chef costretto a mettere mano al proprio patrimonio per saldare dipendenti e creditori
Lavorare per Antonino
Lavorare per Antonino
Il celebre chef napoletano è alla ricerca di diverse figure professionali per i suoi locali. Il link per candidarsi
Noi due nel mondo (e a tavola)
Noi due nel mondo (e a tavola)
Guida pratica al gran figurone epocale per San Valentino: i ristorante “table for two”, dove celebrare l’amore da soli
Chiude il naked restaurant di Parigi
Chiude il naked restaurant di Parigi
Dopo Londra e New York, la cena completamente nudi aveva conquistato anche la Ville Lumiére. Ma dopo poco più di un anno i proprietari annunciano la chiusura per problemi finanziari
Michelin 2018: quando una stella nasce
Michelin 2018: quando una stella nasce
Assegnato il massimo riconoscimento per l'edizione 2018 della guida più celebre del mondo. Novità, conferme e delusioni nell'olimpo degli chef
Vado di fretta, solo un po' di tartufo
Vado di fretta, solo un po
Quando la realtà supera la fantasia, può succedere che nasca il primo fast food al mondo dedicato al tubero più prezioso. Con prezzi da pranzo veloce e sapori da ristorante stellato
La crisi profonda delle stelle Michelin
La crisi profonda delle stelle Michelin
La fama della celebre guida Michelin, bibbia della ristorazione mondiale, sembra vacillare: tanti gli chef che pur di ottenere una stella si sono rovinati e molti quelli morti suicidi. Oggi, sono sempre di più quelli che dicono no, grazie